Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2015

Storia della pulce e della scimmia di Ursula Wolfel

Immagine
Storia della pulce e della scimmia Una pulce pizzicò una scimmia sulla pancia. La scimmia si diede una gran botta sulla pancia. La pulce, però, le era già saltata sulla spalla. La scimmia, allora, si diede un gran morso sulla spalla, riempiendosi la bocca di peli. Intanto la pulce le era saltata sulla schiena. La scimmia, decisa ad acchiapparla, cominciò a girare su se stessa finché le venne il capogiro. Allora, con tutte e due le mani, nel tentativo di schiacciare la pulce, cominciò a darsi delle gran botte dappertutto. Ma la pulce, da un bel po', le era saltata sulla testa, dove se ne stava seduta a godersi lo spettacolo della scimmia che se le dava di santa ragione. Ursula Wolfel Visualizza e stampa   Ti potrebbero interessare: Le poesie Le filastrocche La raccolta dei temi Il testo narrativo Il testo descrittivo Il testo argomentativo Il testo poetico Il testo umoristico Scrittura creativa Argomenti di vario tipo Dettato ortografico Lettura e comp

Dettato ortografico per la classe quinta della scuola primaria

Dettato ortografico La mamma ha preso la tavoletta di cioccolato e l'ha divisa in quattro parti. Non l'hanno visto alla spiaggia neanche l'anno scorso. Gliel'hai chiesto il permesso al papà? No, non glielo chiedo! La navata della cattedrale ha una volta arcuata ricca di affreschi del cinquecento. Scriverò gli appunti per gli acquisti sul mio taccuino. La vipera incute timore: in certe stagioni il suo morso è innocuo. Il libro di cui ti avevo parlato si trova qui sopra la scrivania. Ho acquistato una maglietta a quadretti proprio carina. Hai accompagnato la nonna ai giardini pubblici? Emilia è andata a trovare Emilio con lo zio Guglielmo. Visualizza e stampa Link correlati a questo post: Dettato ortografico Classe quinta

Esercizi di analisi logica per la classe quinta della scuola primaria

Analisi logica Eseguo l'analisi logica delle seguenti frasi: Il Colosseo, antico anfiteatro romano, è un grandioso monumento di epoca imperiale. L'arte dà un'anima all'universo, ali alla fantasia, vita e delizia ad ogni cosa. Il bosco, con i suoi profumi e le sue voci, ispira i poeti. La luna è illuminata dal sole. Gli ho dato ragione. Giungemmo alla vetta alle dieci del mattino. I coccodrilli vivono nelle acque dei fiumi equatoriali. Ho visitato la nonna ammalata e sono tornato a casa di corsa. Un gruppo di ragazze offrivano dei fiori agli invitati. La patata fu portata in Europa dall'America. 1)  Il Colosseo = soggetto antico = attributo dell'apposizione anfiteatro = apposizione del soggetto romano = attributo dell'apposizione è = copula (indicativo presente 3^ persona del verbo essere) un grandioso = attributo del predicato nominale monumento = predicato nominale di epoca imperiale = complemento di tempo determinato 2)

I nomi difettivi, sovrabbondanti, invariabili: spiegazioni ed esercizi per la scuola primaria.

I nomi difettivi Si chiamano difettivi quei nomi che mancano (quindi difettano) di uno dei numeri o del singolare o del plurale. I nomi sangue, latte, bontà, miele e via dicendo, sono nomi difettivi del plurale. Infatti non si dice mai i sangui , i latti , le bontà , i mieli (nomi difettivi del plurale), come non si dice l'occhiale , il calzone , la nozza , ma gli occhiali, il calzone, le nozze (nomi difettivi del singolare). I nomi sovrabbondanti Si chiamano sovrabbondanti quei nomi che hanno due forme (sia pure con significati diversi) al singolare e al plurale o per tutti e due i numeri. Come ad esempio: i corni (strumenti musicali) > le corna (degli animali) i fusi (orari) > le fusa (del gatto contento) i gesti (movimenti) > le gesta (imprese eroiche) i bracci (del fiume, della croce) > le braccia (del corpo umano) I nomi invariabili Alcuni nomi restano invariati sia quando si usano al singolare, sia quando si usano al plurale. Infatti si può dir

Didattica Scuola Primaria: Festa della mamma - Filastrocca a rima baciata "Ca...

Didattica Scuola Primaria: Festa della mamma - Filastrocca a rima baciata "Ca... : Cara mamma, della mia vita sei il colore, tu mi doni gioia ed amore, com'è bello ogni mattino, darti un piccolo bacino, ...

Didattica Scuola Primaria: Il complemento oggetto e il complemento indiretto:...

Didattica Scuola Primaria: Il complemento oggetto e il complemento indiretto:... : Saper individuare nel contesto di una frase il complemento oggetto e il complemento indiretto. Eseguo ...

