Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2010

Verifica di lingua italiana - Il testo narrativo fantastico: "Le due caramelle magiche"

Immagine
Il testo fantastico

Le due caramelle magiche
Tanti anni fa, in una scuola del paese delle fate, c'era un bambino di nome Matteo che frequentava la classe terza. Questo bambino non otteneva mai ottimi risultati, era intelligente e buono ma non interveniva mai alle lezioni, era sempre chiuso perché non aveva fiducia in sé stesso ed era triste. Un giorno che Matteo era assente per una visita medica, il maestro Magister portò i suoi alunni in palestra e, alla fine, si fermarono a discutere sul problema di Matteo perché erano tutti molto preoccupati. Magister, però, capì che Matteo aveva bisogno di molto affetto e di molta comprensione. Trovata la soluzione, Magister non sapeva comunque come risolvere il problema; pensò a lungo e poi chiamò la fata Amor, l'unica che potesse aiutare Matteo con qualche magia. Quando Amor arrivò, Magister le espose subito il problema del suo alunno; la fata rifletté parecchio tempo e pensò di creare una caramella contro la timidezza e un'altra per la f…

Il testo narrativo fantastico - Lavoro di gruppo classe quarta

Immagine
Sapiens e le sue parole magiche
Nell'anno scolastico duemilasei, in un periodo non molto gradito dalla classe quarta B, c'era un alunno di nome Leonardo che si vantava perché credeva di essere un genio e, per questo motivo, i suoi compagni di classe lo chiamavano Genius. Leonardo si dava arie di superiorità con tutti, persino con il maestro e riteneva inutile ascoltare le sue lezioni. Questo bambino non studiava perché pensava di sapere già tutto ed aveva già deciso di diventare uno scienziato. I suoi compagni di classe, stufi del suo comportamento, ma anche preoccupati, all'uscita della scuola decisero di riunirsi nel grande piazzale per discutere sul comportamento di Leonardo. Loro pensarono molto e trovarono una soluzione: rivolgersi al mago Sapiens. Sapiens era l'unico che poteva spiegare qualcosa a Leonardo; lo chiamarono e lui arrivò in poco tempo. I compagni di classe di Leonardo gli posero subito questa domanda. “Puoi spiegare a Leonardo che il suo comportamento lo …

I nomi concreti ed i nomi astratti, spiegazione ed esercizi

Immagine
I nomi concreti e i nomi astratti
nomi concreti indicano esseri viventi, oggetti, cose reali, ad esempio animali, sabbia, neve e tantissimi altri. I nomi astratti indicano esseri o cose che non percepiamo con i sensi ma che esprimono idee e sentimenti della nostra mente: libertà, coraggio, odio, e tantissimi altri. Ricava i nomi astratti dai seguenti verbi:
amare > amore sapere > sapienza oziare > ozio riflettere > riflessione ignorare > ignoranza
Ricava i nomi astratti dai seguenti aggettivi:
educato > educazione fedele > fedeltà giusto > giustizia saggio > saggezza
Sottolinea in rosso i nomi concreti ed in blu i nomi astratti:
vestito - eleganza - neve - tana - gioia - discordia - lacrima - gioia
Link correlati a questo argomento:
Analisi logica
Analisi grammaticale
Visualizza e stampa con Google Docs

I nomi primitivi e i nomi derivati: spiegazioni ed esercizi relativi.

Scoprire i nomi primitivi e i nomi derivati

Analizziamo i seguenti nomi: cartoleria, cartiera, cartiera.

La radice che dà origine a questi nomi è cart-a.
In grammatica carta si dice nome primitivo.
Cartiera, cartella, cartoleria si chiamano nomi derivati e formano la famiglia del nome carta.
Scopriamo i derivati delle seguenti parole: latte, pesca. cane, cavallo.

LATTE > latticino - latteria - lattante
PESCA > pescatore - peschereccio - pescheria
PANE > panificio - panettiere - panino - panetteria - panettone
CAVALLO > cavaliere - cavalleria - cavalcatura

Ricaviamo dai nomi primitivi i corrispondenti nomi derivati:

frutto > frutteto
mare > mareggiata
giorno > giornale
salame > salumiere
ora > orario
campana > campanaro
benzina > benzinaio
orologio > orologiaio
castello > castellana
Terra > terrestre
pelliccia > pellicceria
violino > violinista
acqua > acquario
orto > ortaggio
cane > canile
tempo > temporale
bosco > boscaiolo
forno > fornaio
negozio…

I nomi primitivi e i nomi derivati; i nomi alterati : spiegazioni ed esercizi relativi.

I nomi primitivi e i nomi derivati
Si dice primitivo un nome che non deriva da nessun altro nome. Si dice derivato un nome che deriva da un nome primitivo.
Esempio:
fiore > nome primitivo fioraio > nome derivato
Trova alcuni nomi che derivano da acqua:
acqua > acquazzone > acquario > acquolina
Ricava dai seguenti nomi derivati i corrispondenti nomi primitivi:
boscaiolo > bosco marea > mare scolaresca > scuola pescivendolo > pesce
I nomi alterati
I nomi alterati indicano una qualità del nome da cui derivano, senza modificarne il significato. Si ottengono unendo alla radice particolari suffissi:
diminutivi > (ino - icino - icello)
accrescitivi > ( one )
vezzeggiativi > (etto - uccio - uzzo)
dispregiativi > (accio)
Esempio: scarp - a > scarp - etta > scarp - ina > scarp - accia
Completa le seguenti frasi con i nomi alterati suggeriti dalle indicazioni fra parentesi.
Stiamo passando (per una brutta strada) stradaccia.Tommaso abita in un (piccolo appartamento) ap…

Il testo narrativo fantastico: "Babbo Natale e le renne", scheda con lo schema del lavoro.

Immagine
Costruire un testo di tipo narrativo fantastico

Personaggi
Babbo Natale, le renne, il medico Polosalus, mago Sapiens.

Problema
Mancano oramai pochi giorni a natale e le renne hanno la febbre alta; se non guariscono in breve tempo i bambini di tutto il mondo non riceveranno i regali. Il medico Polosalus tenta di guarirle ma non vi riesce e la febbre continua a salire.

Soluzione del problema
Babbo Natale chiede aiuto a Mago Sapiens che prepara una pozione magica a base di latte caldo miele e tantotanto zucchero.

Conclusione
Le renne trascorrono una notte tranquilla. Al risveglio la febbre è scomparsa e scalpitano per poter cominciare a volare sopra i tetti di tutto il mondo e donare regali ai bambini.

Scriviamo la storia
Mancano oramai pochi giorni al Natale e Babbo Natale ha preparato i regali per soddisfare le richieste di tutti i bambini del mondo. Comincia a preparare la slitta e, come ogni mattina, si reca nella grande stalla del Polo Nord per dare la colazione alle renne. Le trova distese e…

Weihnachten - Der Schweifstern

Immagine
Der Schweifstern


Der Schweifstern durchbricht das Dunkel der Nacht, Licht durchflutet die kleine Hütte, erleuchtet die Menschen.
„Er ist geboren!“, heisst es. Die Zeit entflieht schnell, die Strassen im flimmernden Licht. Hetzende  Menschen kaufen Geschenke. Verkauft, verkauft, zu Weihnachten. Aber im Schatten ein lächelndes Antlitz, eine Mutter drückt ihr Kind an die Brust, ein Vater begreift seine Irrtümer, ein Soldat kehrt nach Hause zurück. Es ist Liebe, nicht erwerbbar, unverkäuflich, verschenkbar. Er ist geboren, Jesus ist geboren! der Schweifstern erscheint, umhüllt die Welt in Licht, erstrahlt in der Sternennacht.

(Ercole Bonjean)

Spart und druckt

Esercizi per la divisione in sillabe, le regole per dividere le parole in modo corretto

Esercizi utili per la divisione in sillabe bisillabe, trisillabe, quadrisillabe piane Divido in sillabe le seguenti parole:cane, panino, salame, matita, motorino, televisore.Eseguo:
ca-ne, pa-ni-no, sa-la-me, ma-ti-ta, mo-to-ri-no, te-le-vi-so-re. Parole con lettere ponte:
canto, santo, porto, carta, salto, portone, circo, cento, palco, falce. can- to, san-to, por-to, car-ta, sal-to, por-to-ne, cir-co, cen-to, pal-co, fal-ce. Gruppi di parole con la lettera s quale iniziale di sillaba:
pista, posta, pesce, fasce, cesto, casco, pesca, cascata, pescatore, moscerino. pi-sta, po-sta, pe-sce, fa-sce, ce-sto, ca-sco, pe-sca, ca-sca-ta, pe-sca-to-re, mo-sce-ri-no. Parole con le doppie:
gatto, sette, chitarra, quattro, quarantaquattro, settantatre, trotterellando, attaccapanni. gat-to, set-te, chi-tar-ra, quat-tro, qua-ran-ta-quat-tro, set-tan-ta-tre, trot-te-rel-lan-do,at-tac-ca-pan-ni. Parole con il digramma cq:
acqua, acquedotto, acquitrino, acquistare,acquerello, acquisire.ac-qua, ac-que-dot-to, ac-qu…

Schema relativo alla costruzione del testo argomentativo: "Il rispetto della natura".

Immagine
Saper costruire untesto argomentativo.
SCHEMA
Introduzione: la natura è un bene prezioso.
Argomentazioni a favore: La natura ci nutreCi dà acquaCi dà ossigeno
Argomentazioni a sfavore: Non ce ne sonoConclusione: Ribadisco ciò che ho detto nell'introduzione. Tema  Il rispetto della natura
La natura è un bene prezioso e non va utilizzata per scopi inutili come la caccia, inoltre ci auto danneggiamo perché la natura ci nutre, ci dà acqua, ci dà ossigeno. Odio gli uomini che cacciano per divertimento o quelle insulse pellicce che si usano per essere alla moda. Non si uccidono soprattutto gli animali in via di estinzione altrimenti fra qualche anno non ci saranno più. L'aria è la parte della natura indispensabile per la nostra sopravvivenza, senza l'aria noi moriremmo perché non riusciremmo a respirare. Purtroppo le fabbriche inquinano gravemente l'aria, anche le macchine con la loro scia di fumo favoriscono l'inquinamento; l'acerrimo nemico dell'aria è lo smog dovuto all…

Verifica di lingua italiana: il testo argomentativo. - Tema: Il gioco è una parte importante nella vita di noi bambini, certe volte però ...

Immagine
Verifica di lingua italiana - II quadrimestre

Tema

Il gioco è una parte importante nella vita di noi bambini, certe volte però ...

Esistono molte attività divertenti e una di queste che secondo me è davvero bella e interessante è il gioco.
Il gioco è un'attività particolare, divertente e molto spesso l'attività preferita da noi bambini; il gioco è anche molto importante per noi e a volte ci permette di ragionare e di imparare nuove cose. esistono moltissimi tipi diversi di gioco, ma tutti, pur essendo differenti, hanno delle regole che devono essere sempre rispettate, solo in questo modo ci si può divertire. Questa attività, infatti, è particolare: per diventare divertente e interessante ha bisogno di essere praticata in modo adatto; rispettare le regole è una delle cose principali che trasformano un semplice gioco in un'attività interessante ma per esserlo ancora di più bisogna giocare insieme agli amici.
Questi due elementi sono come gli "ingredienti" di un gioco: s…

Analizzare e comprendere un testo poetico: "San Martino" di Giosuè Carducci: poesia, prosa, biografia dell'autore - Analisi, comprensione, commento, illustrazione del testo.

