Post

Visualizzazione dei post da settembre 27, 2015

La leggenda dell'estate di San Martino - Percorsi educativo didattici di apprendimento

Immagine
La leggenda dell'estate di San Martino
In una fredda giornata di novembre, un soldato, di nome Martino, incontra un povero vecchio che gli chiede l'elemosina e trema per il freddo. Il cielo è ricoperto di nuvole nere, piove e tira un vento gelido, quasi invernale, il mendicante rischia di morire. Il cavaliere prova una grande pietà e sceso da cavallo, con la spada, taglia in due il suo caldo mantello e lo dona al povero. Il mendicante lo ringrazia con un sorriso e poi continua il suo cammino. Martino prosegue la sua strada mentre la pioggia continua a scendere con forza e il vento continua la sua corsa impetuoso e gelido. Ma ecco che d'improvviso la pioggia cessa di scendere, il vento si placa, il cielo si colora d'azzurro, il sole ritorna: con i suoi caldi raggi riscalda la terra e il cuore degli uomini. Era l'11 di novembre, il giorno dell'estate di San Martino!

Ercole Bonjean

Analisi del testo: Chi sono i protagonisti del racconto? In quale mese dell'anno …

"Ottobre" di Vincenzo Cardarelli

Immagine
OttobreUn tempo, era d'estate,era a quel fuoco, a quegli ardori,che si destava la mia fantasia.Inclino adesso all'autunnodal colore che inebria,amo la stanca stagioneche ha già vendemmiato.Niente più mi somiglia,nulla più mi consola,di quest'aria che odoradi mosto e di vino,di questo vecchio sole ottobrinoche splende sulla vigne saccheggiate.Sole d'autunno inatteso,che splendi come in un di là,con tenera perdizionee vagabonda felicità,tu ci trovi fiaccati,vòlti al peggio e la morte nell'anima.Ecco perché ci piaci,vago sole superstiteche non sai dirci addio,tornando ogni mattinacome un nuovo miracolo,tanto più bello quanto più t'inoltrie sei lì per spirare.E di queste incredibili giornatevai componendo la tua stagionech'è tutta una dolcissima agonia.
Vincenzo Cardarelli
Visualizza e stampa

Ti potrebbero interessare:
Antologia
Il testo poetico
Autunno

Le poesie

Le filastrocche

La raccolta dei temi

Il testo narrativo

I pronomi: percorsi operativi di apprendimento. - Schede stampabili

Immagine
Il sito didattica scuola primaria propone numerosi link relativi ai pronomi inerenti al lavoro svolto in classe dai bambini nella scuola primaria. Non è detto che non possano risultare utili quale spunto per le varie attività didattiche. Puoi accedere a tutti i post relativi a questo argomento nella seguente sezione del sito:

I pronomi
Eccovi un esempio del lavoro svolto:











Conoscere il pronome relativo.
pronomi relativi oltre a sostituire il nome e a evitare la ripetizione hanno anche la funzione di mettere in relazione due frasi. Porta i miei saluti a Davide. Ho conosciuto Davide l'anno scorso.Porta i miei saluti a Davide che ho conosciuto l'anno scorso.Raggruppiamo i pronomi relativi:
che > invariabile:
il quale > maschile singolare i quali > maschile plurale la quale > femminile singolare le quali > femminile plurale
Al lavoro!
Collega le due frasi come nell'esempio: Alla TV ho visto uno strano spettacolo. Lo spettacolo non mi è piaciuto.Alla TV ho visto uno strano…

Le vacanze dell'anno scolastico 2015/2016

Immagine
Le vacanze di Natale si concluderanno in tutte le regioni italiane il 6 gennaio 2016. L'inizio sarà invece diversificato. Gli alunni siciliani potranno usufruire di vacanze più lunghe, con inizio il 22 dicembre. Il giorno dopo sarà la volta degli alunni calabri, campani, friulani, liguri, lombardi, molisani, piemontesi, pugliesi, sardi, umbri, della provincia di Trento e del Lazio. In tutte le altre regioni le vacanze di Natale inizieranno il 24 dicembre.
Le vacanze di Pasqua saranno più brevi, dal 24 al 28 marzo in Calabria e Liguria. Saranno invece più lunghe, dal 24 al 30 marzo 2016, in Abruzzo e Umbria. Nelle altre regioni le vacanze inizieranno il 24 e termineranno il 29 marzo. Poi, ci sono le vacanze locali fissate da ogni regione per realizzare "ponti" graditi ad alunni e insegnanti o per festività locali. Come il ponte dell'Immacolata, tra domenica 6 e martedì 8 dicembre o il 2 novembre, non più rosso nel calendario, ma deliberato da tutte le regioni tranne ch…

Il nome: percorsi operativi di apprendimento. - Schede stampabili

Immagine
Il sito didattica scuola primaria propone numerosi link relativi ai nomi inerenti al lavoro svolto in classe dai bambini nella scuola primaria. Non è detto che non possano risultare utili quale spunto per le varie attività didattiche. Puoi accedere a tutti i post relativi a questo argomento nella seguente sezione del sito:

Il nome


I nomi concreti ed i nomi astratti
I nomi concreti indicano oggetti, cose viventi, oggetti reali. I nomi astratti indicano esseri o cose che non percepiamo con i cinque sensi, ma che esprimono cose idee, sentimenti della nostra mente: libertà, coraggio, odio e tantissimi altri.
Ricava i nomi astratti dai seguenti verbi: amare - amore sapere - sapienza oziare - ozio riflettere - riflessione ignoranza - ignorare
Ricava i nomi astratti dai seguenti aggettivi: educato > educazione fedele < fedeltà giusto > giustizia saggio > saggezza
Sottolinea in rosso i nomi concreti e in verde i nomi astratti: vestito, eleganza, neve, tana, gioia, discordia, lacrime, sincerità.







Vi…

Le quattro stagioni: filastrocche a rima baciata ed a rima alternata

Immagine
Il signor Autunno
Guarda il cielo ogni ora, lo rapisce dell'azzurro, di giallo lo colora. Dal suo grasso cestino scendon foglie rosse, gialle, che or carezzano un bambino. Sono tenui i suoi colori nella grande tavolozza dai leggeri, dolci, odori. Riempie il bosco di funghetti, di castagne marroncine, e di teneri mughetti. Stringe l'aria settembrina, calda calda in una mano, e la soffia a una bambina.
Ercole Bonjean
Il signor Inverno
Con un passo lento lento getta pioggia, neve, vento; com'è freddo quel suo viso, com'è avaro di sorriso. Prova solo un po' di gioia, quando i bimbi fan baldoria, dai suoi occhi va via il gelo e di luce irradia il cielo. Piano piano col bastone ferma il vento e l'alluvione; ed è giunta ormai la sera, chiude gli occhi: è Primavera.
Ercole Bonjean
La signora Primavera
Bentornata primavera, dal mattino sino a sera. Non fa freddo finalmente: ed il caldo è già imminente. Sole al mattino, pioggia al tramonto, col ponentino, felice canto. Vola l'ape den