DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

mercoledì 10 novembre 2010

La descrizione di una persona cara: la nonna. Il testo e la traccia del lavoro.


Consolidare le conoscenze relative al tema di tipo descrittivo.

Tema 

Descrivo una persona cara

Introduce l'argomento presentando sua nonna

Tra le persone che mi sono molto care, oggi ho scelto di parlarvi della nonna Gemma: racconterò tutto, proprio tutto ...

Descrive, anche se in modo sintetico, l'aspetto fisico della nonna

Ve la presento: fisicamente è piuttosto piccola e minuta, ha i capelli castani, il suo sguardo è spesso pensieroso e triste; non ama gli abiti stravaganti.

Descrive il carattere e il modo di comportarsi della nonna

Sa cucinare, ci prepara dolci e altre ghiottonerie che a noi piacciono tanto. Trascorro a casa sua molti pomeriggi e, se devo essere sincera, quando sono da lei mi annoio un po' perché la nonna non sopporta il chiasso, non sa giocare, guardare la televisione con me e mia sorella, ridere delle nostre battute, raccontare favole ... è sempre indaffarata. Tuttavia mi accorgo che ci vuole molto bene perché si occupa di noi, si preoccupa dei nostri problemi e della nostra salute.

Racconta alcuni brevi episodi che descrivono ancora meglio il carattere e il comportamento della nonna

Quando Cecilia piange, la prende in braccio, la coccola e la consola con dolcezza; anche con me è gentile: vuole capire le mie necessità, aiutarmi, ascoltare le mie ragioni quando sono triste e arrabbiata, consolarmi e consigliarmi.
Invece non riesce a sopportare i nostri bisticci o i nostri capricci, in quella situazione diventa severissima: ci sgrida e se la prende.

(Teresa, classe quarta)

Link correlati a questo argomento:





Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento