Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta CLASSE_QUINTA

I racconti, le poesie, le filastrocche, gli articoli, del maestro Ercole Bonjean

Com'è bello scrivere! Da quando sono in pensione lo posso fare in ogni momento: di giorno, di notte, ogni occasione è buona. Questa passione nasce da esigenze didattiche per poi sfociare in un mia esigenza personale. Scrivere racconti, poesie, filastrocche, è diventato un momento piacevole della giornata. Dai dati di Google in mio possesso ho scoperto che i miei scritti hanno superato, in questi anni, le cinquecentomila visualizzazioni di pagina a riprova dell'interesse delle lettrici e dei lettori del sito per il mio lavoro. Ho quindi pensato di creare un apposito link con tutti i miei scritti a cui se ne aggiungeranno spero ancora molti altri. Non mi resta che augurarvi buona lettura. Racconti e descrizioni : Sogno di Natale La descrizione di un fenomeno naturale: "La bufera" (The storm) - La metafora nel testo descrittivo Perché si dice "Chi dorme non piglia pesci"? Perché si dice: "Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino" Perché si

Parole latine nel linguaggio comune

Immagine
Il latino intorno a noi “ Alle urne per il referendum ”, “Un missile naviga nello spazio”, “Salvata in extremis la pace”. Titoli come questi compaiono abbastanza spesso nelle pagine dei nostri quotidiani: sono titoli efficaci e moderni, eppure referendum, in extremis e missile sono parole che hanno già più di duemila anni: sono infatti parole della nostra lingua antica, il latino. Nel linguaggio di ogni giorno noi usiamo frequentemente parole o frasi latine. Con l'aiuto dei disegni e dei fumetti cercheremo di chiarire il significato di queste parole ormai entrate a far parte del nostro linguaggio. Referendum viene dal verbo referre e significa “Da rispondersi”. Il referendum è infatti un invito a pronunciarci mediante votazioni su questioni di interesse nazionale: indire un referendum sull'abolizione del nucleare. Missile voleva dire in latino “arma da lancio”. Con questo termine noi indichiamo un corpo a forma di siluro a

Poesia di Pasqua: "Gesù o Barabba?" di Ercole Bonjean

Immagine
Il 31 marzo ritorna la Santa Pasqua. Purtroppo anche quest'anno il Male è entrato nelle vite di tutti noi. Mai come quest'anno si sente il bisogno di pace, di amore, di solidarietà. Il Calvario di Gesù e la sua Resurrezione indicano la via da percorrere. Il mio augurio è che  alla fine prevalga il Bene e che si possa ritornare alla normalità della vita di ogni giorno. Che sia per tutti la Santa Pasqua della Resurrezione!!  Gesù o Barabba? “ Sia libero il male”. Acclama la folla, Si lava Pilato, sorride Barabba. Sale la strada, pesa la Croce. Cade. Si rialza. E’ buio; sibila il Vento, urla la Terra, nulla può fare: È silenzio, Tace, Tace. Risorge il Sole. Ritorna la Luce, irradia i volti, riscalda la Pace. Ercole Bonjean  © Visualizza e stampa con Google Docs Ti potrebbero interessare: Il paese delle uova di cioccolato "E' Pasqua!" di Maria Grazia Bucceri Racconto di Pasqua "La Risurrezione&q

Il nome: definizione e categorie.

Immagine
Il nome Il nome è quella parte variabile del discorso che serve ad indicare una persona, un animale, una cosa od un'idea. Il nome può essere: concreto, astratto,proprio, comune, collettivo, primitivo, derivato, alterato, composto. Link correlati a questo post: La grammatica a fumetti Visualizza e stampa con Google Docs Il sito didattica scuola primaria propone numerosi link relativi ai nomi inerenti al lavoro svolto in classe dai bambini nella scuola primaria. Non è detto che non possano risultare utili quale spunto per le varie attività didattiche. Puoi accedere a tutti i post relativi a questo argomento nella seguente sezione del sito: Il nome

L'AVVERBIO

Immagine
L'avverbio è quella parte invariabile del discorso che si colloca vicino ad un verbo per modificarne il significato. Visualizza e stampa con Google Docs

