DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

mercoledì 30 luglio 2014

Prova d'ingresso per la quarta classe della scuola primaria. - Scheda stampabile


.........................................              …....................................

La lepre e la tartaruga

La lepre un giorno si vantava con gli altri animali: - Nessuno può battermi in velocità - diceva - sfido chiunque a correre come me. La tartaruga, con la sua solita calma, disse: - Accetto la sfida. - Questa è buona – esclamò la lepre e scoppiò a ridere.
-Non vantarti prima di aver vinto replicò la tartaruga. - Vuoi fare questa gara? -Così fu stabilito un percorso e dato il via.
La lepre partì come un fulmine: quasi non si vedeva più, tanto era già lontana. Poi si fermò, e per mostrare il suo disprezzo verso la tartaruga si sdraiò a fare un sonnellino. La tartaruga intanto camminava con fatica, un passo dopo l'altro, e quando la lepre si svegliò, la vide vicina al traguardo. Allora si mise a correre con tutte le sue forze, ma ormai era troppo tardi per vincere la gara.
La tartaruga sorridendo disse: "Non serve correre, bisogna partire in tempo."
Esopo

A1. Chi sono i protagonisti della storia?
A. La lepre.
B. La tartaruga.
C. La lepre e la tartaruga.


A2. Di cosa si vantava la lepre:
A. Di essere il più veloce degli animali.
B. Di battere la tartaruga.
C. Di essere il re degli animali.

A3. Perché la tartaruga accettò la sfida della lepre?
A. Sapeva di correre più veloce.
B. Sperava nella fortuna.
C. Immaginava che la lepre fosse troppo sicura di sé.

A4. Perché la tartaruga vinse la gara :
A. Corse più veloce.
B. La lepre ebbe un incidente.
C. La lepre, sicura della vittoria, si fece un bel pisolino.



A5. Cosa ci insegna questa storia:
A. A non essere presuntuosi.
B. Ad allenarsi ogni giorno per correre più veloci.
C. A partecipare a tante gare di corsa.
A6. Nella frase: “Nessuno può battermi in velocità”, qual è il nome comune?
A. velocità.
B. può.
C. Nessuno.


A7. Nella frase: “... esclamò la lepre”, il verbo è espresso:
A. Al presente.
B. Al futuro semplice.
C. Al passato remoto.


A.8 Nella frase: “ … per mostrare il suo disprezzo, la parola suo è:
A. Un aggettivo qualificativo.
B. Una preposizione semplice.
C. Un aggettivo possessivo.


A9. Nella frase: “Accetto la sfida”, quale parola ha la funzione di soggetto:
A. sfida.
B. accetto.
C. io.


A10. Nella frase: “ Accetto la sfida ”, la parola sfida in grammatica è:
A. Un soggetto.
B. Un complemento oggetto.
C. Un predicato verbale.




»»  leggi tutto

Dettato ortografico ed esercizi di grammatica per la scuola media.

Dettato ortografico di frasi
  1. Te l'ho ripetuto più vole ma non mi hai dato ascolto.
  2. Ho acquistato dell'ottimo tè inglese.
  3. L'hanno chiamato per un colloquio di lavoro l'anno scorso.
  4. Hai fame? Mangeremo dei panini al prosciutto sulla riva della spiaggia.
  5. I Romani, prima di partire per la guerra, edificavano templi alla dea Fortuna.
  6. Un'anziana signora, seduta su una panchina del parco, ripensa con nostalgia alla sua giovinezza.

Trasforma nelle seguenti frasi i verbi all'infinito
  • Spero che Lucia andare a riposare.
  • Giorgio comprendere ben presto l'errore commesso.
  • Non è bene che tu ti recare ai campionati regionali da solo, essere più tranquillo se ti fare accompagnare dalla professoressa.
  • Si accorgere della sua assenza troppo tardi.

  • Spero che Lucia vada a riposare.
  • Giorgio comprese ben presto l'errore commesso.
  • Non è bene che tu ti rechi ai campionati regionali da solo, sarei più tranquillo se ti facessi accompagnare dalla professoressa.
  • Si accorse della sua assenza troppo tardi.

»»  leggi tutto

Vocabolario per la scuola primaria - viale

viale [vià-le] nome maschile: una via larga fiancheggiata da alberi.

"Prima di arrivare alla villa ho dovuto percorrere un lungo viale".
»»  leggi tutto

Vocabolario per la scuola primaria - viandante

viandante [vian-dàn-te] nome maschile: persona che compie a piedi un lungo viaggio.

"Per strada ho incontrato un viandante che chiedeva informazioni sulla città".
»»  leggi tutto

Vocabolario per la scuola primaria - viceversa

viceversa [vi-ce-vèr-sa] avverbio: in senso contrario, in direzione opposta.

"Sono andato in aereo da Roma a Milano e viceversa".
»»  leggi tutto

Vocabolario per la scuola primaria - vicino

vicino [vi-cì-no] aggettivo: poco distante nello spazio e nel tempo, non molto lontano.

"La piscina si trova vicino alla mia casa".

"Il giorno del tuo compleanno è sempre più vicino".
»»  leggi tutto

martedì 29 luglio 2014

Vocabolario per la scuola primaria - vicolo

vicolo [vì-co-lo] nome maschile: via, strada, molto piccola e stretta.

"Sono finito in un vicolo cieco (senza via d'uscita)".
»»  leggi tutto

Vocabolario per la scuola primaria - video

video [vi-dè-o] nome maschile: schermo del televisore o del computer; filmato.

"Ho acquistato un nuovo video per il mio computer".

"Ho visto il mio video preferito su you tube".


»»  leggi tutto

Vocabolario per la scuola primaria - vietare

vietare [vie-tà-re] verbo transitivo: proibire, non consentire.

"E' vietato posteggiare l'automobile nello spazio riservato ai disabili".
»»  leggi tutto

Vocabolario per la scuola primaria - vigilare

vigilare [vi-gi-là-re] verbo intransitivo: sorvegliare, controllare con attenzione.

"La polizia vigilò per tutta la notte l'intero quartiere".
»»  leggi tutto