Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Azra Hromadzic

Un racconto per amare di più la natura e meno il cellulare: "Il Bosco Incantato di Pixel" (creato da Copilot microsoft)

**Il Bosco Incantato di Pixel** C'era una volta un bosco incantato chiamato Pixel, dove gli alberi sussurravano storie antiche e i fiori danzavano al ritmo del vento. In questo bosco magico, viveva un piccolo folletto di nome Luce, che aveva il potere di far brillare le cose con un semplice tocco. Un giorno, Luce notò che i bambini del villaggio vicino passavano tutto il loro tempo a fissare dei piccoli rettangoli luminosi, chiamati cellulari, dimenticandosi di giocare all'aria aperta. Preoccupato, Luce decise di usare la sua magia per mostrare ai bambini la bellezza della natura. Con un pizzico di polvere di stelle, Luce fece sì che ogni cellulare mostrasse immagini del bosco incantato. Gli alberi sembravano così reali che i bambini sentirono il profumo del muschio e il canto degli uccellini. Incantati, misero da parte i cellulari e corsero verso il bosco. Arrivati nel bosco, i bambini scoprirono un mondo di meraviglie. Inseguirono farfalle arcobaleno, costruirono castelli di

Analizzare un testo descrittivo attraverso i dati di movimento - "Il temporale" di Azra Hromadzic

Immagine
Temporale Un pomeriggio dei nuvoloni scuri lentamente invasero il cielo. All'improvviso ci fu un lampo accecante e gli uccelli del bosco spaventati, volarono a rifugiarsi nella siepe. Subito dopo un tuono fortissimo rimbombò tra le nubi facendo scappare nelle tane i conigli impauriti. E poi che acquazzone! Prima enormi gocce che incresparono la superficie dello stagno; quindi un vero diluvio di gocce più piccole che cadevano con scrosci sempre più violenti. il vecchio rospo strisciò fuori dal suo riparo sotto una pietra e rimase sotto la pioggia, aprendo e chiudendo la bocca felice, mentre l'acqua gli scorreva sul dorso. Il riccio cercò un angolo riparato e si appallottolò disgustato: non gli piaceva sentire la pioggia sulle spine, gli faceva il   solletico. Presto un odore penetrante si levò dai campi e dalla siepe: l'odore della terra bagnata. Gli animali lo annusavano e lo trovavano delizioso, mentre ascoltavano il mormorio, il fruscio, il picch

La descrizione: "L'inverno nel bosco". - Lettura, comprensione ed interpretazione del testo.

Immagine
L'inverno nel bosco L'inverno giunto in anticipo si poteva dire crudele. Nel bosco la neve era alta, dura e sulle radure in mezzo, in mezzo agli alberi e lungo i fossi, i venti correvano di continuo. Sui rami, al posto delle foglie, c'era solo il ghiaccio e dalla terra non spuntava più un filo d'erba. Le notti erano insopportabilmente fredde. Erano le notti in cui si dice: "Stanotte anche il gatto dormirà col cane". All'alba sulla montagna si sentivano degli spari. Ma non si trattava di colpi di fucile: erano alberi gelati che scoppiavano. Sulla montagna non vivevano più uccelli. Si erano trasferiti nelle valli, vicino ai villaggi, ai granai, alle baite. L'inverno non aveva pietà. Aveva portato la fame anche per Srebrenco il capriolo. Azra Hromadzic Lettura e comprensione del testo Qual è l'argomento del testo? L'argomento del testo è l'inverno nel bosco. Come definisce l&#

I vostri preferiti degli ultimi sette giorni

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Esercizi di analisi grammaticale per la classe terza della scuola primaria - Schede stampabili

La gita scolastica: testi con schema per la scuola primaria e media

TITOLI DI TEMI

Verifica di analisi logica per la classe quinta della scuola primaria

Giornata mondiale della Terra (Earth Day): attività educativo didattiche di apprendimento.

Tema: "Il mio cane" - Schema del testo descrittivo, relativo ad un animale, per la scuola primaria e media

Verifiche finali di italiano per la classe quinta della scuola primaria

Esercizi di analisi logica per la classe quinta della scuola primaria