DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

lunedì 8 novembre 2010

Analisi e interpretazione del testo: "La fine di un'amicizia".

La fine di un'amicizia

Il cane e il gatto una volta erano amici: dormivano insieme, mangiavano in compagnia, giocavano d'amore e d'accordo.

Accadde però che un giorno in gatto si specchiò sulle rive di un laghetto e, molto contento di se stesso, pensò di essere il più bello, il più elegante degli animali.
Da quel momento guardò il cane con aria di superiorità, si sentiva il re degli animali. Il cane che non era certo bello (si trattava di un povero bassotto) se la prese a male.
Fu così che i due animali non si poterono più vedere, il cane giocava con i cani, il gatto con il gomitolo della padrona.
Finì per sempre l'amicizia, divennero nemici.

(Ercole Bonjean)

Analisi del testo
  1. Il cane e il gatto sono sempre stati nemici?
    No, il cane e il gatto una volta erano amici.
  2. Che cosa accadde?
    Un giorno accadde che il gatto si specchiò in un laghetto e pensò di essere il più bello degli animali.
  3. Quale fu l'atteggiamento del gatto dopo che si sentì il più bello degli animali?
    Il gatto cominciò a darsi delle arie perché si sentiva superiore.
  4. Come reagì il povero bassotto?
    Il povero bassotto reagì prendendosela male.
  5. Come finisce la storia?
    La storia finisce che il cane giocava con i cani e il gatto con il gomitolo della padrona: l'amicizia finì per sempre.
Interpretazione del testo
  1. Trovi giusto il comportamento del gatto?
    No, il comportamento del gatto non mi sembra giusto, perché non c'era motivo di sentirsi superiore.
  2. Come avresti reagito al posto del cane?
    Al posto del cane avrei reagito continuando ad essere amico del gatto ed avrei cercato di fargli capire che non c'era motivo di sentirsi superiore.
  3. Cosa bisogna fare perché un'amicizia non finisca?
    Perché un'amicizia non finisca è necessario avere molta comprensione, essere fedeli, non litigare, ma soprattutto avere molto rispetto e volersi bene.
Link correlato a questo argomento:

Lettura e comprensione del testo


Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento