Post

Visualizzazione dei post da settembre 13, 2015

Francia, nei programmi del 2016 un dettato obbligatorio al giorno

Immagine
Il prossimo settembre gli alunni francesi ritroveranno il dettato obbligatorio, secondo quanto previsto dai nuovi programmi per il 2016, al fine di rafforzare le abilità grammaticali e ortografiche.  Il motto delle disposizioni ministeriali francesi sembra essere quello secondo cui "un dettato al giorno leva l'ignoranza di torno". Vi ripropongo su questo tema un post che, in tempi non sospetti, esprime il mio punto di vista su questo argomento, traendo spunto dalla rubrica "Buongiorno" di Massimo Gramellini.
E' oramai un tabù, una cosa vergognosa della didattica. Non comparirà mai la parola dettato nel POF o nei progetti DOC della scuola italiana. Non è neanche da porre in discussione il sostantivo dettato in compagnia dell'aggettivo ortografico. 
Roba obsoleta, siamo nell'era tecnologica, nella new and poor economy. E poi c'è il correttore ortografico che risolve tutto. Meglio un progettino sull'educazione alimentare. In fondo cosa ci può esse…

Geografia classe quinta: le regioni d'Italia

Immagine

Rinnovo del contratto per i lavoratori della scuola

Immagine
Come immediatamente annunciato da Domenico Pantaleo, segretario generale della FLC CGIL, la sentenza del 16 settembre del Tribunale di Roma ha condannato la Presidenza del Consiglio e l’Aran ad avviare immediatamente le procedure per rinnovare i contratti. Il Giudice del Lavoro, riferendosi in particolar modo alla recente sentenza della Corte Costituzionale 178/15 (con cui è stata sancita l’illegittimità del blocco della contrattazione), ha evidenziato come la sospensione della contrattazione comporti un “sacrifico del diritto fondamentale tutelato dall’art. 39 Cost. non più tollerabile”... Per saperne di più vai al sito della CGIL SCUOLA
Link correlati a questo post:
Scuola news
Immagine: università.it 

Teoria gender: il non ci sto del ministro Giannini!

Immagine
Il ministro dell'Istruzione invia una circolare alle scuole per rispondere anche in via ufficiale alle polemiche sui programmi. Che il governo e gli esperti hanno da tempo ribadito essere pretestuose: "Chi ha parlato e continua a parlare di 'teoria gender' in relazione al progetto educativo del governo Renzi sulla scuola compie una truffa culturale e voglio dire con chiarezza che ci tuteleremo con gli strumenti adeguati", ha detto il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, a Radio24. Alla domanda successiva del conduttore, Gianluca Nicoletti, se il ministero si sta muovendo in questa direzione, la titolare del dicastero di viale Trastevere ha poi risposto: "Eh beh, sì, perchè facciamo chiarezza con circolari e in altri modi, ma se ciò non dovesse bastare credo che ci sia una responsabilità irrinunciabile di passare anche a strumenti legali". Ha poi aggiunto: "Mi auguro ci sia un ravvedimento immediato" in quella parte della Chiesa cat…

Bonus di 500 euro in busta paga ad ottobre

Immagine
Forse già ad ottobre arriveranno i 500 euro previsti dalla legge sulla Buona Scuola. Lo ha dichiarato il ministro Giannini a Zapping su Radio uno. Per quest'anno i soldi andranno  direttamente in busta paga, mentre dal prossimo è prevista la card del docente.  I docenti, secondo quanto scritto nel comma 121 della legge 107, detta "La Buona scuola", i 500 euro potranno essere così spesi: acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste comunque utili all'aggiornamento professionale, acquisto di hardware e software, iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il ministero dell'Istruzione, dell'università e della ricerca iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, iscrizione a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale, partec…

Romanzo per bambini - "In vacanza sulla Terra", capitolo terzo: "In viaggio"

