Post

"X agosto" di Giovanni Pascoli - Prosa della poesia (per una classe quinta della scuola primaria)

Immagine
X agosto
San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché sì gran pianto nel concavo cielo favilla.
Ritornava una rondine al tetto: l'uccisero: cadde tra spini: ella aveva nel becco un insetto: la cena dei suoi rondinini.
Ora è là, come in croce, che tende quel verme a quel cielo lontano; e il suo nido è nell'ombra, che attende che pigola sempre più piano.
Anche un uomo tornava al suo nido: l'uccisero: disse: Perdono; e restò negli aperti occhi un grido: portava due bambole in dono…
Ora là, nella casa romita, lo aspettano, aspettano in vano: egli immobile, attonito, addita le bambole al cielo lontano.
E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale, oh! d'un pianto di stelle lo inondi

La mia scuola - Traccia del tema per la classe terza della scuola primaria

Immagine
La mia scuola
Traccia del tema
Introduzione
Dov’è la tua scuola? Come ci arrivi? Vai da solo? Ti accompagnano i tuoi genitori? Vi è un mezzo particolare della scuola? Come si presenta all’esterno la tua scuola? E’ grande, piccola, moderna, vecchia. Come è la via in cui è situata?
Svolgimento
Come è articolata la scuola al suo interno? (Le aule, il cortile, la palestra, i corridoi). Odori e rumori della scuola. Le sue figure particolari: il bidello, il Direttore, le maestre e i maestri. Racconta qualche storiella che è successa nella tua scuola.
Conclusione Il tuo giudizio sulla scuola che frequenti. La trovi: bella, brutta, comoda, fredda, ecc.
Tema
La mia scuola
La mia scuola è lontana da casa mia. Mi accompagna sempre la mamma ma io vorrei andare da sola. La mia scuola all’esterno è molto pulita, solo che certi bambini danno dei calci al pallone e così è un po’ rotta nei fondi dei muri. E’ grande e vecchia solo che hanno messo delle cose nuove. La strada che arriva a piazza Roma è piena di ville…

Festa della Repubblica, 2 giugno 2017

Immagine
Festa della Repubblica, 2 giugno 2017 
“la libertà è come l’aria. Ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare, quando si sente quel senso di asfissia che gli uomini della mia generazione hanno sentito per vent’anni e che io auguro a voi giovani di non sentire mai. E vi auguro di non trovarvi mai a sentire questo senso di angoscia, in quanto vi auguro di riuscire a creare voi le condizioni perché questo senso di angoscia non lo dobbiate provare mai, ricordandovi ogni giorno che sulla libertà bisogna vigilare, vigilare dando il proprio contributo alla vita politica…” Piero Calamandrei Viva La Costituzione repubblicana, viva l’Italia!

Tema: "Non avevo eseguito i compiti ..." - Schema del testo

Immagine
Tema

Non avevo eseguito i compiti ...

Schema del testo

Personaggi
Io, la maestra Rosi, Bibi

Ambiente
La classe della mia scuola

Problema
Non avevo eseguito i compiti e avevo paura di prendere una nota

Soluzione del problema
Copio le divisioni dal quaderno di Bibi

Conclusione
Presi un bel voto, ma non ero contenta

Un giorno la maestra Rosi doveva correggere le divisioni che erano state assegnate per compito nell'ultima ora di lezione ed io non avevo eseguito le divisioni.
Avevo molta paura di prendere una nota e così nell'intervallo mi nascosi il quaderno sotto il banco e cominciai ad eseguire i compiti, però non riuscivo a fare una divisione e senza farmi vedere da Bibi mi presi il suo quaderno.
Guardai la divisione che non riuscivo a fare. Poi arrivò Bibi e allora misi il suo quaderno nella sua cartella. Quando nell'ultima ora la maestra mi corresse il compito mi disse che ero stata brava perché non avevo commesso nessun errore.
Anche se presi un bel voto sentivo un velo di tri…

Didattica scuola primaria: i post più popolari della settimana.

Immagine

Le consonanti c e q: spiegazioni ed esercizi di verifica d'ortografia

Immagine
Le consonanti c e q

La consonante q è sempre seguita dalla vocale u (con la quale forma un gruppo indivisibile [es. qua - dro]) e da un'altra vocale che normalmente è a, e, i. Fanno eccezione le parole: arcuato, circuito, cui, evacuare, taccuino.
Davanti al dittongo uo, si usa di preferenza la c. Fanno eccezione: quota, iniquo, quotidiano, liquore, obliquo, quoziente.
La lettera q si raddoppia solo nella parola soqquadro.

Esercizio di verifica

Ascolto, rifletto, scrivo, rileggo:

quaderno, cuore, acquazzone, taccuino, aquilone, Pasqua, cuoio, evacuare, inquinare, squalo, cuoco, scuola, squalo, quercia, circuito, conquista, quintale, proficuo, cuocere, squame, aquila, innocuo.

Visualizza e stampa

Potrebbero interessarti:

Le parole capricciose

Il metodo globale fonematico

Il dettato ortografico

Esercizi di grammatica

Ricordo alle colleghe ed ai colleghi che il motore di ricerca di Google, presente in Home page, permette di accedere a tutti i numerosi post pubblicati su tantissimi argomenti. 
Buona…

Filastrocca del cq

Immagine
Filastrocca del cq

Piove, Piove!
l'acqua viene giù
bel bello
mi riparo
con l'ombrello.
Ma quant'acqua 
viene giù.
E' già piena la c e la q.

Visualizza e stampa

Potrebbero interessarti:

Antologia 

Testo poetico

Il metodo globale fonematico

Italiano classe prima

Italiano classe seconda

Dettato ortografico

Ricordo alle colleghe ed ai colleghi che il motore di ricerca di Google, presente in Home page, permette di accedere a tutti i numerosi post pubblicati su tantissimi argomenti. 

Buona giornata a tutti Voi!