Racconto di Carnevale: "Gli specchi di Pulcinella"

Gli specchi di Pulcinella

Pulcinella, che un po' è stupido un po' è furbo, è al servizio di un padrone molto ricco e molto più stupido di lui.
Un giorno il padrone gli ordina di portare, da un salone all'altro della casa due specchi con le cornici dorate.
Pulcinella prende i due specchi ma, mentre li porta, gliene sfugge uno dalle mani, cade al suolo e si riduce a pezzi.
- Oh! - dice il padrone guardando la sua immagine nei pezzi dello specchio rotto.
- Guarda, Pulcinella! Uno specchio è diventato cento specchi! Come hai fatto a compiere questo miracolo?
- Come ho fatto? Così! - risponde Pulcinella. E lascia cadere l'altro specchio.

da Il bambino e le cose, ed. Giunti

Visualizza e stampa

Link correlati a questo post:

Racconto di Carnevale

Filastrocca mascherata

Il Carnevale

Immagine: penisola

Post più popolari

La primavera

Poesia di primavera: "Brilla nell'aria" di Giacomo Leopardi

Ritorna la primavera - Brano tratto da "Il Gigante Egoista" di Oscar Wilde - Lettura e comprensione del testo - Approfondimenti grammaticali

L'aggettivo qualificativo: spiegazioni ed esercizi - Schede stampabili

Geografia - Le regioni d'Italia - Il Lazio - Spiegazioni e prova di verifica per la classe quinta della scuola primaria

Dettato: "Aspetti della primavera in campagna". Spunti grammaticali.

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Primavera di Giovanni Pascoli

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Scienze: classe seconda scuola primaria. Le caratteristiche degli animali.