DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

giovedì 13 marzo 2014

Le fiabe classiche: "Hansel e Gretel" dei Fratelli Grimm


Hansel e Gretel

Hansel e Gretel erano due fratellini allegri e simpatici. Avevano un papà taglialegna, che adoravano, e una matrigna con un pessimo carattere, che non sopportavano.
Una sera Hansel sentì la matrigna che diceva a suo padre: "Non c'è abbastanza da mangiare per tutti. Domani porteremo i bambini nel bosco e li lasceremo lì. In qualche modo si arrangeranno". Allora il bambino uscì di nascosto e raccolse tanti sassolini bianchi. Il giorno dopo mentre andavano nel bosco, Hansel lasciò cadere i sassolini, per poter ritrovare la strada. Così quella sera i fratellini riuscirono a tornare a casa. Purtroppo però l'indomani i genitori li portarono di nuovo nel bosco. Questa volta Hansel non aveva potuto raccogliere i sassolini, e fecero cadere delle briciole di pane, ma gli uccellini se le mangiarono tutte.
Quando scese il buio, per farsi coraggio i fratellini si presero per mano e insieme cercarono la strada verso casa. Immaginatevi la loro sorpresa quando si trovarono davanti a una casetta coloratissima e soprattutto ... dolcissima!
Era una casetta con il tetto di cioccolato, i camini di pasta frolla, le porte di marzapane e le finestre di zucchero caramellato. Hansel e Gretel non riuscivano a parlare per lo stupore … e anche perché avevano la bocca piena!
Ad un tratto la porta della casetta si aprì e ne uscì una vecchina gentile che disse: “Buongiorno bambini! Perché non entrate a riposarvi?”.
I fratellini la seguirono ma, appena dentro, la vecchia, che era una strega cattiva, chiuse Hansel in una gabbia. “Ora tuo fratello è troppo magro!” disse a Gretel ma quando sarà più cicciottello, lo cucinerò al forno. E tu mi aiuterai.”
Gretel pianse e gridò, ma non servì a nulla, doveva obbedire alla vecchia. Un giorno la strega le ordinò: “Apri il forno e senti se è caldo!”.
“Non sono capace” rispose Gretel, che era una bambina sveglia. “Fammi vedere tu come si fa!”.
Spazientita la strega andò vicino al forno e lo aprì. Allora Gretel senza esitare ce la spinse dentro con tutte le sue forze.
“Brava sorellina! La strega ha avuto quel che si meritava!” esclamò Hansel quando Gretel lo liberò la gabbia. Poi i due fratellini fecero il giro della casa e trovarono un baule pieno d'oro e di perle. Se lo caricarono in spalla, si riempirono di cioccolata, e girarono nel bosco finché non ritrovarono casa loro.
Quando li vide, il padre li abbracciò piangendo di gioia e cacciò via la matrigna cattiva.

Fratelli Grimm 

Link correlati a questo post:

Antologia

Racconti e poesie d'Autore

Visualizza e stampa con Google Docs
Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento