La leggenda della mimosa - Un racconto per l'8 marzo, festa della donna

La leggenda della mimosa Elena, una giovane donna, si innamorò del Sole, lo guardava attratta dalla bellezza dei suoi raggi e i suoi occhi lo guardavano rapiti dalla sua forza, dal suo calore. Ma il Sole non ricambiò tanto amore e la colpì con lance di fuoco. Lei continuava ad amarlo e lo cercava con lo sguardo. Pianse per giorni cercando di trasmettergli il bene che gli voleva. Ed ecco che le lacrime caddero sul terreno e si trasformarono in tanti piccoli e profumati fiori gialli. Nacque la mimosa, il fiore simbolo della donna. Ercole Bonjean    © Visualizza e stampa Potrebbero anche interessarti: Festa della donna Festa della mamma Festa del papà Racconti, poesie e filastrocche, del maestro Ercole Immagine: improntaunika

Racconto di Pasqua: "La Risurrezione" di Giovanni Papini

La Resurrezione

Il sole non era ancora nato quando la Madre di Gesù, con Maria Maddalena e altre donne, si avviò al sepolcro del Figlio.

Ma quando vi furono vicine, lo stupore le fermò. Alla luce del giorno scorsero la pietra del sepolcro appoggiata ai massi.
Si fecero animo ed entrarono. Sul primo non videro nulla, ma un nuovo terrore le scosse. A destra, seduto, un giovanetto
con la veste bianca e splendente come neve pareva aspettare.
Non vi spaventate. Colui che cercate non è qui. Non vi ricordate che disse che il terzo giorno,sarebbe risuscitato? Andate dai suoi fratelli e dite che Gesù è resuscitato e che presto lo rivedranno.
Tremando di spavento e di allegrezza, uscirono dalla grotta per correre subito dov'erano mandate. Solo Maria Maddalena rimase incerta se credere alle parole del giovinetto. Ad un tratto si volse e vide presso di sé un uomo: 
- Donna, perché piangi? 
- Chi cerchi?
Piango perché hanno portato via il mio Signore e non so dove l'abbiano posto.
L'uomo non rispose che una parola: 
- Maria!
Ed allora ella lo riconobbe e gli cadde ai piedi nell'erba bagnata, e strinse nelle sue mani quei piedi ignudi che mostravano ancora la rossura dei chiodi. Ma Gesù le disse:
- Non mi toccare, perché non sono ancora salito al Padre mio; ma va' dai miei fratelli e di' loro che sto per salire all'Iddio mio e vostro.
E subito si staccò da lei e si allontanò tra le piante, incoronato di sole.

Giovanni Papini


Visualizza e stampa


Ti potrebbero interessare:



Racconto di Pasqua "La Risurrezione" di Giovanni Papini

"Pasqua" di Oscar Wilde (in italiano e in inglese)

"Gesù" di Giovanni Pascoli

"Pasqua" di Ada Negri

Racconto pasquale: "Aria di Pasqua" di Giovanni Verga

"Alleluja" di Angiolo Silvio Novaro

"Resurrezione" di Alessandro Manzoni

"La domenica dell'ulivo" di Giovanni Pascoli

"Pasqua" di Giovanni Gozzano

Racconto di Pasqua: "La leggenda della passiflora".

"Il pianto della Madonna" di Angiolo Silvio Novaro

Fiaba antica: "Il drago e l'uovo di Pasqua

"Dall'uovo di Pasqua" di Gianni Rodari

"Pasqua" di Gianni Rodari

Cronaca delle vacanze pasquali

Decodificare un racconto: "Felici come una Pasquetta"

Racconto di Pasqua con schema di lavoro: "Il coniglio Pasqualino"

Poesia di Pasqua: Gesù o Barabba?"

Vola colomba bianca


Link correlati a questo post:


La primavera


Il testo poetico


Oscar Wilde


Il Gigante Egoista


Commenti

I vostri preferiti degli ultimi sette giorni

8 marzo, festa della donna - Brevi testi per la scuola primaria e media

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Esercizi di analisi grammaticale per la classe terza della scuola primaria - Schede stampabili

La leggenda della mimosa - Un racconto per l'8 marzo, festa della donna

TITOLI DI TEMI

Tema: "Il mio cane" - Schema del testo descrittivo, relativo ad un animale, per la scuola primaria e media

I nomi difettivi, sovrabbondanti, invariabili: spiegazioni ed esercizi per la scuola primaria.

Testi utili per il riassunto

Tema: Descrivo me stesso - Schema del testo per la scuola primaria e media