DIDATTICA SCUOLA PRIMARIA

Didattica Scuola Primaria di Ercole Bonjean

Didattica della lingua italiana - Didattica della Storia - Didattica della Geografia - Didattica della matematica - Il metodo globale fonematico - Esercizi di grammatica - Testi di vario tipo - Prove di verifica - Lettura e comprensione del testo - Ortografia - Schemi per la costruzione del testo - Schede di dettati svolti in classe - Schede di valutazione delle competenze - Aspetti normativi e deontologici della funzione docente - Il testo poetico: analisi ed interpretazione, schemi di lavoro, schede.

martedì 30 novembre 2010

Verifica di lingua italiana - Il testo narrativo fantastico: "Le due caramelle magiche"







Il testo fantastico

Le due caramelle magiche

Tanti anni fa, in una scuola del paese delle fate, c'era un bambino di nome Matteo che frequentava la classe terza. Questo bambino non otteneva mai ottimi risultati, era intelligente e buono ma non interveniva mai alle lezioni, era sempre chiuso perché non aveva fiducia in sé stesso ed era triste.
Un giorno che Matteo era assente per una visita medica, il maestro Magister portò i suoi alunni in palestra e, alla fine, si fermarono a discutere sul problema di Matteo perché erano tutti molto preoccupati. Magister, però, capì che Matteo aveva bisogno di molto affetto e di molta comprensione.
Trovata la soluzione, Magister non sapeva comunque come risolvere il problema; pensò a lungo e poi chiamò la fata Amor, l'unica che potesse aiutare Matteo con qualche magia.
Quando Amor arrivò, Magister le espose subito il problema del suo alunno; la fata rifletté parecchio tempo e pensò di creare una caramella contro la timidezza e un'altra per la fiducia. Quando Amor consegnò le due caramelle a Magister, lui le diede subito a Matteo che se le mangiò e pian piano divenne sempre meno timido, intervenne di più alle lezioni e alla fine dell'anno ebbe degli ottimi voti.

Link correlato a questo post:


Il testo narrativo


Scrittura creativa


Raccolta di temi


Visualizza e stampa con Google Docs

Se questo post ti è piaciuto, condividilo su FaceBook, Twitter o Google Plus
Se non hai trovato quello che cercavi, cerca nel sito

0 commenti:

Posta un commento