Post

Visualizzazione dei post da marzo 15, 2015

Manifestazione dei sindacati: Cgil, Cisl, Uil, Snals, Gilda, contro la riforma della scuola.

Immagine
Il 25 marzo a Roma alle 10 presso l'Auditorium di Via Palermo 10 (Nazionale Spazio Eventi) i sindacati della scuola hanno invitato tutte le forze politiche e i parlamentari a un incontro sui tanti problemi che il piano del governo non affronta in modo adeguato e sulle misure che invece sarebbe urgente adottare. Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu chiedono infatti sostanziali cambiamenti al disegno di legge del governo e  indicano  tre questioni  come prioritarie: 1. Stabilizzazione del lavoro, da realizzare attraverso un piano straordinario pluriennale di assunzione di tutti i precari, compresi quelli con 36 mesi di servizio che non sono nelle GAE. Soluzioni vanno trovate anche per i precari idonei al concorso e con 36 mesi senza abilitazione. Le misure proposte devono riguardare sia i docenti  che il personale Ata. Le assunzioni vanno attuate con una legislazione di urgenza. Per il raggiungimento di questi obiettivi le organizzazioni sindacali hanno promosso a…

Didattica Scuola Primaria: La Pasqua: racconti, poesie, filastrocche, utili p...

Immagine

Didattica Scuola Primaria: Tracce per i testi di tipo narrativo, descrittivo,...

Didattica Scuola Primaria: Tracce per i testi di tipo narrativo, descrittivo,...: Il sito didattica scuola primaria è ricco di materiale per la produzione di testi scritti, molti dei quali con la relativa traccia di lavo...

Creare fumetti per le attività scolastiche

Immagine
Consiglio a chi fosse interessato a creare fumetti per le attività didattiche, per i blog, o per puro divertimento, il sito Make beliefs comix. Di facile intuizione, si presenta con un interfaccia molto semplice ed offre personaggi simpaticissimi.
Eccovene un esempio:




















Le vignette sono di Ercole Bonjean
Link correlati a questo post:
Corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi

La dislessia: come riconoscerla e cosa fare.

Immagine
Cos'è la dislessia? come si manifesta? quali sono i campanelli d'allarme? quando si diagnostica? chi la scopre? che esercizi fare per potenziare un bambino dislessico?
La dislessia è un disturbo di lettura, Enrica Edantippe, logopedista del centro www.ilramarroverde.it ci 




Link correlati a questo post:

Genitori e figli

Come affrontare il problema della dislessia.

Immagine
Come ci si sente quando si è afflitti da questo problema? Come intervenire? Cosa possono fare genitori ed insegnanti per intervenire in modo corretto? Da questo video potete trovare una risposta.

Richard D. Lavoie, direttore della Eagle Hill School Outreach, dimostra a insegnanti e genitori come si ci sente ad essere un bambino con disturbo dell'apprendimento.




Link correlati a questo post:

Genitori e figli

Il paese delle uova di cioccolato - Analisi del testo

Immagine
Il paese delle uova di cioccolato

In un lontano paese c'è una città circondata da alte mura. Nelle giornate di primavera, lunghe file di uomini con un sacco sulle spalle fanno la coda davanti all'unica grande porta della città. Sulla porta c'è un guardiano che domanda ad ognuno:
- Chi siete?
- Sono un pasticciere, un droghiere, un commerciante.
- Allora potete entrare!
Il negoziante entra e poco dopo esce col sacco pieno.
Una volta, un bambino incontrò l'uomo col sacco e gli domandò:
- Signore cosa c'è nel vostro sacco?
- Uova di Pasqua, o, per meglio dire, uova di cioccolata.
- Ma come, nascono là, dietro quelle mura, le uova di cioccolata?
- Oh, è semplicissimo! Dentro quelle mura c'è una grandissima fattoria con migliaia di galline di cioccolata: di cioccolata la testa, di cioccolata le zampe, di cioccolata il becco, le penne ... Che uova vuoi che facciano? Le galline di cioccolata non possono far altro che uova di cioccolata.
- Ma come si fa ad avere una gallina di ci…

"E' Pasqua!", poesia di Maria Grazia Bucceri

Immagine

Contratto, stabilizzazione dei precari, investimenti: i temi della protesta del mondo della scuola

