"Acquazzone" di Corrado Govoni - Filastrocca a rima baciata


Acquazzone


Di nubi grigie a un tratto il cielo fu sporco,
e il tuono brontolò con voce d'orco.


Si cacciò avanti, lungo lo stradone,
carta foglie e uccelli il polverone.


Si udirono richiami disperati,
tonfi d'imposte e d’usci sbatacchiati.


Si vider donne lottare in un prato
con gli angeli impauriti del bucato.


Poi seminò la pioggia a piene mani
tetti e vie di danzanti tulipani;
tagliò il paesaggio, illividì ogni cosa
in un polverio d'acqua luminosa.


Corrado Govoni


Ti potrebbero interessare:


Commenti

Post popolari in questo blog

Argomenti stagionali: brevi unità didattiche relative all'autunno.

La leggenda dell'estate di San Martino - Percorsi educativo didattici di apprendimento

Testi utili per il riassunto

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Che cos'è la geografia?

Analizzare e comprendere un testo poetico: "San Martino" di Giosuè Carducci: poesia, prosa, biografia dell'autore - Analisi, comprensione, commento, illustrazione del testo.

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Ortografia: come si scrive?

I frutti dell'autunno

"Il Gigante Egoista" racconto di Oscar Wilde: lettura, comprensione del testo, approfondimenti grammaticali.