"Vita in campagna" tratto da "La luna e i falò" di Cesare Pavese

Vita in campagna

L'inverno si rientrava in cucina con gli zoccoli pesanti di terra, le mani scorticate e la spalla rotta dall'aratro, poi, voltate quelle stoppie era finita.
E cadeva la neve.
Si passavano tante ore a mangiare le castagne, a vegliare, a girare le stalle, che sembrava fosse sempre domenica.
Mi ricordo l'ultimo lavoro dell'inverno e il primo dopo la merla.
Mi ricordo quei mucchi neri, bagnati, di foglie e di meligacce che accendevamo e fumavamo nei campi e sapevano già di notte e di veglia, o promettevano per l'indomani il bel tempo.

Cesare Pavese (tratto da "La luna e i falò")

Immagine: artifexlibris

Link correlati a questo post:

Antologia

Raccolta di temi

Post più popolari

La primavera

Poesia di primavera: "Brilla nell'aria" di Giacomo Leopardi

Ritorna la primavera - Brano tratto da "Il Gigante Egoista" di Oscar Wilde - Lettura e comprensione del testo - Approfondimenti grammaticali

L'aggettivo qualificativo: spiegazioni ed esercizi - Schede stampabili

La descrizione del papà

Primavera di Giovanni Pascoli

Dettato: "Aspetti della primavera in campagna". Spunti grammaticali.

Geografia - Le regioni d'Italia - Il Lazio - Spiegazioni e prova di verifica per la classe quinta della scuola primaria

Verifica di lingua italiana: corretto uso della lettera h (classe seconda).

E' arrivata la primavera!