DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

domenica 27 settembre 2015

Le quattro stagioni: filastrocche a rima baciata ed a rima alternata



Il signor Autunno

Guarda il cielo ogni ora,
lo rapisce dell'azzurro,
di giallo lo colora.
Dal suo grasso cestino
scendon foglie rosse, gialle,
che or carezzano un bambino.
Sono tenui i suoi colori
nella grande tavolozza
dai leggeri, dolci, odori.
Riempie il bosco di funghetti,
di castagne marroncine,
e di teneri mughetti.
Stringe l'aria settembrina,
calda calda in una mano,
e la soffia a una bambina.

Ercole Bonjean

Il signor Inverno

Con un passo lento lento
getta pioggia, neve, vento;
com'è freddo quel suo viso,
com'è avaro di sorriso.
Prova solo un po' di gioia,
quando i bimbi fan baldoria,
dai suoi occhi va via il gelo
e di luce irradia il cielo.
Piano piano col bastone
ferma il vento e l'alluvione;
ed è giunta ormai la sera,
chiude gli occhi: è Primavera.

Ercole Bonjean

La signora Primavera

Bentornata primavera,
dal mattino sino a sera.
Non fa freddo finalmente:
ed il caldo è già imminente.
Sole al mattino,
pioggia al tramonto,
col ponentino,
felice canto.
Vola l'ape dentro il fiore,
succhia succhia con amore.
Una bella rondinella,
felice vola con la sorella.
Se ne scappa via il cappotto:
e ritorna il mite giubbotto.
Lunga lunga è la serata:
canta agli uomini
l'allegra serenata.

Ercole Bonjean

La Signora Estate

Mentre il sol fa capolino,
nel gran prato e nelle spiagge,
Lei rialza il capo chino.

Guida ortaggi ed insalate e,
con canti melodiosi,
dona loro serenate.

Un enorme solleone,
solo al suon della Sua voce,
alza fiero il capoccione.

Ora impera il lungo e in largo,
con la forza del suo raggio,
il Suo amico Sole Argo.

Ma pian piano vien la sera,
spira un lieto venticello,
ma sarà mera chimera.

Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento