Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2013

La grammatica a fumetti: la congiunzione.

Immagine
La grammaticaa fumetti
La congiunzioneè quella parte invariabile del discorso che congiunge cioè che unisce due termini di una proposizione. Sono congiunzioni: anche, oppure, ossia, ma, però, anzi, come, se, affinché, ecc.
Visualizza e stampa con Google Docs

La grammatica a fumetti: l'interiezione.

Immagine
La grammatica a fumetti Interiezione o esclamazione L'interiezione è una parte invariabile del discorso che serve ad esprimere sentimenti dell'animo.
Visualizza e stampa con Google Docs



Poesia: "Pasqua"

Immagine
Pasqua 
Se io potessi comandare ordinerei a tutti i paesi: "A Pasqua dovete lanciare mille colombe nei vostri cieli". Pensate come sarebbe bello!  Nel nostro cielo d'aprile ali, ali di bianche colombe attorno ad ogni campanile. Il campanile, io ci scommetto, di gioia sarebbe matto: non fermerebbe più le campane fino a che non avesse detto alle stelle più lontane, alle rondini sotto il tetto e al pesco di primavera, all'olivo tutto d'argento, alle candele di cera della casa del Signore: "Io sono contento, contento: c'è la pace sulla terra, non si parla più di guerra  e risorto è l'amore".
Visualizza e stampa con Google Docs
Ti potrebbero interessare:
Il paese delle uova di cioccolato
"E' Pasqua!" di Maria Grazia Bucceri
Racconto di Pasqua "La Risurrezione" di Giovanni Papini

"Pasqua" di Oscar Wilde (in italiano e in inglese)

"Gesù" di Giovanni Pascoli

"Pasqua" di Ada Negri

Racconto pasquale: "Aria di Pasqua" di Gi…

Cronaca delle vacanze pasquali

Immagine
Giovedì 8 aprile 1993
Stamane mi sono alzato tardi ed ho giocato con il Sega Master System, mi sono lavato e mi sono vestito. Oggi pomeriggio il papà mi ha portato al bar ed ho giocato con un video gioco. Stasera, dopo tanto tempo, ho visto la televisione più a lungo del solito.
Venerdì 9 aprile 1993
Stamattina mi ha svegliato la mamma perché non è andata a lavorare. Mi ha preparato il toast con il succo di frutta ed è uscita per alcune commissioni. Oggi pomeriggio sono andato a fare la spesa con la mamma ed ho comprato un ovone di Pasqua e poi l'ho messo sul televisore. Stasera ho guardato la videocassetta "Judo Karate" e sono andato a dormire.
Sabato 10 aprile 1993 Oggi non è successo niente di diverso dai giorni precedenti, ma stasera ho aperto due uova di cioccolato per vedere che sorprese contenevano. In uno ho trovato un peluche che ho regalato alla mamma, nell'altro una zattera di Tom e Jerry da costruire.
Visualizza e stampa con Google Docs
Ti potrebbero interessare:
Il …

Compiti per le vacanze di Pasqua (breve diario)

Immagine
Domenica 11 aprile Stamane mi sono alzato e sono andato in chiesa con il papà per assistere alla Santa Messa ed ho fatto il chierichetto. Oggi pomeriggio sono andato al cinema con la mamma ed abbiamo visto: "Gli Aristogatti". Il film ci è piaciuto molto, poi siamo andati a mangiare un gelato. Stasera la mamma mi ha messo in castigo perché non ho mangiato la carne.
Visualizza e stampa con Google Docs

Composizione di un breve testo narrativo (classe seconda).

Immagine
Oggi,quando la mamma ha finito di lavorare, siamo andati a mangiare in montagna: è stato veramente un pranzetto con i fiocchi, era veramente squisito. Mentre tornavamo a casa ci siamo fermati in un prato a giocare a pallone. Stasera siamo andati a fare gli auguri a zia Teresa, poi abbiamo mangiato delle uova di Pasqua.
Visualizza e stampa con Google Docs

I nomi alterati: "L'ombrello che cambia".

Immagine
I nomi alterati: "L'ombrello che cambia".
Se il tempo è più brutto che bello, c'è chi porta l'ombrello, Se però chi lo porta è un bambino, l'ombrello è un ombrellino. Se invece lo porta un bagnino cresce di misura e di nome, e si chiama ombrellone. Se invece lo porta il pagliaccio, allora si chiama ombrellaccio.
I nomi ombrellino, ombrellone,ombrellaccio, si chiamano nomi alterati.
Disegna una casona, una casetta, una casaccia.
Visualizza e stampa con Google Docs

Riassunto: "I giocattoli sono stanchi".

Immagine
Riassunto I giocattoli sono stanchi
I giocattoli di Tonino sono stanchi. Una macchinina mezza rotta si lamenta e dice " Ohi, ohi, mi fanno male le ruote!". Una palla rossa esclama: "Ho la testa rintronata!". Un triciclo si lamenta dicendo: "Ho sbattuto in ogni angolo di questa camera!". Tonino si guarda i cartoni animati e tira la coda al gatto, ma poi si decide a rimettere a posto i suoi giocattoli- A Tonino comincia a venire sonno e cerca il suo orsacchiotto ma non lo trova, poi si decide a mettere a posto i suoi giocattoli e ritrova il suo orsacchiotto. I giocattoli possono finalmente riposare in pace.
Visualizza e stampa con Google Docs

Riassunto: "Tonino e il fringuello".

Immagine
Riassunto: "Tonino e il fringuello".
Un bambino di nome Tonino aveva la tentazione di lasciare lo sportello della gabbia del fringuello aperta perché voleva vedere se il fringuellino, che gli pareva così felice, sarebbe tornato in gabbia da solo. Ma gli era mancato il coraggio ed esclamava: "E se non torna più?". Un mattino d'agosto successe che Tonino si era dimenticato lo sportellino della gabbia aperto e il fringuello scappò. Si mise sulla grondaia di una stalla e vedeva il mondo grandissimo: non il corridoio, non più le luci artificiali ma il cielo, un gran mare d'aria e il sole nel mezzo. E quanti uccelli raspanti in un cortille, quante foglioline verdi sullle braccia degli alberi e quante grida di uccelli bianchi e neri. Da là il fringuellino fece la più grande scoperta della sua vita.
Visualizza e stampa con Google Docs

Esercizi di grammatica relativi ai nomi alterati

Immagine
Sistema questi nomi secondo il gruppo a cui appartengono: omino, ometto, omone, barchetta, uccellaccio, finestrone, librone, paesone, paesino, paesello, alberello, casina, casaccia, nonnino, cagnolino, ombrellone, manina, scarpetta, nasone.
DIMINUTIVO: omino, paesino, casina, nonnino, cagnolino, manina.
ACCRESCITIVO: omone, finestrone, librone, paesone, casona, ombrellone, nasone.
DISPREGIATIVO: uccellaccio, casaccia
VEZZEGGIATIVO: ometto, barchetta, paesello, alberello, scarpetta.
Definisci con un nome alterato: una brutta giornata - giornataccia un naso piccolo - nasino una scarpa brutta - scarpaccia una scarpa graziosa - scarpetta un piccolo dente - dentino un muro grazioso muretto un piccolo tavolo - tavolino un ragazzo maleducato - ragazzaccio un piccolo giornale - giornalino occhi cattivi - occhiacci un bel libro - libretto un grande quaderno - quadernone
Visualizza e stampa con Google Docs


Schema per l'elaborazione di una fiaba: "Re mangiafumo" (classe seconda)

Immagine
Analizziamo una fiaba: "Re mangiafumo".

