Primavera in montagna

Primavera in montagna

Ma ormai l'inverno stava per passare; i giorni si erano allungati e i fringuelli cominciavano a studiare i primi versi d'amore e i crocieri a mettere il nido. Il sole aveva la forza di sciogliere la neve sopra i tetti e la paglia gocciolava l'acqua che alla notte formava tanti brillanti candelotti di ghiaccio, a festone, lungo tutto lo sporto a mezzogiorno.
Nelle tre ultime sere di febbraio, come voleva la tradizione, i ragazzi uscirono a chiamare la primavera con i campani: anche loro, ormai erano stanchi di neve, delle serate lunghe,del chiuso e, come gli uccelli e i caprioli, aspettavano le giornate lunghe con il sole alto e l'erba verde. I vecchi, guardando la cenere accumulata sul focolare e la poca legna nel deposito, dicevano:
- Anche questo inverno è passato, - e dopo il tramonto uscivano all'aperto per guardare i falò sui culmini dei Moor e dello Spilleche: erano i fuochi che bruciavano l'inverno e indicavano il nord agli uccelli migratori.

M. Rigoni Stern 

Link correlati a questo post:

La primavera

Antologia

Il testo descrittivo

Immagine: apkandroidbuzz

Racconti poesie e filastrocche del maestro Ercole

Commenti

Post popolari in questo blog

Argomenti stagionali: brevi unità didattiche relative all'autunno.

I frutti dell'autunno

L'autunno

Che cos'è la geografia?

La descrizione di un ambiente naturale (minimo 10 - massimo 15 righe) traccia del lavoro

Schema utile alla descrizione di un ambiente naturale.

Testi utili per il riassunto

Poesie sull'autunno

I nomi concreti e i nomi astratti

Che cos'è la storia?