Immagine
FLC CGIL - Cisl Scuola - Uil Scuola - Snals Confsal - Gilda FguRinnovare il contratto di lavoro e dare risposte concrete alle migliaia di persone che oggi lavorano con contratti precari per assicurare organici funzionali alla scuola dell’autonomia, investire in formazione: ecco le ragioni della mobilitazione promossa da FLC CGIL, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu per le prossime settimane. Le ipotesi che circolano sulle misure a cui il Governo sta lavorando prefigurano il taglio degli stipendi e dei diritti, mentre non danno ancora nessuna risposta alle attese di stabilizzazione del lavoro di decine di migliaia di precari. Non vi è coerenza fra gli impegni presi e i provvedimenti che si stanno preparando. Il contratto è scaduto da 6 anni. Nel frattempo il Governo congela gli scatti di anzianità e si propone di introdurre un confuso e farraginoso sistema di premialità che prevede aumenti stipendiali solo nel 2019. In questo modo si costringerebbe il personale a porsi in un…

Papa Francesco: gli insegnanti sono malpagati.

Immagine
«Insegnare è un lavoro bellissimo, peccato che gli insegnanti siano malpagati». Lo ha detto Papa Francesco alzando gli occhi dal testo scritto per guardare in faccia i duemila insegnanti dell’UCIIM ricevuti in udienza sabato 14 marzo nell’Aula Paolo VI. Non è l’esordio dell’oratore che vuole ingraziarsi l’uditorio e accattivarsene la simpatia; è lo stile papale papale di Francesco che non ci gira intorno per manifestare il suo pensiero e la vicinanza all’altro che gli sta di fronte e accanto.
Ci vorrebbero più soldi in tasca ogni mese agli insegnanti, dice tanto per iniziare; lo dice prima ancora di ogni enunciazione di principio, prima di ricordare ai docenti cattolici di essere “insegnanti capaci di dare un senso alla scuola, allo studio e alla cultura”...
Per saperne di più vai al sito della CISLSCUOLA

Precari: non sono sufficienti le assunzioni di 100.000 docenti.

Immagine
Sul fronte precari, Di Meglio ritiene che la riduzione a 100mila delle assunzioni non sia sufficiente per soddisfare le attese degli insegnanti e per dare piena attuazione alla sentenza emanata dalla Corte di Giustizia Europea lo scorso 26 novembre.
Il leader della Gilda esprime contrarietà per la "chiamata diretta" dei docenti da parte dei presidi: "E´ un sistema incompatibile con la Costituzione che prevede le assunzioni tramite concorso".
Riguardo il merito, secondo Di Meglio 200 milioni di euro sono una cifra irrisoria: "Se si considera che in Italia esistono 8500 scuole, a ogni istituto verrebbero assegnati poco più di 23mila euro lordi. Un sistema di valutazione serio e indipendente, come abbiamo più volte ribadito, si costruisce nel tempo e investendo ben altre risorse economiche".

Per saperne di più vai al sito GILDA

Immagine: palermomania

La buona scuola: conferenza stampa del Consiglio dei Ministri

Immagine

Restano gli scatti di anzianità per gl insegnanti

La scuola è cosa seria. L’impegno della Uil per far cambiare al Governo le proposte offensive sul merito, dalla quota del 66% alla raccolta punti, dal blocco degli scatti all’algoritmo sugli aumenti che avrebbe portato a 16 € di aumento per i più ‘meritevoli’. Mesi di coerente attenzione ai problemi e alle soluzioni concrete, che hanno portato al mantenimento degli scatti di anzianità per insegnanti e personale Ata , dalla presentazione del progetto sulla buona scuola al consiglio dei ministri, raccontati attraverso i titoli dei quotidiani e delle news on line.

Per saperne di più vai al sito UILSCUOLA 

L'Italia è all’ultimo posto in Europa per la spesa pubblica dedicata all’istruzione.

Immagine
Il punto di partenza è: l’Italia è all’ultimo posto in Europa per la spesa pubblica dedicata all’istruzione. Solo il 9,05% del totale. Peggio di noi nessuno. La media Ue è del 10,84. Spagna, Bulgaria, Polonia, Slovenia, Portogallo sono sopra. Noi, i meno «spendaccioni», siamo superati da Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Romania. Eppure, il nostro Pil permetterebbe di investire qualche soldo in più nella scuola. Invece, per la formazione dei nostri studenti ci limitiamo a destinarne appena il 4,70%. La media Ue è del 5,44 e, per avere un’idea, l’Irlanda per l’istruzione ne usa il 6,50, la Svezia il 7,26, la Danimarca l’8,72. Ecco perché i nostri prof sono tra i meno pagati d’Europa ... 
Per saperne di più vai sito del Corriere della Sera