Immagine
Analizzare e comprendere un testo poetico.
San Martino
La nebbia a gl' irti colli piovigginando sale, e sotto il maestrale urla e biancheggia il mar; ma per le vie del borgo dal ribollir de' tini va l'aspro odor de i vini l' anime a rallegrar. Gira su' ceppi accesi lo spiedo scoppiettando: sta il cacciator fischiando sull'uscio a rimirar tra le rossastre nubi stormi d'uccelli neri, com' esuli pensieri, nel vespero migrar.
Giosuè Carducci
Prosa della poesia
La nebbia sciogliendosi in una leggera pioggerella risale per le colline rese quasi ispide dalle piante oramai prive di fogliame e, spinto dal vento freddo di nord ovest, il mare rumoreggia frangendosi sulla scogliera, con onde dalla spuma bianca. Ma per le vie del piccolo paese contadino si diffonde, dai tini dove fermenta il mosto, l'odore aspre del vino nuovo che rallegra i cuori. E intanto sulla brace del focolare scoppiettano le gocce di grasso che cadono dallo spiedo su cui cuoce la cacciagione; e il cacciatore…

Il testo argomentativo: "La televisione, il computer, internet, i videogiochi, sono davvero un vantaggio del nostro tempo?".

Immagine
Tema

I mezzi audiovisivi (televisione, computer ed internet, lettore DVD, play station, videogiochi...) sono davvero un vantaggio del nostro tempo? Esprimi le tue opinioni sull'argomento.
SCHEMA
Situazione iniziale: introduco l'argomento con una domanda.Situazione centrale: racconto gli aspetti positivi e negativi dei mezzi audiovisivi.Situazione finale: concludo con una mia opinione sugli audiovisivi al nostro tempo. I mezzi audiovisivi sono davvero un vantaggio del nostro tempo? Nel nostro tempo abbiamo molti mezzi audiovisivi, ognuno con aspetti positivi o negativi: si possono usare per rilassarsi però non si deve esagerare perché possono causare malattie a svariate parti del corpo. La televisione è un mezzo audiovisivo potentissimo da cui ricaviamo molte informazioni tramite il telegiornale o i documentari; è anche un mezzo di intrattenimento perché ci sono programmi comici, film e cartoni animati. Essa ha anche aspetti svantaggiosi come i programmi che non sono adatti ai bam…

Correttezza ortografica:uso della lettera h: a come preposizione semplice, ha come voce del verbo avere. - Verifica d'ortografia per la classe 3^; I quadrimestre

Immagine
Quando è corretto usare la lettera h?
a - ha; o -ho; ai - hai
- Geanina va a casa
Proviamo a sostituire la a con il verbo aveva.
- Geanina va aveva casa.
Ha senso? No, è quindi corretto non mettere la lettera h.
- Martina ha studiato la lezione.
Proviamo a sostituire la ha con il verbo aveva.
- Martina aveva studiato la lezione.
Ha senso? Sì, è quindi corretto usare la lettera h.
RICORDO   Se in una frase la parola a è preposizione semplice niente h (non ha senso).Se invece la parola ha valore di verbo occorre usare la lettera h.Verifica di lingua italiana
Ascolto, rifletto, scrivo, rileggo.
I) Nicole va a scuola.
II) Simone ha sonno.
III) Marco ha mangiato una pizza.
IV) Imen ha telefonato a Martha.
V) Andrea scrive un messaggio email a Sara.
VI) Riccardo ha risposto in modo corretto all'insegnante.
VII) Geanina va a pescare con il suo amico Paolo.
VIII) Alessia invia un messaggio SMS a Fiorella.
IX) Umut si reca in vacanza a Roma.
X) Alcuni giorni fa Martina è giunta a scuola con un magnifico paio di…