Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Lev Tolstoj

La leggenda della mimosa - Un racconto per l'8 marzo, festa della donna

La leggenda della mimosa Elena, una giovane donna, si innamorò del Sole, lo guardava attratta dalla bellezza dei suoi raggi e i suoi occhi lo guardavano rapiti dalla sua forza, dal suo calore. Ma il Sole non ricambiò tanto amore e la colpì con lance di fuoco. Lei continuava ad amarlo e lo cercava con lo sguardo. Pianse per giorni cercando di trasmettergli il bene che gli voleva. Ed ecco che le lacrime caddero sul terreno e si trasformarono in tanti piccoli e profumati fiori gialli. Nacque la mimosa, il fiore simbolo della donna. Ercole Bonjean    © Visualizza e stampa Potrebbero anche interessarti: Festa della donna Festa della mamma Festa del papà Racconti, poesie e filastrocche, del maestro Ercole Immagine: improntaunika

Lev Tolstoj: racconti per la scuola primaria e media - Lettura e comprensione del testo

Immagine
Lev Tolstoj, anche noto come Leone Tolstoj, è uno dei più celebri scrittori della letteratura russa e mondiale dell'ottocento. Nel sito di didattica per la scuola primaria sono presenti alcuni suoi racconti brevi che ben si prestano, a mio parere, per vari percorsi educativo didattici di apprendimento con approfondimenti per la lettura e la comprensione del testo. Eccovi tutti i link: "Un leone, un orso e una volpe" di Leone Tolstoj. Percorsi operativi di apprendimento Il riassunto: schema del testo. - Il leone e il cagnolino Il leone e il cagnolino di Lev Tolstoj - Analisi ed interpretazione del testo "Il nocciolo" di Lev Tolstoj - Lettura, comprensione, ed interpretazione del testo - La similitudine nel testo narrativo "La rana e il leone" di Leone Tolstoj - Breve unità educativo didattica di apprendimento Ti potrebbero interessare: Lettura e comprensione del testo Scuola media: iter educativo didattici di apprendimento

"Un leone, un orso e una volpe" di Leone Tolstoj. Percorsi operativi di apprendimento

Immagine
Un leone, un orso e una volpe Un leone e un orso trovarono un pezzo di carne e si misero a litigare. L'orso non voleva cedere e il leone altrettanto. Lottarono a lungo e alla fine caddero a terra privi di forze. Una volpe, nascosta li vicino, vide il pezzo di carne, lo addentò e fuggi via. Lev Tolstoj Per questa favola vale il detto: "Tra i due litiganti il terzo gode" Analisi del testo Cosa  trovarono il leone e l'orso? Perché litigarono? Dopo aver litigato cosa accadde? Chi ne approfittò? Illustra la breve storia in sequenza temporale Scrivi un finale diverso per questa storia Visualizza e stampa Ti potrebbero interessare: Tutti i racconti di Lev Tolstoj: percorsi operativi di apprendimento Le favole di Fedro: percorsi operativi di apprendimento Le favole di Esopo: percorsi operativi di apprendimento I racconti e le leggende di Leonardo da Vinci: percorsi operativi di apprendimento Pinocchio: percorsi operat

Il riassunto: schema del testo.

Immagine
Il leone e il cagnolino C'era una volta, a Londra, un luogo con delle grandi gabbie che si potevano visitare anche consegnando cani o gatti da dare in pasto alle belve. Arrivò un tale che portò un cane randagio. Fu fatto entrare e il cagnolino venne gettato nella gabbia del leone. La bestiola si andò a rannicchiare in un angolo e, quando il leone si avvicinò e lo annusò, si rovescio sulla schiena con le zampette per aria e dimenò la coda. Il leone lo tastò con la zampa, ma non gli fece niente. A sera, quando il leone si coricò per dormire, il cagnolino si stese accanto a lui. Leone e cagnolino vissero un anno insieme, nella medesima gabbia. Un giorno il cagnolino si ammalò e morì. Il leone non smetteva di fiutare la bestiola, la carezzava e la scuoteva con la zampa. Quando ebbe capito che il suo compagno era morto, diventò furioso e rifiutò il cibo. Il giorno dopo, il guardiano tentò di portare via il cane morto, ma il leone non lo lasciò avvicinare; resto

