"La rana e il leone" di Leone Tolstoj - Breve unità educativo didattica di apprendimento


La rana e il leone

Un leone udì una rana gracidare ed ebbe paura perché credeva che fosse una grossa bestia a emettere quel grido così forte. Aspettò un istante per vedere di che si trattasse: la rana uscì dal pantano.
Il leone la appiattì con la zampa, dicendo: "D'ora in poi non mi spaventerò più, prima di avere visto".

Leone Tolstoj

Analisi ed interpretazione del testo

Chi sono i protagonisti di questa breve favola?
Perché il leone ha paura?
Come reagisce?
Cosa pensa quando si accorge che si tratta di una rana?
Perché non bisogna aver paura di una cosa prima che accada?

Spiega il significato di questi due proverbi:

"Non fasciarsi la testa prima di averla rotta"
"Non mettere il carro davanti ai buoi"

Visualizza e stampa

Ti potrebbero interessare:

Le favole di Esopo: analisi ed interpretazione del testo

Le favole di Fedro: analisi ed interpretazione del testo


Commenti

Post popolari in questo blog

Argomenti stagionali: brevi unità didattiche relative all'autunno.

La leggenda dell'estate di San Martino - Percorsi educativo didattici di apprendimento

Testi utili per il riassunto

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Che cos'è la geografia?

"Il Gigante Egoista" racconto di Oscar Wilde: lettura, comprensione del testo, approfondimenti grammaticali.

Analizzare e comprendere un testo poetico: "San Martino" di Giosuè Carducci: poesia, prosa, biografia dell'autore - Analisi, comprensione, commento, illustrazione del testo.

I frutti dell'autunno

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Ortografia: come si scrive?