Poesia di Pasqua: "Il pianto della Madonna" di Angiolo Silvio Novaro

Il pianto della Madonna

Con le lacrime, con che duolo
contempli il tuo Figliuolo
che mano feroce
costrinse alla croce!
Con che cuore, ohimè, lo vedi,
trafitto nei polsi e nei piedi
e ferito di punta e di lancia,
livido il petto, livida la guancia!
E ti stringi col seno e i ginocchi
al sacrosanto legno,
e piangi, piangi senza ritegno
e sul tuo disfatto viso
cola il sangue dell'ucciso!
Mentre la terra trema
e il sole viene meno
accoglilo sul seno,
bacialo piano piano
sul costato e sulla mano
e sulle palpebre chiuse
il Diletto che il sangue effuse:
e poi lascia che i pietosi
l'ungano con oli odorosi
e riceva a notte oscura
furtiva sepoltura!

Angiolo Silvio Novaro

Link correlati a questo post:

Pasqua

Antologia

Racconti e poesie d'Autore

Visualizza e stampa con Google Docs

Commenti

Post popolari in questo blog

Argomenti stagionali: brevi unità didattiche relative all'autunno.

I frutti dell'autunno

L'autunno

Che cos'è la geografia?

La descrizione di un ambiente naturale (minimo 10 - massimo 15 righe) traccia del lavoro

Schema utile alla descrizione di un ambiente naturale.

Testi utili per il riassunto

Poesie sull'autunno

I nomi concreti e i nomi astratti

I nomi difettivi, sovrabbondanti, invariabili: spiegazioni ed esercizi per la scuola primaria.