(Ambiente)
C'era una volta in un castello antico e grande ... 
(Protagonista)
...un re di nome Mangiafumo che fumava troppo.
(Situazione iniziale)
Un giorno, mentre il re passeggiava in giardino, la cameriera, di nascosto, sostituì i sigari buoni con altri, che facevano tossire fino alla morte chi li avesse fumati.
(Problema)
Mangiafumo rientrò dalla passeggiata, si sedette in poltrona, accese un sigaro, ma non aveva ancora finito di tirare la prima boccata, che incominciò a tossire.
(Soluzione del problema)
La cameriera, vedendo che il re stava male, gli disse:
"Maestà, io ti darò la medicina contro la tosse se tu mi prometti che smetterai di fumare.
(Finale)
Il re accettò la medicina; ma non fumò mai più perché capì che il fumo fa male e sposò la cameriera che lo aveva aiutato.







Visualizza e stampa con Google Docs

Invento una fiaba: "Quattro micetti" (classe seconda).

Immagine
Invento una fiaba Quattro micetti
C'erano una volta quattro micetti giocherelloni che abitavano in una villa: due erano di colore bianco e due neri. Un giorno i gatti partirono con la loro macchina magica a tutta velocità. Si trovarono in una foresta e caddero in un buco molto largo e profondo. I micetti erano terrorizzati ma trovarono un tesoro,arrivarono due uomini, portarono i micetti in superficie e presero due pugni di monete d'oro. I gattini tornarono a casa del padrone e vissero felici e contenti.


Visualizza e stampa con Google Docs

Poesia: "Piove Piove"

Immagine
Lunedì 26 aprile 1993
Piove piove
Piove in ogni dove. Cielo grigio. Tempo brutto. Piove piove dappertutto Fan la doccia i fiorellini nelle aiuole dei giardini e, nell'orto, il seminato beve l'acqua d'un sol fiato. Io, se piove, non mi cruccio: vado a spasso col cappuccio.
Dove piove?Che cosa fanno i fiorellini?Dove si trovano i fiorellini?Che cosa fanno i semini dell'orto quando piove?E l'autore della poesia?
Piove dappertutto in ogni dove.I fiorellini fanno la doccia.I fiorellini si trovano nelle aiuole dei giardini.I semini dell'orto quando piove bevono l'acqua d'un sol fiato.L'autore della poesia va a spasso col cappuccio.



Visualizza e stampa con Gogle Docs

Poesia: "Il temporale"

Immagine
Poesia Il temporale
E' una grandissima nuvola scura che mette paura. Il temporale è il cielo che scoppia e in un momento riempie il mondo di spavento. Il temporale è come una grande guerra  che il cielo fa con la terra.
Cerchiamo insieme le parole sinonimo di temporale: tempesta, tormenta, uragano, bufera, acquazzone. Illustro la poesia con un disegno.
Visualizza e stampa con Google Docs

La primavera

Immagine
Mercoledì 28 aprile 1993

La primavera
La primavera comincia il ventuno marzo e termina il venti giugno.Legiornate si allungano sempre di più e un tiepido sole riscalda la terra. Non c'è più bisogno di indossare i pesanti abiti invernali, di tenere ben chiuse porte e finestre, di riscaldare la nostra casa: non fa più freddo … Sui monti la neve ha cominciato a sciogliersi e i torrenti sono gonfi e luccicanti; prati, boschi e giardini ricominciano a verdeggiare e alcuni fiori fanno capolino tra le vecchie foglie. Nei giardini e nei frutteti i peschi e i ciliegi si coprono di fiori rosati e bianchi che il miracolo della natura trasformerà in saporiti frutti. Di tanto in tanto una fitta pioggerellina va a ristorare le nuove pianticelle assetate di vita. Ritornano le rondini: dopo lunghi, estenuanti voli ritornano ai loro vecchi nidi. E se il nido è rotto, rovinato o distrutto? Le rondini non si perdono d'animo: puoi vederla infatti volare instancabili in cerca di terra fine, di pagliuzze…