Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2018

Tutti gli scritti del maestro Ercole

Tutti gli scritti del maestro Ercole: racconti, poesie, leggende, filastrocche, testi di vario tipo - I post per la scuola primaria e la scuola media inferiore

Chi sono Sono nato ad Ancona 70 anni fa ma imperiese d'adozione; è nella provincia di Imperia che ho maturato un'esperienza quarantennale nell'insegnamento (Ventimiglia alta, Sanremo San Bartolomeo, Arma di Taggia, e per ventidue anni a Imperia). Ora che sono in pensione mi dedico a questo blog, al piacere di scrivere, e ad insegnare il mio gioco preferito: gli scacchi. E' gratificante poter rilevare che i racconti, le poesie, le filastrocche, i testi di vario tipo, suscitino il vostro interesse ed apprezzamento, mi è di sprone a continuare in questa attività cercando di migliorarmi.  Racconti e descrizioni : La descrizione di un fenomeno naturale: "La bufera" (The storm) - La metafora nel testo descrittivo Perché si dice: "Vivi e lascia vivere" Perché si dice: "Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino" Perché si dice: "Chi dorme non piglia pesci"?   Perché si dice: "Aiutati che Dio t'aiuta"   P

Anno scolastico 2018/2019: primi giorni nella scuola primaria

Immagine
A breve comincerà un nuovo anno scolastico ed è arrivato il momento di predisporre dei percorsi educativo didattici di apprendimento da proporre ai bambini nei primi giorni di scuola. Il sito didattica scuola primaria offre numerosi spunti per le varie attività di studio. Ve ne indico alcuni: Progetto accoglienza: A come amicizia, B come benessere, C come cultura Progetto accoglienza: giocare è bello se si rispettano le regole Primi giorni di scuola in classe prima (italiano) Primi giorni di scuola in classe seconda (italiano) Primi giorni di scuola in classe terza (italiano) Primi giorni di scuola in classe quarta (italiano) Primi giorni di scuola in classe quinta (italiano) Primi giorni di scuola in classe prima (matematica) Primi giorni di scuola in classe seconda (matematica) Primi giorni di scuola in classe terza (matematica) Primi giorni di scuola in classe quarta (matematica) Primi giorni di scuola in classe quinta (matematica) Il sito d

"Compito in classe", poesia di Jacques Prevert

Immagine
Compito in classe Due e due quattro quattro e quattro otto otto e otto fanno sedici… Ripetete! dice il maestro. Due e due quattro quattro e quattro otto otto e otto fanno sedici. Ma ecco l’uccello-lira che passa nel cielo il bambino lo vede il bambino l’ascolta il bambino lo chiama: Salvami gioca con me uccello! Allora l’uccello discende e gioca con il bambino Due e due quattro… Ripetete! dice il maestro e gioca il bambino e l’uccello gioca con lui… Quattro e quattro otto otto e otto fan sedici e sedici e sedici che fanno? Niente fanno sedici e sedici e soprattutto non fanno trentadue in ogni modo se ne vanno. E il bambino ha nascosto l’uccello nel suo banco e tutti i bambini ascoltano la sua canzone e tutti i bambini ascoltano la musica e otto e otto a loro volta se ne vanno e quattro e quattro e due e due a loro volta abbandonano il campo e uno e uno non fanno né uno né due uno a uno egualmente

"Donna", poesia di Madre Teresa di Calcutta

Immagine
Donna Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe i capelli diventano bianchi, i giorni si trasformano in anni. Però ciò che è importante non cambia;  la tua forza e la tua convinzione non hanno età. Il tuo spirito é la colla di qualsiasi tela di ragno. Dietro ogni linea di arrivo c’è una linea di partenza. Dietro ogni successo c’è un’altra delusione. Fino a quando sei viva, sentiti viva.  Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.  Non vivere di foto ingiallite insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni. Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c’è in te. Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto. Quando a causa degli anni  non potrai correre, cammina veloce. Quando non potrai camminare veloce, cammina. Quando non potrai camminare, usa il bastone. Però non trattenerti mai! Madre Teresa di Calcutta Visualizza e stampa   Per ascoltare la poesia vai qui