Post

Visualizzazione dei post da settembre 6, 2015

"Il punto interrogativo" filastrocca di Gianni Rodari

Il punto interrogativo

C'era una volta un punto
interrogativo,
un grande curiosone
con un solo ricciolone,
che faceva domande
a tute le persone,
e se la risposta
non era quella giusta
sventolava il suo ricciolo
come una frusta.
Agli esami fu messo
in fondo a un problema
così complicato
che nessuno trovò il risultato.
Il poveretto, che
di cuore non era cattivo,
diventò per il rimorso
un punto esclamativo.

Gianni Rodari - Filastrocche in cielo e in terra Einaudi Ragazzi

Link correlati a questo post:

Antologia

Il testo poetico

Racconti, poesie e filastrocche, del maestro Ercole

"Una scuola grande come il mondo" di Gianni Rodari

Una scuola grande come il mondo
C'è una scuola grande come il mondo.
Ci insegnano maestri, professori,
avvocati, muratori,
televisori, giornali,
cartelli stradali,
il sole, i temporali, le stelle.
Ci sono lezioni facili
e lezioni difficili,
brutte, belle e casi cosi.
Ci si impara  a parlare, a giocare,
a dormire, a svegliarsi,
a voler bene e perfino
ad arrabbiarsi. Ci sono esami tutti i momenti,
ma non ci sono ripetenti:
nessuno può fermarsi a dieci anni,
a quindici, a venti,
e riposare un pochino.
Di imparare non si finisce mai,
e quel che non si sa
è sempre pia importante
di quel che si sa già.
Questa scuola è il mondo intero
quanto è grosso:
apri gli occhi e anche tu sarai promosso.
Gianni Rodari

Link correlati a questo post:

Antologia

Il testo poetico

Racconti, poesie e filastrocche, del maestro Ercole

Genitori e figli: tutti i post del sito

Immagine
Quando una bambina o un bambino varca per la prima volta la soglia della scuola porta con sé un bagaglio d'esperienze che incideranno nella formazione della propria personalità e del carattere per tutta la vita. Naturalmente ciò non significa che la scuola debba abdicare alla sua funzione: educare ed istruire nel miglior modo possibile, ma è bene, a mio parere, tenere presente l'incidenza fondamentale della famiglia nell'educazione delle nuove generazioni, del rapporto genitori e figli in un contesto sociale estremamente difficile e complesso. I post su questo delicato argomento non hanno la pretesa della completezza, ma non è detto che non possano essere di un qualche aiuto a tutti noi.

(e.b.)

Eccovi i link relativi:

La dislessia: come riconoscerla e cosa fare

Genitori e figli: l'intervento dello psicologo

Genitori e figli: lo studio della lingua italiana

Genitori e figli: l'identikit

Destra o sinistra a scuola: il mancinismo

La dislessia, la discalculia, la disgrafia: co…

Giochi gratis per bambini online

Immagine
Giochi per bambini è un sito dove puoi trovare giochi per tutta la famiglia e divertirti. Di facile navigazione, per tutte le età. I giochi sono gratis e suddivisi per categorie; di facile uso.

Eccovi il link:
Giochi per bambini

Italiano: primi giorni di scuola in classe seconda.

Immagine
Ricordi delle vacanze Sopra la cattedra ci sono alcune cose raccolte nei luoghi delle vacanze. Ci sono le conchiglie che Romina, Artur, Valentina, Sara, Elisa, Ylenia, hanno trovato al mare. Ci sono le stelle alpine che Francesca ha trovato in montagna. Ci sono le pigne che Alessio ha raccolto in pineta. Sono tutti cari ricordi delle vacanze: Essi sono documenti che ci parlano del tempo passato.
Ritratti Ripartii con la testa piena di ricordi rossi, dorati e azzurri.
Scriviamo i nostri ricordi: quelli rossi, dorati, azzurri. Rossi I papaveri (Elisa). Il mio secchiello (Valentina). I pomodori (Sara). I tetti delle case (Ylenia). Le ciliegie (Denis).
Dorati La stella dello sceriffo (Andrea). L'anello del papà (Cristian). Il mare al tramonto (Artur).
Azzurri Il cielo quando ci sono le belle giornate (Daniel). Il mare al mattino presto (Sally).

Gli occhi della sorella di Federica (Romina e Federica).



ll mare Attraversarono molti paesi dove, sulla spiaggia, c'era una grande quantità di ombrelloni colorat…

Romanzo per bambini - "In vacanza sulla Terra", capitolo secondo: "Un pianeta della preistoria"

In vacanza sulla Terra
Capitolo secondo
Un pianeta della preistoria
- Mad! Ron! Lasciate perdere il maestro! E’ ora di guardare i cartoni intelligenti, oggi proiettano un cartone intitolato “La vendetta dei computer spaziali”. I due bimbi spensero l’interruttore e il maestro smise di spiegare, senza dimenticare di salutare e ringraziare gli alunni. - Mah! Io trovo che questo computer maestro poteva essere costruito un po’ meglio, dice sempre le stesse cose. - Beh, non pensiamoci Ron, godiamoci i cartoni, ne ho una gran voglia. Ci facciamo una scorpacciata di patatine Logos con la Coca Cola, che ne dici? Mad e Ron rispettivamente otto e nove anni, tutti e due biondi con gli occhi azzurri, erano decisamente grassi come del resto oramai tutti gli abitanti del pianeta, da generazioni. Dopo un’ora di cartoni i due caddero in un sonno profondo, le due poltrone, come ogni sera, si trasformarono in due letti ultramorbidi. Papà Red e mamma Jenny si misero anche loro a letto. - Sai Jenny la nostra vita è…