Il leopardo, l'elefante e le capre - Analisi e comprensione del testo

Il leopardo, l’elefante e le capre

Una volta un cucciolo di leopardo si perdette nella steppa, e un elefante, per caso, lo calpestò. Poco dopo il cucciolo fu trovato morto e la notizia fu portata al padre di lui.
- Il tuo piccolo è morto! - gridarono al vecchio leopardo - lo abbiamo trovato tra l’erba nella valle.
Il vecchio leopardo ruggì di dolore e di collera:
- Chi l’ ha ucciso? Ditemi chi l’ ha ucciso, perché mi possa vendicare.
- E’ stato l’elefante.
- L’elefante?
- Sì, l’elefante.
Il vecchio leopardo si fece pensieroso, ma dopo un momento disse:
- No, non è stato l’elefante. Sono state certamente le capre, sono state! Ma vedrete come mi vendicherò.
E il vecchio leopardo, infiammato dalla collera, corse sul colle dove pascolavano le capre e sbranò tutto il branco.

Fiaba d'Etiopia

Analisi del testo
  1. Quali sono i personaggi del brano?
  2. Che cosa fece l’elefante?
  3. Che cosa gridarono al vecchio leopardo?
  4. Che cosa rispose il leopardo agli animali?
  5. Che cosa fece il leopardo per vendicarsi?
Interpretazione del testo
  1. Perché il vecchio leopardo si fece pensieroso?
  2. Secondo te le capre avrebbero potuto calpestare il cucciolo di leopardo? Perché?
  3. Pensi che la decisione del leopardo sia stata dettata dall’astuzia, dalla paura o dal coraggio? Perché?
Link correlati a questo post:




Commenti

Post popolari in questo blog

Il testo narrativo fantastico: "Babbo Natale e le renne", scheda con lo schema del lavoro.

L'albero di Natale (leggenda) - Analisi del testo

Riflettere sul vero significato del Natale

"La stella cometa" - La poesia, il lavoro in classe.

Babbo Natale e le renne - Scheda di verifica per la lettura e la comprensione del testo: I bimestre classe terza,

Comprendo, illustro, memorizzo la poesia "Regalo di Natale"

"E' Natale" di Ercole Bonjean

I migliori racconti di Natale del sito "Didattica scuola primaria"

Racconto di Natale: "A letto con la febbre" di Ercole Bonjean

I nomi concreti e i nomi astratti