Perché si dice "Chi dorme non piglia pesci"?




Chi dorme non piglia pesci

C'era una volta un uomo chiamato "Sonno" il quale aveva tre grandi passioni: mangiare, dormire, e andare a pescare. Un mattino di buonora si recò sulle rive di un laghetto armato di canna da pesca e numerose esche. Con grande meticolosità legò un bell'amo sul fondo della lenza e vi infilzò un bel vermetto. Dopo questi preliminari si accovacciò sotto le fronde di un grande albero e iniziò a pescare. Da un cestino tirò fuori un bel panino con del salame, una birretta fresca e, nell'attesa della cattura di qualche bel pesciolino, se lo mangiò con gusto. Di lì a qualche minuto cominciò a sbadigliare, a poco a poco, le palpebre si chiusero e sprofondò in un sonno profondo.
Si risvegliò solo dopo qualche ora quando udì una voce che gli chiedeva:
- Come va la pesca?
Dopo qualche attimo di stupore tirò su la canna da pesca e rivolto all'uomo rispose:
- Niente, oggi non è giornata, dipenderà dalla luna nuova!!
- E se il motivo fosse un altro?
- Ma quale altra ragione potrebbe esserci? - rispose "Sonno".
- Eh, signor "Sonno", il suo amo è stato ripulito e lei non se n'è accorto perché dormiva. Si ricordi: "Chi dorme non piglia pesci".

Ercole Bonjean 

Visualizza e stampa

Ti potrebbero interessare:

Perché si dice: "Vivi e lascia vivere"

Perché si dice: "Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino"

Il testo umoristico

Il testo narrativo

Commenti

I vostri preferiti oggi

Dettato: "E' Carnevale".

Il Carnevale, racconto e filastrocca (utile per questionari e riassunti)

Verifica di italiano: dettato "Il Carnevale"