Post

Visualizzazione dei post da luglio 26, 2015

Piano assunzioni in ruolo del personale della scuola (legge 107 del 13 luglio 2015)

Parte il piano di assunzioni per il 2015/16così come previsto dalla Legge 107 del 13 luglio 2015.
L’obiettivo è coprire i posti vacanti e disponibili e creare il nuovo organico dell’autonomia. Ogni scuola avrà infatti un incremento delle risorse professionali a disposizione  per proporre così un’offerta formativa più ricca e flessibile ai propri studenti. Vai al link

Immissioni in ruolo 2015

IMMISSIONI IN RUOLO 2015 

Con la nota 21379 del 22 luglio il MIUR ricorda che, già con D.M. n. 470 del 7 luglio 2015, è stato assegnato un contingente di nomine in ruolo pari a 36.627 unità di personale docente, di cui 14.747 riservato alla copertura dei posti di sostegno agli alunni con disabilità, per la stipula di contratti a tempo indeterminato per l’a.s. 2015/16. Nell’attesa del perfezionamento del decreto, da emanarsi per procedere alle ulteriori nomine in ruolo del personale docente per la fase di cui all'art. 1, comma 98, lettera a) della legge n. 107 del 13 luglio 2015, il Ministero allega alla nota, inviata ai Direttori degli USR, le tabelle analitiche, che evidenziano, per ogni provincia, nella colonna "disponibilità", il riparto dei posti per la scuola dell'infanzia, per la scuola primaria, per la scuola secondaria di primo e secondo grado, per il sostegno, del numero massimo di assunzioni sui posti vacanti e disponibili, comprensivo anche del contingente…

CONGEDO PARENTALE

CONGEDO PARENTALE 

Con decreto legislativo n. 80 del 15 giugno 2015, attuativo dell’art. 1, commi 8 e 9 della legge delega, il Governo ha previsto una serie di modifiche al T.U. maternità/paternità (decreto legislativo n. 151 del 26 marzo 2001).

Elevazione da 8 a 12 anni del limite temporale di fruibilità del congedo parentale
L’art. 32 del T.U. maternità/paternità prevede, a seguito della riforma, che “per ogni bambino, nei primi suoi 12 anni di vita (e non più 8 anni di vita come previsto in precedenza), ciascun genitore ha diritto di astenersi dal lavoro secondo le modalità stabilite dal presente articolo”. Resta invariato il periodo massimo di fruizione del congedo parentale (limite massimo individuale pari a 6 mesi, elevabile a 7 nel caso in cui il padre lavoratore dipendente fruisca di almeno 3 mesi di congedo parentale; limite massimo complessivo tra i genitori pari a 10 mesi, elevabili a 11 nel caso in cui il padre fruisca di congedo parentale per un periodo non inferiore a 3 m…