DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

venerdì 10 aprile 2015

"Il cavallo e l'asino" di Esopo - Analisi e comprensione del testo, approfondimenti lessicali

Il cavallo e l'asino

Un uomo viaggiava con un cavallo e un asino che erano di sua proprietà. Strada facendo l'asino disse al cavallo:
- Prendi un po' del mio carico, se non vuoi che io tiri le cuoia.
Ma l'altro fece orecchie da mercante e l'asino, stramazzando a terra sfinito, morì.
A questo punto il padrone trasferì sul cavallo l'intero carico e in più la pelle dell'asino.
- Oh, me infelice! - esclamò l'animale tra le lacrime.
- Guarda che cosa mi è toccato, povero me! Perché non ho voluto sobbarcarmi di un piccolo peso, ecco che ora sono costretto a portare tutto, anche la pelle.
La favola dimostra che se nella vita i grandi fanno fronte comune con i piccoli, gli uni e gli altri potranno salvarsi.

Esopo

Analisi del testo
  1. Chi sono i protagonisti della favola?
  2. Cosa chiede l'asino al cavallo?
  3. Cosa fece il cavallo?
  4. Cosa accadde all'asino?
  5. Cosa fece il padrone?
  6. Perché il cavallo si pente per non aver aiutato l'asino?
  7. Cosa ci insegna questa favola?
Approfondimenti lessicali
  • Cosa significa l'espressione “fece orecchie da mercante"?.
  • Cosa significa l'espressione “far fronte comune"?.

Link correlati a questo post:




Immagine: favolefantasia
Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento