Filastrocca del condizionale: "Vorrei". - Filastrocca del congiuntivo: "Se fossi".






Fino a che punto il metodo e la logica nel percorso educativo didattico di insegnamento apprendimento da un lato, e la creatività e l'immaginazione dall’altro, si possono coniugare? E' una domanda che mi sono posto spesso in questi anni e, la risposta che scioglie ogni dubbio, te la offrono le bambine e i bambini in virtù della loro spontaneità di cui noi adulti scioccamente ci priviamo.

Vorrei

Vorrei dire a tutto il mondo

no grazie sono allergica alla violenza.

Vorrei essere la voce

per andare via il giorno degli esami.

Vorrei essere uno smeraldo

per brillare nella tua mano.

Vorrei volare là

per cantare assieme a te.

Vorrei volare nell'immenso cielo blu.

Vorrei essere una spina

per pungere tutti i cattivi.

Vorrei volare da te

e prenderti la mano.

Vorrei essere un orologio

per fermare il tempo.

Marta, classe quinta


Se fossi

Se fossi una primula sboccerei per ultima.

Se fossi la maestra dirigerei l'orchestra.

Se fossi il sole illuminerei l'amore.

Se fossi una penna firmerei tutti i trattati di pace e di eliminazione delle armi.

Se fossi una poesia parlerei sempre in rima.

Se fossi una mano farei marameo a tutti.

Se fossi la Sardegna nuoterei sino in Sicilia.

Davide, classe quinta

Link correlati a questo post:




Commenti

Post popolari in questo blog

Argomenti stagionali: brevi unità didattiche relative all'autunno.

Che cos'è la geografia?

Che cos'è la storia?

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Come iniziare a scrivere un buon tema: l'introduzione (l'incipit).

L'autunno

La descrizione di un ambiente naturale (minimo 10 - massimo 15 righe) traccia del lavoro

I frutti dell'autunno

Link consigliati per la settimana

"Pinocchio" di Carlo Collodi, capitolo I: "Come andò che maestro Ciliegia, falegname, trovò un pezzo di legno, che piangeva e rideva come un bambino".