Post

I sinonimi e i contrari: comprensione ed esercizi

Immagine
Saper usare i sinonimi e i contrari dei verbi.

Scriviamo, leggiamo e riflettiamo.

Nel paese delle meraviglie

Gli animali si avvicinarono minacciosamente ad Alice confabulando, mentre il Coniglio Bianco passava dall'uno all'altro, incitandoli ad andare dalla signora Duchessa.
- Muoviti anche tu - disse rivolto ad Alice - e portale questo ventaglio.
- Hai detto a me ? - disse stupita.
- Sicuro - disse il Coniglio - qui tutti devono fare qualcosa. Su, bambina prendi il ventaglio.
- Mi hai presa per la tua domestica? - disse Alice.

Nel brano il verbo dire è ripetuto più volte. Sostituendolo con verbi di significato affine il testo risulta più vivace e gradevole.

Nel paese delle meraviglie

Gli animali si avvicinarono minacciosamente ad Alice confabulando, mentre il Coniglio Bianco passava dall'uno all'altro, incitandoli ad andare dalla signora Duchessa.
- Muoviti anche tu - brontolò rivolto ad Alice - e portale questo ventaglio.
- Hai detto a me ? - chiese stupita.
- Sicuro - rispose il…

Raccontare un'esperienza importante

Immagine
Tema Un risveglio tutto blu
Alcuni giorni fa mi svegliai come sempre per andare a scuola. Sentii provenire dalla cantina strani rumori che mi fecero capire che era successo qualcosa di strano. Affrettai il mio passo e vidi la mamma indaffarata a pulire il pavimento completamente cosparso di piccole impronte blu. Sgranai gli occhi e le chiesi cosa fosse successo ed ella, affannosamente, mi rispose che era accaduto un fatto sgradevole. I miei due gattini, durante la notte, avevano rotto una bustina di anilina e si erano cosparsi completamente di polvere azzurra.  I due cuccioli che vagavano per la casa erano irriconoscibili:il loro pelo era diventato blu. Inoltre nel loro gironzolare per la veranda lasciavano impronte ovunque. La mamma cercava di porre rimedio a quel disastro badando ora alle povere bestiole, ora ripulendo il pavimento. Il tempo scorreva ed io temevo di fare tardi a scuola. Scoppiai a piangere nel timore che i gatti potessero morire ma la mamma mi rassicurò dicendo che ciò…

Come scrivere un breve racconto: i fatti, i commenti, le sensazioni

Immagine
Il principe nel bosco
Il bosco era fitto e scuro. Il principe spronò il cavallo, impaziente e ansiosodi arrivare. Ma la notte era ancora lunga. Il bosco, buio ed insidioso, risuonava di strani richiami: o era il vento che sibilava tra gli alberi? Il principe cercava di dominarela paurapensando alla bella dama che aspettava il suo aiuto. Nelle favole le strade sono sempre molto lunghe: il principe dovette cavalcare per molti giorni e molte notti, ogni tanto era prossimo a perdersi d'animo. Si cibava di frutti selvatici e beveva acqua di fonte. Il bosco era sempre più intricato e la strada era stretta e scoscesa.
LEGENDA
fatti = blu commenti = rosso sensazioni / descrizioni = verde

Visualizza e stampa con Google Docs

Link correlati a questo post:

Il testo narrativo

Scrittura creativa

Le poesie

Le filastrocche

La raccolta dei temi

Il testo descrittivo

Il testo argomentativo

Il testo poetico

Il testo umoristico

La mia maestra: tema con schema di lavoro

Immagine
Tema
La maestra Tilde
La maestra che ora vi presento si chiama Tilde. È la mia maestra di storia e geografia e secondo me insegna una materia stupenda. Ha due grandi occhi lucenti di color nocciola che le incorniciano il viso. I suoi capelli sono di un grigio scintillante e sembrano quasi argentati. Ella ha sempre un bel rossetto di colore rosso ciclamino che le dipinge e sempre le dipingerà le labbra. Quando frequentavo la classe prima elementare, avevo molto timore di tutti i miei maestri tranne una: la maestra Tilde! Decisi così di scriverle una lettera molto lunga. In questa lettera scrissi dei sentimenti profondi che avevo nei suoi confronti ed erano cose che mi uscivano dal cuore e, anche se ero piccola, sono sicura che lei l'aveva apprezzata lo stesso. Io alla maestra Tilde voglio un mondo di bene e spero che tutti i miei compagni, compresa me, non la faranno più arrabbiare non studiando le lezioni!!

