Post

L'autunno: proposte operative di apprendimento per la lettura e la comprensione del testo

Immagine
L'arrivo dell'autunno, con la sua magnifica girandola di colori, suoni ed odori, offre tantissimi spunti didattici che ricadono in modo estremamente positivo sulla sfera motivazionale del bambino e conseguentemente fanno leva sulla sua volontà di apprendere. Eccovi una serie di link relativi alla lettura ed alla comprensione del testo:

I ricci e le mele di Antonio Gramsci

Il platano in autunno di F. Salten

Pioggia autunnale in città di G.B. Angioletti

La leggenda dell'estate di San Martino

I funghi di M. Roland

La storia del vino di M.G. Bucceri

La rondine che non sapeva volare di L. Taylor

Andare in letargo di R. Schiavo

San Martino di Giosuè Carducci

Una giornata d'ottobre di Herman Hesse

Un esempio relativo alla lettura ed alla comprensione del testo:









Comprendere un testo descrittivo.
Giornata d'ottobre
Era una limpida giornata d'ottobre. L'aria leggera e ancora calda di sole era mossa da un vento capriccioso. Su dai campi e dagli orti saliva il fumo azzurro azzurro d…

Didattica scuola primaria: i post più popolari della settimana.

Immagine
Di seguito i 10 post che hanno ottenuto il maggior numero di visualizzazioni della settimana (alla data del 20 gennaio 2018). Eccovi i link relativi:
Primi giorni di scuola in classe quartaPrimi giorni di scuola in classe terzaLeggere e scrivere in classe primaPrimi giorni di scuola in classe secondaProve d'ingresso per la scuola mediaEsercizi di analisi grammaticale per la classe quintaPrimi giorni di scuola in classe quintaPrimi giorni di scuola in classe primaVerifica di analisi grammaticale per la classe quartaInsegnare a leggere e scrivere con il metodo globale fonematicoTi potrebbero interessare:

Italiano

Matematica

Storia

Geografia

Scienze

Argomenti stagionali: l'autunno
Ricordo alle colleghe ed ai colleghi che il motore di ricerca di Google, presente in Home page, permette di accedere a tutti i numerosi post pubblicati su tantissimi argomenti. Buon fine settimana a tutti Voi!

Insegnare a leggere e scrivere con il metodo globale fonematico

Immagine
Il metodo globale fonematico
In questi anni molto spesso sul metodo di insegnamento della lingua italiana in una prima classe ci sono state idee del tutto diverse, talvolta contrapposte. A mio parere la classica contrapposizione tra metodo globale e il suo opposto il metodo analitico non aveva ragione di esistere, i due metodi avevano il grosso limite di praticare una didattica estrema che non generava buoni risultati. L'enunciato teorico che sottende anche il nostro iter didattico è il seguente: è vero che la visione del tutto è anteriore alla ricognizione analitica delle parti (metodo globale), ma proprio per questo l'analisi va fatta ed è importante (metodo analitico). In altri termini, quando un bambino entra in classe ha dapprima una visione globale dell'aula ma poi va a cogliere i particolari: il banco, la lavagna, ecc. Se questo è vero, ed è difficile poter affermare che non lo è, dal punto di vista didattico ne deriva che occorra partire prima dalla frase (visione d…

Il significato dei proverbi

Immagine
Il proverbio è un detto popolare, di antica memoria, che contiene elementi di saggezza. Proviamo a spiegare il significato dei più famosi ed usati nel linguaggio comune. Chi la dura, la vince. Chi persevera nelle cose, con volontà e abnegazione, riesce a realizzare i suoi desideri. Chi la fa, l'aspetti. Chi fa del male, riceve del male. Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino. Il proverbio mette in guardia da azioni pericolose o sbagliate di cui ci si potrà pentire. Chi dorme non piglia pesci. Sta a significare che non si ottiene nulla di buono senza fatica, senza attivare la forza di volontà. A caval donato non si guarda in bocca. Quando si riceve un regalo deve essere sempre gradito indipendentemente dal suo valore materiale. Il proverbio si basa sul fatto che per giudicare se un cavallo è in buono stato di salute si controllano i denti.

Link per la didattica: il motore di ricerca Google

Immagine
La facilità di ricerca delle informazioni sul sito didattica scuola primaria è notevolmente migliorato, tuttavia per attingere a post specifici, che non possono essere istantaneamente fruibili, consiglio di digitare sul motore di ricerca di Google, presente in home page nel menù in alto, le parole chiave dell'argomento desiderato. Una volta inserita la parola o le parole troverete i post più richiesti sull'argomento che vi interessa maggiormente. In questo periodo le lettrici e i lettori del sito ricercano, come è ovvio che sia tutte le attività relative ai primi importanti giorni di scuola. Ho digitato quindi le parole progetto accoglienza. Eccovi i primi link proposti dal sito di didattica per la scuola primaria:
Progetto accoglienza
Progetto accoglienza: giocare è bello se si rispettano le regole.
Primi giorni di scuola in classe quinta
Progetto accoglienza: in viaggio in un mondo tutto a colori
Andando avanti potrete trovare tanti altri post che non è detto non possano essere u…

Anno scolastico 2018/2019: primi giorni nella scuola primaria

Immagine

"Compito in classe", poesia di Jacques Prevert

Immagine
Compito in classe Due e due quattro quattro e quattro otto otto e otto fanno sedici… Ripetete! dice il maestro. Due e due quattro quattro e quattro otto otto e otto fanno sedici. Ma ecco l’uccello-lira che passa nel cielo il bambino lo vede il bambino l’ascolta il bambino lo chiama: Salvami gioca con me uccello! Allora l’uccello discende e gioca con il bambino Due e due quattro… Ripetete! dice il maestro e gioca il bambino e l’uccello gioca con lui… Quattro e quattro otto otto e otto fan sedici e sedici e sedici che fanno? Niente fanno sedici e sedici e soprattutto non fanno trentadue in ogni modo se ne vanno. E il bambino ha nascosto l’uccello nel suo banco e tutti i bambini ascoltano la sua canzone e tutti i bambini ascoltano la musica e otto e otto a loro volta se ne vanno e quattro e quattro e due e due a loro volta abbandonano il campo e uno e uno non fanno né uno né due uno a uno egualmente se ne vanno. E gioca l’uccello-lira e il bambino canta e il professore grida: Quando finirete di fare i pagliacci!