Didattica Scuola Primaria: Verifica di analisi logica per la classe quinta: s...

Didattica Scuola Primaria: Verifica di analisi logica per la classe quinta: s... : Verifica di analisi logica per la classe quinta - I quadrimestre Quali domande mi pongo ( puoi aiutarti con...

Alba d'estate di Lhi Pen

Alba d'estate Il cielo dell'alba è d'un azzurro soave. Ascolta! Un nido si sveglia, un altro: è un pigolare fitto e diffuso.      Come un'albicocca matura,      il cielo impallidito s'indora. Chi canta per primo? E' un bel mattino. L'estate è tornata. Lhi Pen Link correlati a questo post: Estate  Antologia

L'albero di Luigi Pirandello

Immagine
L'albero  Un povero albero, nato in un oscuro cortile, si era levato dritto spinto dal desiderio di vedere il sole e di respirare l'aria libera. Aveva avuto tanta paura, ma finalmente c'era arrivato. Le fronde della cima brillavano felici e destavano invidia alle foglie che stavano in basso prive di aria e di sole! In tutte le stagioni, all'ora del tramonto, quell'albero si popolava di una gran quantità d'uccelli, e pareva che ogni foglia avesse voce, che tutto l'albero cantasse: dalle finestre delle case i bambini assistevano ai loro giochi assordanti. Ora avviene che il proprietario un bel giorno pensò di alzar la casa di un altro piano. E l'albero, che si era guadagnato la libertà del sole a prezzo di grandi fatiche, piegò avvilito la cima e si piegò sul tronco. - Su! Su! - Gli gridavano i passeri, e spiccavano il volo per incitarlo più da vicino a rizzarsi. - Su! Su! - Ma il vecchio albero non pensava che a a morire! Al tramonto si raccoglie

Prove INVALSI rinviate per lo sciopero dei docenti

Le prove INVALSI previste per il 5 maggio di italiano ed il 6 maggio per la matematica sono state rinviate rispettivamente al 6 e al 7 maggio prossimo. Questo a causa dello sciopero degli insegnanti indetto, per il 5 maggio, da tutti i sindacati più rappresentativi. Link correlati a questo post: Scuola News Notiziario

"Favoletta alla mia bambina" di Umberto Saba - Poesia a rima alternata

Immagine
Favoletta alla mia bambina Tu sei la nuvoletta, io sono il vento; ti porto ove a me piace, qua e là ti porto per il firmamento, e non ti do mai pace. Vanno a sera a dormire dietro i monti le nuvolette stanche. Tu nel tuo letticciolo i sonni hai pronti sotto le coltri bianche. Umberto Saba Visualizza e stampa Ti potrebbero interessare: Le poesie Le filastrocche La raccolta dei temi Il testo narrativo Il testo descrittivo Il testo argomentativo Il testo poetico Il testo umoristico Scrittura creativa

I migliori percorsi didattici di matematica per la classe prima scuola primaria

Immagine
Il lavoro di tutto l'anno scolastico per l'apprendimento della matematica in una prima classe della scuola primaria illustrato direttamente dai quaderni dei bambini. Il viaggio attraverso il mondo dei numeri visto giorno dopo giorno. Eccovi i post che hanno destato maggiore interesse: Nell'ordine i primi 10 link a seconda delle preferenze dei visitatori del sito: Insieme equipotente, insieme non equipotente  Insieme vuoto Il gioco dei raggruppamenti Addizioni e sottrazioni in tabella a doppia entrata Conto, formo la decina e registro in tabella Gli insiemi: appartiene o non appartiene? Il sottoinsieme I numeri amici del 10 Problema con diagramma a blocchi Arriva la decina Link correlati a questo post: Matematica classe prima Matematica classe seconda Matematica classe terza Matematica classe quarta Matematica classe quinta

La descrizione della persona: il maestro Ercole - Schema del testo

Immagine
Tema Il maestro Ercole Introduzione Se sentite pronunciare le parole: "Oggi ragazzi faremo il secondo tema" o qualcosa del genere, allora avete appena sentito il maestro Ercole che è entrato da pochi minuti in classe. Aspetto fisico Ha i capelli grigi e un po' bianchi; gli occhi grigio chiari tendenti all'azzurro, porta gli occhiali perché è ipermetrope, il naso è aquilino, la bocca è piccola e sottile. Carattere comportamento E' molto bravo e comprensivo, si arrabbia difficilmente, ma quando si arrabbia si sente sino in quinta. Abbigliamento E' un insegnante di italiano, geografia e religione. Si veste quasi sempre nello stesso modo: camicia, maglioncino blu o nero, pantaloni un po' larghi e solitamente mocassini. Un breve episodio Un giorno mi ero dimenticata di studiare geografia e il maestro con molta gentilezza mi disse: " Non ti preoccupare, la studi per venerdì prossimo". Conclusione Insomma il

Esperienza di continuità didattica tra la scuola primaria e la scuola media - La professoressa di francese

Immagine
Nel viaggio a ritroso nel tempo inserirò il lavoro del ciclo precedente a quello preso in esame nei precedenti post, relativo all’anno scolastico 2002/2003. L’attenzione del maestro e degli alunni è focalizzata sull’esperienza di continuità didattica tra la classe quinta e la scuola media Giovanni Boine. Non fu un adempimento dovuto al POF e meramente formale come spesso capita. Ne uscimmo tutti arricchiti. Gran parte del merito va attribuito a colei che ci guidò nell’esperienza, una giovane, preparata ed appassionata professoressa di francese. Rimane indelebile nella memoria il primo incontro nell’attrezzata aula computer della scuola media che si trova tuttora nei piani alti dell’edificio. Per tutta la lezione, Silvia, argomentò in francese e gli alunni la seguivano a bocca aperta, letteralmente rapiti. L’unico in difficoltà ero io perché faticavo a seguirla e non riuscivo a nascondere un certo imbarazzo nonostante le mie origini francesi che si evincono dal mio cognome Bonjea

Didattica Scuola Primaria: Prove di ingresso scuola media - Schede stampabili...

Didattica Scuola Primaria: Prove di ingresso scuola media - Schede stampabili... : Prova di ingresso scuola media - Prova di verifica del secondo quadrimestre per la classe quinta della scuola primaria ...

"Mother Dear," by Ercole Bonjean

Immagine
Mother Dear, Of my life you are the centre, You give me joy and give me shelter. How wonderful it is To greet you with a kiss Or a thoughtful caress On the palm of your hand. Last night I dreamt of you And in the dream I hugged you; Then my sorrow fled me As your hand caressed me; My face is now bright, As I am woken by your smile. I now look at life in awe As I step through the door! Ercole Bonjean Translation by Chiara Amoretti Saves and prints Link correlati a questo post: Elementary school

Mr Bonjean interviews his students: Is writing a pleasure or a sacrifice?

Immagine
Mr Bonjean interviews his students: Is writing a pleasure or a sacrifice? Why do we write? We write to learn how to communicate, because writing is a crucial part of our  lives and will be useful for all aspects of life. (Andrea) We write for many reasons: to express how we feel inside, but also for the sheer  joy of learning how to write and entering the world of writing. (Elena) We write to communicate, to compose texts or nursery rhymes, to write letters  or, if you are in love, love letters. (Simone) We write for many reasons: to communicate, to describe things, to memorize, to  recount our own experiences, to inform. (Giulia) What sort of text do you prefer writing? Why? I prefer writing fables because I can invent them myself and I have fun  describing witches, fairies, ogres, wizards and goblins. (Silvio) I love writing action and adventure stories because I am passionate about this  kind of tale; I particularly like imagining the world of pira

Il modo congiuntivo: esercizi di grammatica.

Immagine
Completa le seguenti frasi con ii congiuntivo o il condizionale adatto: Accetteremmo volentieri se ... Se potessi scegliere un mestiere ... Dormirei volentieri un'oretta se ... Completo le frasi ed eseguo l'analisi grammaticale: Accetteremmo volentieri se non avessimo troppi impegni. Se potessi scegliere un mestiere farei l'avvocato. Dormirei volentieri un' oretta se non dovessi eseguire i compiti. Eseguo l'analisi grammaticale: 1. Accetteremmo = voce del verbo accettare 1^ coniugazione modo condizionale tempo presente 1^ persona plurale volentieri = avverbio di modo se = congiunzione non = avverbio di negazione avessimo = voce del verbo avere coniugazione propria modo congiuntivo tempo imperfetto 1^ persona plurale troppi = aggettivo indefinito maschile plurale  impegni = nome comune di cosa maschile plurale 2. Se = congiunzione potessi = voce del verbo potere 2^ coniugazione modo congiuntivo tempo imperfetto 2^

Esercizi di analisi grammaticale

Immagine
Svolgere l'analisi grammaticale. Svolgo l'analisi grammaticale delle seguenti frasi: 1. Il tuo amico è più studioso del mio. 2. Tuo zio è molto colto, ama lo studio della storia. 3. La vostra campagna ha prodotto delle ottime olive. 4. Quel giorno ho capito la lezione di grammatica. 5. Questi fiori sono profumatissimi. 1. Il = articolo determinativo maschile singolare tuo = aggettivo possessivo maschile singolare amico = nome comune di persona maschile singolare più studioso = aggettivo qualificativo di grado comparativo di maggioranza del = preposizione articolata formata da di + il mio = aggettivo possessivo maschile singolare 2. Tuo = aggettivo possessivo maschile singolare zio = nome comune di persona maschile singolare è = voce del verbo essere coniugazione propria modo indicativo tempo presente 3^ persona singolare molto colto = aggettivo qualificativo di grado superlativo assoluto maschile singol