Presentazione del personaggio


La maestra che ora vi presento si chiama Tilde. È la mi…

Geografia classe quinta: le regioni d'Italia

Immagine

Rinnovo del contratto per i lavoratori della scuola

Immagine
Come immediatamente annunciato da Domenico Pantaleo, segretario generale della FLC CGIL, la sentenza del 16 settembre del Tribunale di Roma ha condannato la Presidenza del Consiglio e l’Aran ad avviare immediatamente le procedure per rinnovare i contratti. Il Giudice del Lavoro, riferendosi in particolar modo alla recente sentenza della Corte Costituzionale 178/15 (con cui è stata sancita l’illegittimità del blocco della contrattazione), ha evidenziato come la sospensione della contrattazione comporti un “sacrifico del diritto fondamentale tutelato dall’art. 39 Cost. non più tollerabile”... Per saperne di più vai al sito della CGIL SCUOLA
Link correlati a questo post:
Scuola news
Immagine: università.it 

Teoria gender: il non ci sto del ministro Giannini!

Immagine
Il ministro dell'Istruzione invia una circolare alle scuole per rispondere anche in via ufficiale alle polemiche sui programmi. Che il governo e gli esperti hanno da tempo ribadito essere pretestuose: "Chi ha parlato e continua a parlare di 'teoria gender' in relazione al progetto educativo del governo Renzi sulla scuola compie una truffa culturale e voglio dire con chiarezza che ci tuteleremo con gli strumenti adeguati", ha detto il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, a Radio24. Alla domanda successiva del conduttore, Gianluca Nicoletti, se il ministero si sta muovendo in questa direzione, la titolare del dicastero di viale Trastevere ha poi risposto: "Eh beh, sì, perchè facciamo chiarezza con circolari e in altri modi, ma se ciò non dovesse bastare credo che ci sia una responsabilità irrinunciabile di passare anche a strumenti legali". Ha poi aggiunto: "Mi auguro ci sia un ravvedimento immediato" in quella parte della Chiesa cat…

Bonus di 500 euro in busta paga ad ottobre

Immagine
Forse già ad ottobre arriveranno i 500 euro previsti dalla legge sulla Buona Scuola. Lo ha dichiarato il ministro Giannini a Zapping su Radio uno. Per quest'anno i soldi andranno  direttamente in busta paga, mentre dal prossimo è prevista la card del docente.  I docenti, secondo quanto scritto nel comma 121 della legge 107, detta "La Buona scuola", i 500 euro potranno essere così spesi: acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste comunque utili all'aggiornamento professionale, acquisto di hardware e software, iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il ministero dell'Istruzione, dell'università e della ricerca iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, iscrizione a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale, partec…

Romanzo per bambini - "In vacanza sulla Terra", capitolo terzo: "In viaggio"

In vacanza sulla Terra
Capitolo terzo

In viaggio
L’astronave, ideata da Genius e costruita da computer superintelligenti, viaggiava aduna velocità da brivido. Ma di questo, al suo interno, nessuno se ne accorgeva. La famigliola al completo osservava le prime immagini del pianeta Terra: - Ron, queste immagini sono più buffe dei cartoni! Hai visto i bambini: ubbidiscono al maestro, lo ascoltano, sono anche contenti della lezione. - La cosa più divertente è che poi hanno i compiti. Non riesco proprio a capire: eppure ridono, giocano... - Hai osservato le immagini dei piccoli terrestri al mare? Sono ridicole. Sempre di corsa a tuffarsi, a giocare con quella buffa palla. Costruiscono per ore ed ore enormi castelli di sabbia e piste per giocare con delle palline di vetro. E’ assurdo. - E come sono magri! Sono orribili. Quando ne vedo uno grasso mi risollevo il morale. - Però c’è una cosa che ci accomuna: bevono un mucchio di Coca Cola. Jenni e Red erano soddisfatti. - Potevamo evitarci questo noioso…

"La zanzara e il leone" di Esopo - Analisi del testo e spunti grammaticali

Immagine
La zanzara e il leone
La zanzara si recò dal leone e gli disse: "Non mi fai paura e non sei più forte di me. E se non sei d'accordo, dimmi in che cosa consiste la tua forza. Nel fatto che graffi con gli artigli e azzanni con i denti? Ma questo lo fa anche una donna che litiga con il marito! Io invece sono molto più forte di te. Se vuoi, veniamo subito a battaglia". E la zanzara, suonata la tromba, si precipitò subito contro il leone pungendolo sul muso, intorno alle narici, dove non ha peli. La belva, dal canto suo, non faceva che straziarsi da sola con le unghie finché rinunciò alla lotta. Dopo la vittoria sul leone, la zanzara suonò la tromba e cantò tutta la sua gioia per celebrare la vittoria. Ma, appena si fu alzata in volo, s'impigliò nella tela di un ragno e, mentre quello la succhiava, gemette: "Io che ho combattuto con i più potenti, sono vittima di un insetto insignificante com'è il ragno!".
Esopo

Analisi del testo Per quale motivo la zanzara sf…