"Febbraio", filastrocca di Ercole Bonjean



Febbraio

Febbraio, ora triste, ora gaio,

non è sol corto e amaro,

e di gioie non è avaro.

Carnevale fa sognare,

rider, correre, giocare:

canta, balla, salta, suona,

grandi e piccoli emoziona.

Ha un po' freddo il passerotto,

ma ha le piume per cappotto.

Canta già il primo usignolo,

verso il sole prende il volo.

Una nuvola apre un velo,

e or l'azzurro invade il cielo.

Commenti