Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2016

Pellegrinaggio d'autunno di Hermann Hesse - Analisi e comprensione del testo (classe quinta - prima media)

Immagine
Pellegrinaggio d'autunno
E’ strano vagare nella nebbia!
Isolata è ogni pietra, ogni cespuglio;
non c’è albero che l’altro veda,
tutti sono soli.
Pieno di amici era il mio mondo
quando chiara era la vita mia;
adesso, che calata è la nebbia
non ne vedo più nemmeno uno.
Certamente non può esser saggio
chi non conosce le tenebre
che ineluttabili e lievi,
da tutto lo separano.
E’ strano vagare nella nebbia!
La vita è solitudine.
Non c’è uomo che l’altro conosca,
tutti sono soli.
Hermann Hesse
Immagine: Punti e appunti
Analisi e comprensione del testo Che cosa intende il poeta con l'espressione " E' strano vagare nella nebbia!"?Da cosa nasce il suo sconforto per la vita?Può la sofferenza aiutarci a migliorare?Che cos'è la vita per il poeta?Visualizza e stampa
Potrebbero interessarti:

Il testo poetico

Le favole di Esopo: analisi ed interpretazione del testo

Le fiabe classiche

Le regole della grammatica e dell'ortografia

Leonardo da Vinci: lettura e comprensione del testo di favole

Le avv…

Linea dei numeri

Immagine

Numero precedente e numero successivo

Immagine

Maggiore, minore, uguale

Immagine

Rappresenta con i numeri in colore: maggiore, minore, uguale.

Immagine

Leonardo da Vinci: lettura e comprensione del testo di favole per la scuola primaria.

Immagine
L'ostrica e il topo

Un'ostrica si ritrovò, insieme a tanti altri pesci, dentro la casa di un pescatore, poco distante dal mare. - Qui si muore tutti - pensò l'ostrica guardando i suoi compagni che boccheggiavano sparpagliati per terra. Passò un topo. - Topo, ascolta! - disse l'ostrica. - Mi porteresti fino al mare? Il topo la guardò: era un ostrica bella e grande e doveva avere una bella polpa sostanziosa. - Certo - rispose il topo, che aveva ormai deciso di mangiarsela, - però ti devi aprire perché non posso trasportarti così chiusa. L'ostrica si dischiuse con cautela e il topo, subito, ci ficcò dentro il muso per addentarla. Ma, nella fretta, il topo la mosse un po' troppo e l'ostrica si richiuse di scatto imprigionando la testa del roditore. Il topo strillò. La gatta lo udì. Accorse con un balzo e lo mangiò.

Leonardo da Vinci

Il pesco e il noce

Un pesco, che viveva accanto al noce, guardava con invidia il ramo del suo compagno carico di frutti. “Perché lui deve a…