"I mesi dell'anno", filastrocca a rima baciata di Ercole Bonjean





I mesi dell'anno

E' gennaio il primo mese,
gaio e colmo di sorprese.

E' febbraio corto e amaro,
ma di gioie non è avaro.

Trionfa marzo di colori,
dolci musiche ed odori;

Vien la pioggia ad aprile,
com'è piacevole dormire.

All'arrivo del primo maggio,
ci scalda il sole col suo raggio.

Quando giunge il caro giugno,
ha il contadino la falce in pugno.

Luglio riscalda il mare e il laghetto,
corriam nell'acqua per un bagnetto.

Ad agosto, nella notte di fiammelle,
rischiaran il cielo la luna e le stelle.

E' settembre il mese del vino,
verso la scuola m'incammino.

In ottobre è una cuccagna,
già si gusta la castagna.

Indosso a novembre la maglia di lana,
corre lo scoiattolino nella tana.

A dicembre vien Natale, il presepe ed i regali,
un aiuto a chi ne ha meno, dividiamo in parti uguali.

Ercole Bonjean

Visualizza e stampa

Ti potrebbero interessare:

Le poesie

Le filastrocche


La raccolta dei temi


Il testo narrativo


Il testo descrittivo


Il testo argomentativo


Il testo poetico


Il testo umoristico


Scrittura creativa


Commenti