La leggenda della mimosa - Un racconto per l'8 marzo, festa della donna

La leggenda della mimosa Elena, una giovane donna, si innamorò del Sole, lo guardava attratta dalla bellezza dei suoi raggi e i suoi occhi lo guardavano rapiti dalla sua forza, dal suo calore. Ma il Sole non ricambiò tanto amore e la colpì con lance di fuoco. Lei continuava ad amarlo e lo cercava con lo sguardo. Pianse per giorni cercando di trasmettergli il bene che gli voleva. Ed ecco che le lacrime caddero sul terreno e si trasformarono in tanti piccoli e profumati fiori gialli. Nacque la mimosa, il fiore simbolo della donna. Ercole Bonjean    © Visualizza e stampa Potrebbero anche interessarti: Festa della donna Festa della mamma Festa del papà Racconti, poesie e filastrocche, del maestro Ercole Immagine: improntaunika

Tema: Descrivo mia mamma - Schema del testo

Tema

Descrivo mia mamma

Dalla finestra vedo mia mamma carica di pacchi: forse è andata al Lidl a fare una spesa gigantesca. La mia mamma si chiama Silvia e ha cinquant'anni. Ha tre fratelli e una sorella: lo zio Ercole, lo zio Luca, lo zio Antonio e la zia Rita. E' un po' bassina, un po' cicciottella e ha i capelli biondi. Possiede un viso tondo, due bellissimi occhi color marrone, un naso normale, un bocca piccolina e tenera, delle orecchie normali e una pelle abbastanza abbronzata.
Ha un buon gusto nel vestire ma io le do una mano e insieme creiamo degli abbinamenti bellissimi! A seconda delle stagioni si veste di vari colori: in inverno e autunno di nero, in primavera e in estate con tonalità diverse. E' una persona molto generosa, comprensiva, divertente, simpatica ... e non metto tutti gli aggettivi altrimenti non finisco più. Tuttavia certe volte è un po' nervosa, triste, critica e può capitare che perda la pazienza. Mi ricordo che una volta sono stata troppo tempo al telefono e mi ha sgridato tanto. La reazione mi è sembrata un po' spropositata. Tuttavia mi ricordo una volta in cui mi è stata accanto in un momento di panico: è accaduto che un po' di giorni fa è morto mio zio, io ero a pezzi e molto triste ma lei mi ha rassicurato con frasi del tipo:" Stai tranquilla lui rimarrà sempre nei nostri cuori!". Questa cosa mi è servita molto perché ho superato quel brutto momento più facilmente. E' affettuosa con tutti ma, come papà, non tutti ricambiano. Ogni volta che la mamma lo chiama lui dice che "ha gente" o "Devo andare in bagno", lei gli chiede :"Dammi un bacino!" e lui le dice: "Son stanco ...". Però spesso, mia mamma, dà delle punizioni troppo grosse e ingiuste. Poi ha tre giorni su sette mal di testa e ogni volta che le viene sta malissimo e sicuramente a vederla così anch'io: infatti cerco sempre di farla stare meglio facendola ridere e divertire. Io l'adoro e la prendo sempre come esempio. E' la mia mammina e anche se a volte litighiamo ci vogliamo bene e ci amiamo! Io la vorrei stringere forte anche quando non c'è! Ti voglio bene mamma! Sei la mia melodia!

Beatrice, undici anni, classe quinta

Schema del testo

Tema

Descrivo mia mamma

Presentazione del personaggio, introduzione

Dalla finestra vedo mia mamma carica di pacchi: forse è andata al Lidl a fare una spesa gigantesca. La mia mamma si chiama Silvia e ha cinquant'anni. Ha tre fratelli e una sorella: lo zio Ercole, lo zio Luca, lo zio Antonio e la zia Rita. 

Aspetto fisico

E' un po' bassina, un po' cicciottella e ha i capelli biondi. Possiede un viso tondo, due bellissimi occhi color marrone, un naso normale, un bocca piccolina e tenera, delle orecchie normali e una pelle abbastanza abbronzata.

Abbigliamento

Ha un buon gusto nel vestire ma io le do una mano e insieme creiamo degli abbinamenti bellissimi! A seconda delle stagioni si veste di vari colori: in inverno e autunno di nero, in primavera e in estate con tonalità diverse.

Carattere comportamento

 E' una persona molto generosa, comprensiva, divertente, simpatica ... e non metto tutti gli aggettivi altrimenti non finisco più. Tuttavia certe volte è un po' nervosa, triste, critica e può capitare che perda la pazienza. Mi ricordo che una volta sono stata troppo tempo al telefono e mi ha sgridato tanto. La reazione mi è sembrata un po' spropositata.

Episodi che descrivono il personaggio

Tuttavia mi ricordo una volta in cui mi è stata accanto in un momento di panico: è accaduto che un po' di giorni fa è morto mio zio, io ero a pezzi e molto triste ma lei mi ha rassicurato con frasi del tipo:" Stai tranquilla lui rimarrà sempre nei nostri cuori!". Questa cosa mi è servita molto perché ho superato quel brutto momento più facilmente. E' affettuosa con tutti ma, come papà, non tutti ricambiano. Ogni volta che la mamma lo chiama lui dice che "ha gente" o "Devo andare in bagno", lei gli chiede :"Dammi un bacino!" e lui le dice: "Son stanco ...". Però spesso, mia mamma, dà delle punizioni troppo grosse e ingiuste. Poi ha tre giorni su sette mal di testa e ogni volta che le viene sta malissimo e sicuramente a vederla così anch'io: infatti cerco sempre di farla stare meglio facendola ridere e divertire. 

Conclusione

Io l'adoro e la prendo sempre come esempio. E' la mia mammina e anche se a volte litighiamo ci vogliamo bene e ci amiamo! Io la vorrei stringere forte anche quando non c'è! Ti voglio bene mamma! Sei la mia melodia!






Ti potrebbero interessare:


Commenti

I vostri preferiti degli ultimi sette giorni

8 marzo, festa della donna - Brevi testi per la scuola primaria e media

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

Esercizi di analisi grammaticale per la classe terza della scuola primaria - Schede stampabili

La leggenda della mimosa - Un racconto per l'8 marzo, festa della donna

TITOLI DI TEMI

Tema: "Il mio cane" - Schema del testo descrittivo, relativo ad un animale, per la scuola primaria e media

I nomi difettivi, sovrabbondanti, invariabili: spiegazioni ed esercizi per la scuola primaria.

Testi utili per il riassunto

Tema: Descrivo me stesso - Schema del testo per la scuola primaria e media