Oggi consiglio: "Leggere e scrivere in classe prima": il metodo globale fonematico.




"Chi parte bene è a meta dell'opera", così recitava un antico detto popolare. L'antico proverbio si può e si deve, a mio parere, applicare alla didattica in una prima classe della scuola primaria:

"L'importanza della didattica della lingua italiana come fondamento per qualsiasi conoscenza ed in particolare l'apprendimento della lettura e della scrittura, in una prima classe della scuola primaria, è stata per anni sottovalutata e giudicata un no problem. Non è così ed è bene in campo educativo, come nella vita di ogni giorno, non dare mai nulla per scontato. Se a questo si aggiunge che l’insegnante a cui spetta questo compito sovente non ha dagli altri colleghi nessun supporto, la frittata è fatta e risulta poi difficile riporre l’uovo nel guscio. E’ questo uno dei punti più deboli della didattica in una prima classe della scuola dell'obbligo. E’ vero che tutti gli alunni prima o poi imparano a scrivere ed a leggere, ma il punto è il seguente: come imparano? Ed in che tempi? Se è vero che bisogna procedere con calma, ma procedere, in qualsiasi attività scolastica, è ragionevole pensare tuttavia che imparare in tempi brevi e bene a leggere ed a scrivere agevola non di poco l’apprendimento di tutte le materie oggetto di studio, non ultima la matematica. Risulta vincente l’azione sinergica di tutti i docenti, la forza del singolo a favore del gruppo. Il percorso attraverso i segni ed i suoni della lingua italiana è in dirittura d'arrivo."

Il maestro Ercole 


Per rendere più fruibile tutto l'iter didattico di italiano in una classe prima eccovi, in ordine cronologico, tutte le schede da poter stampare per quel che concerne il I quadrimestre:

Commenti