DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

mercoledì 25 settembre 2013

Gli scacchi materia di studio nella scuola

Gli scacchi sono "uno stupefacente connubio tra arte e scienza". Il gioco più antico del mondo, come tutte le cose belle, è ancor oggi lo sport della mente per eccellenza, capace di sviluppare i due lati del pensiero: quello convergente che presiede alla razionalità e quello divergente che muove la parte creativa. Per queste sue caratteristiche il gioco degli scacchi è stato inserito a pieno titolo tra le materie scolastiche in molti Paesi del mondo. Per esperienza personale come giocatore di scacchi e come maestro, posso dire che aiutano i bambini a riflettere, a competere in modo sano e a collaborare tra loro. Senza considerare la trasversalità dell'esperienza scacchistica che offre svariati spunti per le attività educativo didattiche, in particolare in matematica, in italiano, in storia, in inglese. Ma come si può fare per inserirli tra le attività curricolari? Ci si può rivolgere al locale circolo di scacchi, in genere ve n'è almeno uno per ogni capoluogo di provincia o contattare la Federazione scacchistica italiana. L'ideale sarebbe poter partecipare a specifici corsi per insegnanti sulla materia.

Vediamo intanto cosa pensano i diretti interessati, i bambini, di questa esperienza con alfieri, torri e cavalli che roteano tra i banchi.



Tema
Un sogno nel cassetto

E' quasi un anno che ho un sogno nel cassetto e non l'ho mai detto a nessuno: desidererei tanto conoscere il campione del mondo di scacchi, Garry Kasparov.
Vorrei conoscerlo, vorrei che mi insegnasse a giocare bene a scacchi e vorrei fare qualche partita con lui. Garry mi potrebbe fare vedere mosse fantastiche, aperture strabilianti, matti di cavallo e di alfiere, di torre e di regina. Garry è il mio idolo e vorrei un giorno diventare forte a scacchi come lui perché so che dopo l'insegnamento del mio maestro (il quale mi ha insegnato a giocare a scacchi da principiante ed è grazie a lui che potrò ottenere risultati e diventare abbastanza forte). Potrei realizzare risultati ancora migliori, grazie all'insegnamento di Garry Kasparov. Vorrei osservare insieme a Garry, le partite che sono rimaste nella storia come la Lasker – Thomas e tante altre. Vorrei farmi dare da Garry le partite più emozionanti che ha giocato, quelle dove si è impegnato di più e dove ha vinto ma vorrei osservare le partite che ha perso per guardare l'errore e cercare di non commetterlo. Vorrei che Garry mi insegnasse le tecniche per combattere nel migliore dei modi se si è in svantaggio e come non perdere mai la concentrazione. Sono certo che il mio idolo sa risolvere con una facilità estrema i problemi e vorrei che lo insegnasse anche a me.
Vorrei imparare a sacrificare dei pezzi per poi magari dire:”Scacco matto” o anche solo per passare in vantaggio.
Vorrei imparare a individuare subito se c'è un matto imparabile a mio favore o se c'è per il mio avversario e, a tal punto, sperare che l'avversario non l'abbia individuato. Vorrei anche imparare, sempre con l'aiuto di Garry, a mettere in difficoltà l'avversario mentre mi sta dando scacco matto con la regina. Vorrei imparare, se stessi perdendo, a cercare di pareggiare.
Insomma per me conoscere Garry Kasparov sarebbe una fortuna e se ci riuscissi sarei contentissimo.

(Giovanni, classe quinta, 1998)


Tema

Una giornata a scacchi

La giornata del 21 maggio 2005 non la dimenticheremo facilmente: abbiamo disputato il nostro primo torneo di scacchi.
Ieri mattina ci siamo recati a scuola senza zaini, portandoci dietro solo la merenda. Nella classe seconda A erano già disposte sui banchi 25 scacchiere: eravamo emozionati, ancora qualche minuto e le gare avrebbero avuto inizio. Il maestro Ercole, dopo alcune raccomandazioni, dà il via per l’inizio delle partite. Nell’aula regna una certa emozione, ma siamo tutti concentrati, immersi nel gioco. Il primo turno e i successivi scorrono veloci: arrivano le prime vittorie ed anche le prime sconfitte, ma rimane una gran voglia di giocare. Dopo aver consumato la merenda e giocato in piazza Roma, si riparte per lo sprint finale.
Senza che ce ne accorgiamo il nostro primo torneo volge al termine.
E’ il momento della premiazione; tutti riceviamo dei super premi , un applauso dai compagni e dai maestri. Il papà di Giulia Pellegrino ha filmato tutto il nostro Torneo: ha ripreso diversi momenti importanti  delle gare.
Anche questa esperienza è giunta oramai al termine e già si pensa a come migliorarla per il prossimo anno.
Intanto domani si disputeranno i Giochi di Circolo, altri momenti piacevoli, ma ormai la fine della scuola è dietro l’angolo.

Altri post relativi a questo tema:


Racconto come si è svolto il torneo di scacchi della mia scuola e descrivo le emozioni provate.


Progetto accoglienza: giocare è bello se si rispettano le regole


Giocare con la matematica di Ercole Bonjean
Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento