Post

Visualizzazione dei post da gennaio 14, 2018

La descrizione di un animale: "La giraffa" - Analisi e comprensione del testo

Immagine
La giraffa
Lei così alta, elegante, slanciata, è forse l'animale più decorativo della savana africana, ed anche uno dei più bizzarri. Si direbbe che voglia toccare il cielo con quel suo dorso obliquo che si prolunga con due metri di collo, fino a raggiungere complessivamente un'altezza di cinque o sei metri. Si guarda in giro con i grandi occhi dalla vista acutissima, capace di distinguere i colori e protetti dalle foltissime ciglia contro i raggi del sole. Strani cornetti si ergono sul suo capo. Cosa ne fa la giraffa di quei cornetti? Se ne serve, eccome! Nei duelli tra maschi in amore, quando due rivali si affrontano a testa bassa, colpiscono l'avversario con quei martelletti ossuti al collo, al petto o magari al ventre. Nessuna giraffa è uguale all'altra, ciascuna possiede un mantello esclusivo, diverso da quello delle compagne. Impossibile trovare due giraffe che indossino lo stesso vestito. Ed è proprio quel gioco di chiaro e di scuro che le camuffa così bene quando …

"La scuola del futuro", filastrocca di Ercole Bonjean

Immagine
La scuola del futuro
Non ha il tetto, non ha pareti, per i bambini non ha segreti. Sarà dal Cielo illuminata, e dal Sole riscaldata. Libri e quaderni saran le foreste, dove vivere grandi feste. Sarà la Natura la nostra Maestra, con il profumo della ginestra. Andremo al Mare ad imparare quali sogni realizzare. Saliremo in cima ai Monti, sino a toccare sublimi Tramonti. Non è un sogno ve l'assicuro, questa è la scuola del futuro.
Ercole Bonjean
Visualizza e stampa
Ti potrebbero interessare: 
Racconti, poesie e filastrocche, del maestro Ercole
Poesie
Filastrocche
Lettura e comprensione del testo poetico 

Didattica scuola primaria: i post più popolari della settimana.

Immagine

Il riassunto: schema del testo.

Immagine
Il leone e il cagnolino
C'era una volta, a Londra, un luogo con delle grandi gabbie che si potevano visitare anche consegnando cani o gatti da dare in pasto alle belve. Arrivò un tale che portò un cane randagio. Fu fatto entrare e il cagnolino venne gettato nella gabbia del leone. La bestiola si andò a rannicchiare in un angolo e, quando il leone si avvicinò e lo annusò, si rovescio sulla schiena con le zampette per aria e dimenò la coda. Il leone lo tastò con la zampa, ma non gli fece niente. A sera, quando il leone si coricò per dormire, il cagnolino si stese accanto a lui. Leone e cagnolino vissero un anno insieme, nella medesima gabbia. Un giorno il cagnolino si ammalò e morì. Il leone non smetteva di fiutare la bestiola, la carezzava e la scuoteva con la zampa. Quando ebbe capito che il suo compagno era morto, diventò furioso e rifiutò il cibo. Il giorno dopo, il guardiano tentò di portare via il cane morto, ma il leone non lo lasciò avvicinare; resto per cinque giorni coricato con i…

Il leone e il cagnolino di Lev Tolstoj - Analisi ed interpretazione del testo

Immagine
Il leone e il cagnolino
C'era una volta, a Londra, un luogo con delle grandi gabbie che si potevano visitare anche consegnando cani o gatti da dare in pasto alle belve. Arrivò un tale che portò un cane randagio. Fu fatto entrare e il cagnolino venne gettato nella gabbia del leone. La bestiola si andò a rannicchiare in un angolo e, quando il leone si avvicinò e lo annusò, si rovescio sulla schiena con le zampette per aria e dimenò la coda. Il leone lo tastò con la zampa, ma non gli fece niente. A sera, quando il leone si coricò per dormire, il cagnolino si stese accanto a lui. Leone e cagnolino vissero un anno insieme, nella medesima gabbia. Un giorno il cagnolino si ammalò e morì. Il leone non smetteva di fiutare la bestiola, la carezzava e la scuoteva con la zampa. Quando ebbe capito che il suo compagno era morto, diventò furioso e rifiutò il cibo. Il giorno dopo, il guardiano tentò di portare via il cane morto, ma il leone non lo lasciò avvicinare; resto per cinque giorni coricato con i…

Scheda di grammatica: gli articoli - Spiegazioni, prove di verifica, ed esercizi di analisi grammaticale

Immagine
Il sito didattica scuola primaria propone una serie di link relativi agli articoli inerenti al lavoro svolto in classe dalle bambine e dai bambini nella scuola primaria. Non è detto che non possano risultare utili quale spunto per le varie attività didattiche. Puoi accedere a tutti i post relativi a questo argomento ai seguenti link:


Gli articoli: uso dell'apostrofo
Il genere e il numero degli articoli - Gli articoli determinativi ed indeterminativi

Gli articoli: spiegazioni ed esercizi - Gli articoli partitivi

Gli articoli: spiegazioni attraverso il disegno e i fumetti

Imparo ad usare gli articoli indeterminativi

La grammatica a fumetti: gli articoli

Individuo gli articoli ed eseguo l'analisi grammaticale
Gli articoli
Link correlati a questo post:

Schede di grammatica

Analisi grammaticale: spiegazione ed esercizi

Analisi logica: spiegazione ed esercizi

Ricordo alle colleghe ed ai colleghi che il motore di ricerca di Google, presente in Home page, permette di accedere a tutti i numerosi p…

Scheda di grammatica: gli aggettivi - Spiegazioni, prove di verifica, ed esercizi di analisi grammaticale

Immagine

Aggettivi e pronomi possessivi: proposte operative di apprendimento

Immagine
Comprendo ed uso in modo corretto l'aggettivo e il pronome possessivo:

Aggettivi e pronomi possessivi Gli aggettivi e i pronomi possessivi sono: mio, tuo, suo, nostro, vostro, loro, proprio ed altrui. Analizziamo le frasi e illustriamo con una vignetta:

- Questo non è il tuo pallone! - Sì, è il mio! Il tuo pallone > aggettivo Il mio (pallone) > pronome

Sostituisci le espressioni sottolineate con l'aggettivo possessivo adatto: Prestami il vocabolario che hai tu