Post

Un racconto per amare di più la natura e meno il cellulare: "Il Bosco Incantato di Pixel" (creato da Copilot microsoft)

**Il Bosco Incantato di Pixel** C'era una volta un bosco incantato chiamato Pixel, dove gli alberi sussurravano storie antiche e i fiori danzavano al ritmo del vento. In questo bosco magico, viveva un piccolo folletto di nome Luce, che aveva il potere di far brillare le cose con un semplice tocco. Un giorno, Luce notò che i bambini del villaggio vicino passavano tutto il loro tempo a fissare dei piccoli rettangoli luminosi, chiamati cellulari, dimenticandosi di giocare all'aria aperta. Preoccupato, Luce decise di usare la sua magia per mostrare ai bambini la bellezza della natura. Con un pizzico di polvere di stelle, Luce fece sì che ogni cellulare mostrasse immagini del bosco incantato. Gli alberi sembravano così reali che i bambini sentirono il profumo del muschio e il canto degli uccellini. Incantati, misero da parte i cellulari e corsero verso il bosco. Arrivati nel bosco, i bambini scoprirono un mondo di meraviglie. Inseguirono farfalle arcobaleno, costruirono castelli di

"Pinocchio" di Carlo Collodi, capitolo XXXII: "A Pinocchio gli vengono gli orecchi di ciuco, e poi diventa un ciuchino vero e comincia a ragliare"

Immagine
XXXII A Pinocchio  gli vengono gli orecchi di ciuco,  e poi diventa un ciuchino vero e comincia a ragliare E questa sorpresa quale fu?  Ve lo dirò io, miei cari e piccoli lettori: la sorpresa fu che Pinocchio, svegliandosi, gli venne fatto naturalmente  di grattarsi il capo; e nel grattarsi il capo si accorse...  Indovinate un po’ di che cosa si accorse?  Si accorse con sua grandissima maraviglia che gli orecchi  gli erano cresciuti più d’un palmo. Voi sapete che il burattino, fin dalla nascita, aveva gli  orecchi piccini piccini: tanto piccini che, a occhio nudo,  non si vedevano neppure! Immaginatevi dunque come restò,  quando si poté scorgere che i suoi orecchi, durante la notte, erano così allungati, che parevano due spazzole di  padule. Andò subito in cerca di uno specchio, per potersi vedere:  ma non trovando uno specchio, empì d’acqua la catinella  del lavamano, e specchiandovisi dentro, vide quel che  non avrebbe mai voluto vedere: vide, cioè, la sua i

"Pinocchio" di Carlo Collodi, capitolo XXXIII: "Diventato un ciuchino vero, è portato a vendere, e lo compra ...

Immagine
XXXIII Diventato un ciuchino vero, è portato a vendere, e lo compra il direttore di una compagnia dei pagliacci per insegnargli a ballare e a saltare i cerchi; ma una sera azzoppisce e allora lo ricompra un altro, per far con la sua pelle un tamburo. Vedendo che la porta non si apriva, l’Omino la spalancò  con un violentissimo calcio: ed entrato che fu nella  stanza, disse col suo solito risolino a Pinocchio e a Lucignolo: – Bravi ragazzi! Avete ragliato bene, e io vi ho subito  riconosciuti alla voce. E per questo eccomi qui. A tali parole, i due ciuchini rimasero mogi mogi, colla  testa giù, con gli orecchi bassi e con la coda fra le gambe. Da principio l’Omino li lisciò, li accarezzò, li palpeggiò:  poi, tirata fuori la striglia, cominciò a strigliarli perbene. E quando a furia di strigliarli, li ebbe fatti lustri come  due specchi, allora messe loro la cavezza e li condusse sulla  piazza del mercato, con la speranza di venderli e di beccarsi  un dis

"Pinocchio" di Carlo Collodi, capitolo XXXIV: "Pinocchio, gettato in mare, è mangiato dai pesci e ritorna ad essere un burattino come prima; ma mentre nuota per salvarsi è ingoiato dal terribile Pesce-cane".

Immagine
XXXIV Pinocchio, gettato in mare, è mangiato dai pesci e ritorna ad essere un burattino come prima; ma mentre nuota per salvarsi è ingoiato dal terribile Pesce-cane Capitolo XXXIV Dopo cinquanta minuti che il ciuchino era sott’acqua, il  compratore disse, discorrendo da sé solo: – A quest’ora il mio povero ciuchino zoppo deve essere  bell’affogato. Ritiriamolo dunque su, e facciamo con la  sua pelle questo bel tamburo. E cominciò a tirare la fune, con la quale lo aveva legato per una gamba: e tira, tira, tira, alla fine vide apparire a fior  d’acqua... indovinate? Invece di un ciuchino morto, vide  apparire a fior d’acqua un burattino vivo che scodinzolava come un’anguilla. Vedendo quel burattino di legno, il pover’uomo credé  di sognare e rimase lì intontito, a bocca aperta e con gli  occhi fuori della testa. Riavutosi un poco dal suo primo stupore, disse piangendo  e balbettando: – E il ciuchino che ho gettato in mare dov’è? – Quel ciuchino son io! – rispo

I vostri preferiti degli ultimi sette giorni

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Esercizi di analisi grammaticale per la classe terza della scuola primaria - Schede stampabili

La gita scolastica: testi con schema per la scuola primaria e media

TITOLI DI TEMI

Verifica di analisi logica per la classe quinta della scuola primaria

Giornata mondiale della Terra (Earth Day): attività educativo didattiche di apprendimento.

Tema: "Il mio cane" - Schema del testo descrittivo, relativo ad un animale, per la scuola primaria e media

Verifiche finali di italiano per la classe quinta della scuola primaria

Esercizi di analisi logica per la classe quinta della scuola primaria