Analisi grammaticale

Immagine
Esegui l'analisi grammaticale delle seguenti frasi. Le chiesi spiegazioni per il suo comportamento di qualche giorno prima. Avrei voluto incontrare il mio amico ma non avevo tempo. ascoltai attentamente le spiegazioni relative al nostro comportamento. Ho inserito nel mio computer alcuni file di notevole interesse. Da alcuni giorni sono terminate le lezioni di scacchi. Domani è un altro giorno. Le = pronome personale con funzione di complemento. chiesi = voce del verbo chiedere 2^ coniugazione modo indicativo tempo passato remoto spiegazioni = nome comune di cosa femminile plurale per = preposizione semplice il = articolo determinativo maschile suo = aggettivo possessivo maschile singolare comportamento = nome comune di cosa maschile singolare di = preposizione semplice qualche = aggettivo indefinito maschile singolare giorno = nome comune di cosa maschile singolare prima = avverbio di tempo Visualizza e stampa con Google Docs

I VERBI RIFLESSIVI (ESERCIZI DI RIBADIMENTO)

Immagine
Sostituisci nelle frasi i verbi all'infinito riflessivo nelle forme verbali adatte. (Asciugarsi) bene quando (lavarsi). (Domandarsi) spesso perché faccio fatica a risolvere i problemi. Anna (vestirsi) con cura perché deve andare a una festa. Ogni volta che devo partire (informarsi) sui possibili itinerari da seguire. Faceva così caldo (rigirarsi) nel letto continuamente. Non vorrei che (rovinarsi) il vestito nuovo. Asciugati bene quando ti lavi. Mi domando spesso perché faccio fatica a risolvere i problemi. Anna si veste con cura perché deve andare a una gita. Ogni volta che devo partire mi informo sui possibili itinerari da seguire. Faceva così caldo che mi rigiravo nel letto continuamente. Non vorrei che mi si rovinasse il vestito nuovo. Visualizza e stampa con Google Docs

I verbi riflessivi

Immagine
Saper riconoscere e usare la forma riflessiva dei verbi Analizziamo la seguente frase e ne consideriamo il significato: - Laura si ammira allo specchio. C'è una ragazzina di nome Laura che ammira se stessa allo specchio. L'azione dell'ammirarsi ricade sul soggetto che la compie. Laura (soggetto) compie e subisce l'azione. N.B. La grammatica definisce questa forma verbale verbo riflessivo  e specifica che è sempre accompagnato dalle particelle pronominali mi, ti, ci, si, vi . Analizziamo le seguenti frasi e individuiamo l'uso delle particelle pronominali nella forma riflessiva dei verbi. Mi sono riparato sotto una grondaia.  Sta per > Ho riparato me stesso . Ti sei lavato. Sta per > Hai lavato te stesso . Vi siete cacciati in un bel pasticcio. Sta per > Avete cacciato voi stessi in un bel pasticcio. Ci spingemmo sino alla cima della montagna. Sta per > Spingemmo noi stessi fino alla cima della montagna.

I verbi impersonali: unità didattica per la classe quinta della scuola primaria, II quadrimestre

Immagine
Saper riconoscere i verbi impersonali. " Piove e lampeggia : è un temporale terribile." N.B. Piove e lampeggia indicano azioni che non si possono attribuire a persone o animali, ma solamente a fenomeni atmosferici . Tali verbi vengono definiti dalla grammatica verbi impersonali e si usano alla terza persona singolare. Sono verbi impersonali: diluviare , grandinare , albeggiare , nevicare , imbrunire , piovigginare . La grammatica specifica però che qualsiasi verbo può essere usato in modo impersonale ( senza il soggetto ) quando si fa precedere dalla particella si , come negli esempi: - In campagna si vive bene. Sono considerate impersonali anche le forme verbali bisogna, sembra, capita, occorre, succede, quando sono seguite dalla congiunzione che . Esempi: - Bisogna che ne parli con mio padre. - Sembra che Andrea abbia fatto un disastro. - Capita di perdere la pazienza. - Non occorre che ti disturbi per me. I verbi impersonali nelle f

INDIVIDUARE LA FORMA ATTIVA E LA FORMA PASSIVA DEI VERBI (SPIEGAZIONE ED ESERCIZI)

Immagine
Individuare nelle frasi la forma attiva e la forma passiva di un verbo. Analizziamo alcune frasi e sviluppiamo dei ragionamenti: - Un bambino calcia il pallone. Il bambino è il soggetto che compie l'azione. L'azione del bambino ricade sul pallone. - Il pallone è calciato dal bambino. Nella seconda frase il soggetto è il pallone che, però, subisce ancora l'azione . Infatti in tutti e due i casi: l'azione del calciare è compiuta dal bambino; in tutti e due i casi il pallone subisce l 'azione. La grammatica definisce: Il verbo della prima frase verbo di forma attiva ; Il verbo della seconda frase verbo di forma passiva . Passivo vuol dire non agire direttamente, non prendere iniziative ma subire le azioni. Conclusione: In conclusione abbiamo: 1^ situazione Il bambino calcia il pallone. SOGGETTO    P.V    C. OGGETTO 2^ situazione Il pallone è calciato dal bambino. SOGGETTO   P.V.         C .D'AGENTE N.

Analisi grammaticale (classe quinta)

Immagine
Eseguire l'analisi grammaticale Eseguo l'analisi grammaticale delle seguenti frasi: Quel giorno camminando nel bosco ho potuto ammirare la bellezza della natura. Sono contento di avere imparato perfettamente l'analisi logica. L'uomo che inquina la natura ha pochi sentimenti. Nelle vacanze di Pasqua ripasserò il progamma di grammatica. 1. Quel = aggettivo dimostrativo maschile singolare giorno = nome comune di cosa primitivo maschile singolare camminando = voce del verbo camminare 1^ coniugazione intransitivo modo gerundio tempo presente nel = preposizione articolata formata da in + il bosco = nome comune di cosa maschile singolare ho potuto = voce del verbo potere 2^ coniugazione modo indicativo tempo passato prossimo 1^ persona singolare ammirare = voce del verbo ammirare 1^ coniugazione modo infinito tempo presente  la = articolo determinativo femminile singolare bellezza = nome comune di cosa astratto femminile singolare del

I VERBI TRANSITIVI ED INTRANSITIVI (COMPITO)

Immagine
Compito Leggi le frasi e stabilisci se i verbi sono transitivi o intransitivi Il papà ripara la macchina. La nonna dorme in salotto. Il medico cura i malati. Il vento ulula nel bosco. Il vigile indica la via. Anna piange per la rabbia. riparare > transitivo dormire > intransitivo curare > transitivo ululare > intransitivo indicare > transitivo piangere > intransitivo Visualizza e stampa con Google Docs

I verbi transitivi ed intransitivi: spiegazioni ed esercizi - Scheda stampabile e gratuita

Immagine
Saper riconoscere i verbi transitivi e intransitivi. Analizziamo e riflettiamo sulla seguente frase: - Tommaso scrive una lettera. Dividiamo in sintagmi. SCRIVE > PREDICATO VERBALE > CHI SCRIVE? TOMMASO > SOGGETTO CHE COSA SCRIVE? > UNA LETTERA > COMPLEMENTO OGGETTO Nella frase "Tommaso scrive una lettera" il verbo scrive provvede a collegare due parole e a far passare l'azione che compie il soggetto nell'oggetto: una lettera. Analizziamo una seconda frase: - Il nonno cammina per la strada IL NONNO > SOGGETTO CAMMINA > PREDICATO VERBALE PER LA STRADA > COMPLEMENTO DI LUOGO L'azione del camminare viene compiuta dal nonno e riguarda solo il nonno non la strada. La strada non è un oggetto dell'azione ma il luogo dove il nonno cammina. L'azione si esaurisce nel soggetto. La grammatica dice: se nella frase l'azione espressa dal verbo passa o transita su un oggetto il verbo si definisce

Verifica di grammatica per il II quadrimestre classe quinta

Immagine
Verifica di lingua italiana Qual è la differenza tra aggettivo e pronome indefinito? Per spiegarlo puoi utilizzare un esempio. Elenca tutti gli aggettivi e i pronomi possessivi. Elenca gli avverbi di luogo che conosci. Esegui l'analisi grammaticale delle seguenti frasi: Andrea esegue pazientemente i compiti delle vacanze. Arriverò presto dal lavoro e ti porterò al circo equestre. Non avevo capito la lezione di storia, ma la maestra gentilmente la rispiegò. --------------------------------------------------------------------------------------------- La differenza tra aggettivo indefinito e pronome indefinito è che l'aggettivo indefinito accompagna il nome, mentre il pronome indefinito lo sostituisce.  Esempio: Molti alunni sono abili giocatori di scacchi. > L'aggettivo indefinito molti accompagna il nome alunni.  L'alunna elenca con precisione tutti gli aggettivi e i pronomi possessivi (vedi tabella). Gli avverbi di luo

I vostri preferiti degli ultimi sette giorni

TITOLI DI TEMI

Prove di ingresso scuola media - Schede stampabili e gratuite

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Dettato ortografico per la prima classe della scuola media (verifica dei prerequisiti ortografici)

I nomi difettivi, sovrabbondanti, invariabili: spiegazioni ed esercizi per la scuola primaria.

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

I racconti, le poesie, le filastrocche, gli articoli, del maestro Ercole Bonjean

Esercizi di analisi grammaticale per la classe terza della scuola primaria - Schede stampabili

Testi utili per il riassunto

La descrizione di una persona cara: la nonna. Il testo e la traccia del lavoro.