DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

domenica 19 gennaio 2014

La descrizione della persona. Tema: "Il mio maestro". - Schema del testo descrittivo






Tema 

Il mio maestro

Il mio maestro è veramente simpatico; si chiama Ercole Bonjean.
Certe volte è severo, perché lo facciamo arrabbiare, ma cambia subito umore facendo spiccare sotto gli occhi di colore chiaro, tendente al grigio, un caloroso sorriso.


Il naso aquilino lo rende sempre buffo. E' di corporatura robusta e di altezza media; si veste a volte, con pantaloni jeans e con una maglia colorata, sopra una camicetta a quadri blu e bianchi.
Il maestro ci sgrida soltanto quando facciamo qualcosa di sbagliato; poi spiega il perché dello sbaglio, facendoci imparare a non commettere più quell'errore.
Ama scherzare e grazie a lui le lezioni diventano un vero divertimento.
Ci aiuta negli studi e ci rispiega, con pazienza, le parti di lezione non capite.
Abbiamo stima del maestro, soprattutto quando disputa alcune partite a scacchi senza vedere: si ricorda tutte le mosse che ha già fatto e visualizza nella sua mente gli spostamenti dei pezzi dell'avversario.
Mi ricordo un episodio, rimasto nei miei pensieri, in cui si è dimostrato gentile nei miei confronti.
lo scorso giovedì il maestro assegnò un tema sull'handicap: non riuscivo a scrivere niente: il foglio protocollo era bianco, ma lui mi disse che non dovevo preoccuparmi perché tutte le persone possono avere una giornata negativa.
Considero il mio maestro, una persona a cui posso parlare con sincerità perché mi fido di lui e trovo in lui tanta comprensione.

(Cristina, classe quinta)

Cara Cristina, non devi avere paura di nulla. Sei capace e volenterosa. Ti auguro ogni bene.
ottimo

Cristina ha proseguito gli studi con profitto e si è diplomata con 100/100. Ora esercita la professione di giornalista.

Schema del testo

Tema 

Il mio maestro

Il mio maestro è veramente simpatico; si chiama Ercole Bonjean.
Certe volte è severo, perché lo facciamo arrabbiare, ma cambia subito umore facendo spiccare (Introduzione del personaggio) sotto gli occhi di colore chiaro, tendente al grigio, un caloroso sorriso.

Il naso aquilino lo rende sempre buffo. E' di corporatura robusta e di altezza media; si veste a volte, con pantaloni jeans e con una maglia colorata, sopra una camicetta a quadri blu e bianchi. (aspetto fisico - abbigliamento)
Il maestro ci sgrida soltanto quando facciamo qualcosa di sbagliato; poi spiega il perché dello sbaglio, facendoci imparare a non commettere più quell'errore.

Ama scherzare e grazie a lui le lezioni diventano un vero divertimento.
Ci aiuta negli studi e ci rispiega, con pazienza, le parti di lezione non capite.
abbiamo stima del maestro, soprattutto quando disputa alcune partite a scacchi senza vedere: si ricorda tutte le mosse che ha già fatto e visualizza nella sua mente gli spostamenti dei pezzi dell'avversario. (comportamento - carattere)

Mi ricordo un episodio, rimasto nei miei pensieri, in cui si è dimostrato gentile nei miei confronti.
Lo scorso giovedì il maestro assegnò un tema sull'handicap: non riuscivo a scrivere niente: il foglio protocollo era bianco, ma lui mi disse che non dovevo preoccuparmi perché tutte le persone possono avere una giornata negativa. (Un episodio)

Considero il mio maestro, una persona a cui posso parlare con sincerità perché mi fido di lui e trovo in lui tanta comprensione. (Conclusione)

Link correlati a questo post:

Il testo descrittivo

La descrizione della persona

Il testo narrativo

Raccolta di temi

Visualizza e stampa con Google Docs
Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento