Post

Visualizzazione dei post da ottobre 31, 2010

Verifica delle competenze ortografiche - Classe seconda I quadrimestre

Immagine
Ascolto, rifletto, scrivo, rileggo

Il cuoco prepara una gustosa cenetta per i giovani sposi.La maestra Antonella suona con passione la chitarra.Lo studio della lingua italiana è piacevole.Lorenzo ed Alberto si recano in biblioteca per leggere libri di vario genere.Il nostro gioco preferito è il teatro libero.Durante la prova di verifica è importante scrivere con calma e concentrazione.Nella stagione autunnale le ore di luce diminuiscono.La marmotta ha raccolto una bella provvista di ghiande.Nel pomeriggio frequenterò un corso di scacchi a Porto Maurizio.L'Italia è in gran parte montuosa.Benedetta ha richiesto un testo di geografia in biblioteca,Gli astrologi hanno previsto un anno di grande prosperità. Link correlati a questo argomento:
Il dettato ortografico
Verifiche per la classe seconda
Visualizza e stampa con Google Docs

Il testo narrativo fantastico: "La cicala e la formica" di Esopo

Immagine
La cicala e la formica Durante l'estate la formica lavorava duramente, mettendosi da parte le provviste per l'inverno. Invece la cicala non faceva altro che cantare tutto il giorno. Poi arrivò l'inverno e la formica ebbe di cui nutrirsi, dato che durante l'estate aveva accumulato molto cibo. La cicala cominciò a sentire i morsi della fame, perciò andò dalla formica a chiederle se potesse darle qualcosa da mangiare. La formica le disse: «Io ho lavorato duramente per ottenere questo; e tu, invece, che cosa hai fatto durante l'estate?» «Ho cantato» rispose la cicala. La formica allora esclamò: «E allora adesso balla!» Morale: chi nulla mai fa, nulla mai ottiene.

Esopo

Link correlato a questo argomento:

Il testo narrativo

Visualizza e stampa con Google Docs

Il testo di tipo narrativo fantastico: "Immagino di vivere in un altro mondo, in un altro pianeta: ecco come me lo immagino".

Immagine
Tema

Immagino di vivere in un altro mondo, in un altro pianeta: ecco come me lo immagino.
In un giorno qualsiasi, io e i miei amici, decidemmo di partire per un pianeta non molto sconosciuto, eravamo stufi di stare sulla Terra, tutta la gente della nostra città per muoversi utilizzava macchine e motorini, inquinando tutto l'ambiente.

Ci recammo così dall'astronave e, verso le quattro e mezza del pomeriggio, partimmo per il pianeta “Saturno”. Eravamo tutti molto emozionati per la partenza. Alla guida dell'astronave mettemmo Ludovica che era la più istruita di tutte. Passate molte ore, arrivammo sul pianeta. “Che bello!” esclamai. In questo ambiente vivevano delle persone magiche che, però, erano un po' permalose. Posteggiata la navicella, decidemmo di visitare un po' il pianeta, girammo negozi, mercati, centri commerciali e cose varie. Ad un tratto entrammo in un negozio stranissimo, all'interno c'era una signora che indossava numerosi orecchini tutti di tipi diver…

Verifica di italiano per la classe quinta della scuola primaria: scrivere un incipit.

Scrivi due incipit per ognuno dei seguenti titoli di tema: Quando le ore a scuola volano. La piazza della mia scuola. La maestra Francesca. Per me, in ogni lezione, le ore volano; sapete perché?
Semplicemente per il fatto che abbiamo degli insegnanti che rendono le lezioni come un gioco. Drinn” è suonata la campanella; a me sembra passato meno della metà del tempo che dobbiamo stare a scuola ma le ore per vivere con gli insegnanti si sono già esaurite. Il luogo ideale per trascorrere il tempo libero, divertirsi e giocare: questa è la piazza della mia scuola, la mitica piazza Roma. Bella, spaziosa e ricca di giochi; questo e molto altro è la nostra piazza Roma. Dal viso si capisce già il suo stato d'animo: sapete di quale insegnante si tratta? Ovviamente della maestra Francesca. Occhi azzurri, capelli castani e corti, corporatura minuta e altezza superiore alla media. Questa è la mia maestra Francesca.

Link correlato a questo argomento:

Come iniziare a scrivere un buon tema

Visu…

Attività alternative alla religione cattolica: linee guida e programmazione didattica quadrimestrale

Immagine

Insegnamento della Religione cattolica nella scuola primaria: programmazione per la classe terza della scuola primaria.

Immagine
Premessa

Per l'insegnamento dell'insegnamento della Religione Cattolica e di tutte le altre materie oggetto di studio nella scuola primaria occorre attenersi ai Programmi del 1985 che vanno a sostituire i Programmi ministeriali del 1955. La legge dell'Autonomia entrata a regime nel 2000, le indicazioni per il curricolo del Ministro Fioroni od anche le modifiche del ministro Gelmini, non cambiano gli obiettivi della programmazione richiesti ai docenti della scuola elementare, ora primaria, che hanno carattere prescrittivo, ma non li vincolano sul metodo di lavoro e le tecniche per ottenere i risultati (articolo 33 della Costituzione). In questo senso i programmi, tuttora vigenti, non lasciano adito a dubbi ed il richiamo alla Costituzione Repubblicana è esplicito.
Nello specifico, prima di proporvi la programmazione di Religione per le classe terza, sottopongo alla Vostra attenzione la parte dei Programmi del ministro Falcucci da cui deriva la programmazione didattica.







Link co…

Verifica di lingua italiana per la classe quinta della scuola primaria - II quadrimestre - Simulazione Invalsi

Immagine
Le lacrime del coccodrillo Scendono a cascata le lacrime del coccodrillo dentro le acque del grande fiume. La luna osserva e ride. Chiede un po’ di luce al sole in ombra e fotografa l’immagine. Piange il coccodrillo, piange per la piccola e fragile gazzella che correva felice tra le rive del fiume. Non correrà più ora, non potrà più cibarsi della gustosa erbetta che cresce vicino alle acque del grande fiume. A questo pensiero le lacrime aumentano insieme al dispiacere ed alla tristezza infinita per quegli istanti di cattiveria. La faccia gialla scompare nel buio del cielo, si sente ancora più solo. Infine perde coscienza e giunge liberatore il sonno. Dorme per poche ore, lo risveglia un flebile raggio di luce. E’ iniziato il cammino dell’alba. La prima sensazione è quella di un grande vuoto. Brontola sempre di più il suo amico stomaco e chiede di essere riempito. Come ogni mattina, a quel segnale, non può in alcun modo dire no; entra dentro al cespuglio più folto e vicinissimo al fiume…