In vacanza sulla Terra
Capitolo terzo

In viaggio
L’astronave, ideata da Genius e costruita da computer superintelligenti, viaggiava aduna velocità da brivido. Ma di questo, al suo interno, nessuno se ne accorgeva. La famigliola al completo osservava le prime immagini del pianeta Terra: - Ron, queste immagini sono più buffe dei cartoni! Hai visto i bambini: ubbidiscono al maestro, lo ascoltano, sono anche contenti della lezione. - La cosa più divertente è che poi hanno i compiti. Non riesco proprio a capire: eppure ridono, giocano... - Hai osservato le immagini dei piccoli terrestri al mare? Sono ridicole. Sempre di corsa a tuffarsi, a giocare con quella buffa palla. Costruiscono per ore ed ore enormi castelli di sabbia e piste per giocare con delle palline di vetro. E’ assurdo. - E come sono magri! Sono orribili. Quando ne vedo uno grasso mi risollevo il morale. - Però c’è una cosa che ci accomuna: bevono un mucchio di Coca Cola. Jenni e Red erano soddisfatti. - Potevamo evitarci questo noioso…

"La zanzara e il leone" di Esopo - Analisi del testo e spunti grammaticali

Immagine
La zanzara e il leone
La zanzara si recò dal leone e gli disse: "Non mi fai paura e non sei più forte di me. E se non sei d'accordo, dimmi in che cosa consiste la tua forza. Nel fatto che graffi con gli artigli e azzanni con i denti? Ma questo lo fa anche una donna che litiga con il marito! Io invece sono molto più forte di te. Se vuoi, veniamo subito a battaglia". E la zanzara, suonata la tromba, si precipitò subito contro il leone pungendolo sul muso, intorno alle narici, dove non ha peli. La belva, dal canto suo, non faceva che straziarsi da sola con le unghie finché rinunciò alla lotta. Dopo la vittoria sul leone, la zanzara suonò la tromba e cantò tutta la sua gioia per celebrare la vittoria. Ma, appena si fu alzata in volo, s'impigliò nella tela di un ragno e, mentre quello la succhiava, gemette: "Io che ho combattuto con i più potenti, sono vittima di un insetto insignificante com'è il ragno!".
Esopo

Analisi del testo Per quale motivo la zanzara sf…

Il personal computer a scuola? Non esagerare!

Immagine
Un uso esagerato del personal computer e delle nuove tecnologie, a casa e a scuola, peggiorano il rendimento scolastico. E' quanto si evince dalle statistiche OCSE che rivela che "nelle nazioni in cui stare online in classe è abitudine si assiste a un declino della capacità di lettura, e così nell'esercizio della matematica". "Nelle nazioni in cui stare online in classe è abitudine si assiste a un declino della capacità di lettura, e così nell'esercizio della matematica (sedici paesi migliorano, venti peggiorano). L'Italia è settima in digital reading, alta in classifica quindi, e sulla matematica tra il 1993 e il 2012 ha guadagnato venti punti. Il risultato, secondo lo studio Ocse, è da attribuire al fatto che da noi la cultura di internet a scuola è recente e frammentaria: non facciamo parte dei paesi che hanno investito strutturalmente sull'online e quindi non avvertiamo ancora i peggioramenti scolastici che ne derivano. Ogni quindicenne italiano u…

"La volpe e l'uva" di Esopo - Analisi ed interpretazione del testo

Immagine
La volpe e l'uva

Un volpe affamata scorse alcuni grappoli d'uva che pendevano da una vite e volle afferrarli. Ma non riuscì a raggiungerli e, mentre si allontanava, commentò tra sé: "Non sono mica maturi!".

Esopo

Analisi del testo
Cosa desiderava fare la volpe?Riuscì a prendere l'uva?Con quali parole la volpe commentò l'accaduto? Interpretazione del testo Perché la volpe non riuscì a prendere l'uva?Come giustificò questo fatto? Illustra la storia in sequenza temporale con il disegno e i fumetti. Sottolinea tutti i nomi e gli aggettivi qualificativi presenti nel brano.
Visualizza e stampa

Ti potrebbero interessare:

Tutte le favole di Esopo

Tutte le favole di Fedro

Racconti e fiabe di Leonardo da Vinci

Pinocchio: lettura, comprensione, ed interpretazione del testo (tutti i 36 capitoli)

Le fiabe classiche
Immagine: scirocconews