Il leone e il cagnolino di Lev Tolstoj - Analisi ed interpretazione del testo

Immagine
Il leone e il cagnolino C'era una volta, a Londra, un luogo con delle grandi gabbie che si potevano visitare anche consegnando cani o gatti da dare in pasto alle belve. Arrivò un tale che portò un cane randagio. Fu fatto entrare e il cagnolino venne gettato nella gabbia del leone. La bestiola si andò a rannicchiare in un angolo e, quando il leone si avvicinò e lo annusò, si rovescio sulla schiena con le zampette per aria e dimenò la coda. Il leone lo tastò con la zampa, ma non gli fece niente. A sera, quando il leone si coricò per dormire, il cagnolino si stese accanto a lui. Leone e cagnolino vissero un anno insieme, nella medesima gabbia. Un giorno il cagnolino si ammalò e morì. Il leone non smetteva di fiutare la bestiola, la carezzava e la scuoteva con la zampa. Quando ebbe capito che il suo compagno era morto, diventò furioso e rifiutò il cibo. Il giorno dopo, il guardiano tentò di portare via il cane morto, ma il leone non lo lasciò avvicinare; resto

"Il nocciolo" di Lev Tolstoj - Lettura, comprensione, ed interpretazione del testo - La similitudine nel testo narrativo

Immagine
Il nocciolo La mamma aveva comprato alcune susine per i suoi bambini e le aveva messe in un piatto. Giovannino non aveva mai mangiato susine e si avvicinava continuamente al piatto per fiutarle. Il loro profumino gli piaceva; egli aveva una gran voglia di assaggiarle. Quando Giovannino rimase solo nella stanza, non poté più resistere: prese una susina e la mangiò. La mamma, prima del pranzo, contò le susine e vide che ne mancava una. Lo disse sottovoce al babbo. Terminato il pranzo, il babbo domandò: - Uno di voi ha forse mangiato una susina? Tutti risposero di no. Giovannino diventò rosso come un gambero, ma rispose di no anche lui. No, proprio non ne aveva mangiate. - Non è bene che qualcuno di voi abbia mangiato una susina - disse il babbo facendosi pensieroso. - ma questo è niente. La cosa più grave è che le susine hanno un nocciolo, e se qualcuno, non sapendo come si mangiano le susine, inghiotte il nocciolo, il giorno dopo muore. Io temo che succeda qualcosa del genere.

"La rana e il leone" di Leone Tolstoj - Breve unità educativo didattica di apprendimento

Immagine
La rana e il leone Un leone udì una rana gracidare ed ebbe paura perché credeva che fosse una grossa bestia a emettere quel grido così forte. Aspettò un istante per vedere di che si trattasse: la rana uscì dal pantano. Il leone la appiattì con la zampa, dicendo: "D'ora in poi non mi spaventerò più, prima di avere visto". Leone Tolstoj Analisi ed interpretazione del testo Chi sono i protagonisti di questa breve favola? Perché il leone ha paura? Come reagisce? Cosa pensa quando si accorge che si tratta di una rana? Perché non bisogna aver paura di una cosa prima che accada? Spiega il significato di questi due proverbi: "Non fasciarsi la testa prima di averla rotta" "Non mettere il carro davanti ai buoi" Visualizza e stampa Ti potrebbero interessare: Le favole di Esopo: analisi ed interpretazione del testo Le favole di Fedro: analisi ed interpretazione del testo Le favole di Leonardo da Vinci: analisi ed interpretazion

I vostri preferiti degli ultimi sette giorni

8 marzo, festa della donna - Brevi testi per la scuola primaria e media

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Esercizi di analisi grammaticale per la classe terza della scuola primaria - Schede stampabili

La leggenda della mimosa - Un racconto per l'8 marzo, festa della donna

TITOLI DI TEMI

Tema: "Il mio cane" - Schema del testo descrittivo, relativo ad un animale, per la scuola primaria e media

I nomi difettivi, sovrabbondanti, invariabili: spiegazioni ed esercizi per la scuola primaria.

Testi utili per il riassunto

Tema: Descrivo me stesso - Schema del testo per la scuola primaria e media