La scuola in piazza il 26 settembre: insegnanti, genitori, studenti, uniti per il bene dell'Italia



Tutti i sindacati 
Flc-Cgil, Cisl e Uil, Snals e Gilda, insieme, in piazza del Popolo a Roma, per ribadire l'importanza della scuola per la società tutta. I tempi della pandemia hanno posto ancora di più in evidenza quanto per anni ed anni non si sia fatto abbastanza per una scuola di qualità. E' necessaria un' inversione di rotta a cominciare dalle strutture edilizie, dall'organico degli insegnanti mal retribuiti (ultimi in Europa sotto questo profilo), dal personale ATA insufficiente. Tanti mali che non nascono da oggi ma sono disagio endemico dell'evoluzione sociale e civile del Paese da decenni.

In piazza il 26 settembre studenti, genitori e insegnanti, uniti nella lotta: “Il Paese non può permettersi di ripartire con un’offerta formativa al ribasso, a causa dei ritardi e dell’insufficienza delle risorse. Serve un’inversione di rotta nelle politiche pubbliche, da orientare con decisione a sostegno dello sviluppo attraverso scelte mirate di forte investimento nei settori strategici, a partire dall'istruzione e formazione, fattori indispensabili per il rafforzamento del tessuto democratico del Paese”.

Forza colleghi, genitori, alunni, siamo con voi!!

(e.b.)

Ti potrebbero interessare:

Scuola news


Commenti