Il Natale a scuola: racconti, poesie, filastrocche, temi, leggende, percorsi educativo didattici di apprendimento per l'analisi, la comprensione, l'interpretazione del testo

  Il Natale a scuola Le festività del Natale offrono molti spunti sia dal punto di vista didattico, sia educativo. Molto spesso si dice che la scuola italiana non sia al passo coi tempi. Bene, ritengo invece che in alcuni casi sia meglio che la scuola  non si uniformi , non diventi lo specchio deformato di una realtà  volta all'immagine  più che  alla   sostanza ,  alla forma  più che  al contenuto . In particolare le festività natalizie sono diventate principalmente un affare commerciale e diventano l'esatto contrario dell'autentico messaggio di pace e d'amore. E' il momento quindi di andare  contro corrente  e ritornare al significato etimologico della parola Natale che significa  nascita , nascita di Gesù, ed esprime valori universali condivisibili dai credenti e dai non credenti: la pace, l'uguaglianza nella diversità, l'amore per se stessi e per gli altri, la solidarietà, sono valori dell'uomo in quanto tale.  I bambini risponderanno in modo positiv

"I doni", le quattro stagioni in una filastrocca di Angiolo Silvio Novaro



I doni

Primavera vien danzando
vien danzando alla tua porta
Sai tu dirmi che ti porta?
Ghirlandette di farfalle,
campanelle di vilucchi,
quali azzurre, quali gialli;
e poi rose, a fasci e a mucchi.

E l'estate vien cantando,
vien cantando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Un cestel di bionde pesche
vellutate, appena tocche,
e ciliege lustre e fresche,
ben divise a mazzi e a ciocche.

Vien l'autunno sospirando,
sospirando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Qualche bacca porporina,
nidi vuoti, rame spoglie,
e tre gocciole di brina,
e un pugnel di morte foglie.

E l'inverno vien tremando,
vien tremando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Un fastel d'aridi ciocchi,
un fringuello irrigidito;
e poi neve neve a fiocchi
e ghiacciuoli grossi un dito.

La tua mamma vien ridendo.
vien ridendo alla tua porta,
sai tu dirmi che ti porta?
Il suo vivo e rosso cuore,
e lo colloca ai tuoi piedi,
con in mezzo ritto un fiore:
Ma tu dormi e non lo vedi!

Angiolo Silvio Novaro

Visualizza e stampa


Link correlati a questo post:









Commenti

  1. sono un anziana nonna ma con il cervello funzionante e mi ricordo che ai miei tempi s imparavano poesie meravigliose che ci legavano alla natura agli animali ...oggi sta sparendo questo sentimento verso la natura stravolta da tropps tecnica e dall abuso di computer anche tra i bambini.... alla mia eta dovetti imparare a programmare un computer non a livello tecnico... a usare lo smartfone e tutto cio m intristisce perche sono venuti a mancare i veri rapporti umani e i giochi costruttivi dei bambini che stimolavano la loro fantasia... rimpiango quel periodo e mi consolo leggendo quelle belle poesie che ho raccolto nei miei vecchi libri scolastici. Mi auguro che la societa odierna possa riscoprire le bellezze della natura oggi stravolta dalla siccita... e soprattutto ritrovare il vero rapporto umano basato su incontri personali e non tramite la tecnica. Una nonna molto preoccupata.... foneg dervello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile lettrice, condivido in pieno quanto lei dice e le sono grato per il commento. Uno dei grossi limiti della tecnologia, di cui sono figli i social quali face book e instagram, solo per citare i più famosi, rendono i rapporti più virtuali che reali. Oggi, nella virtualità dell'essere umano, si legge poco e la poesia in particolare è diventata la Cenerentola della letteratura. Le auguro ogni bene, Ercole

      Elimina

Posta un commento

I vostri preferiti degli ultimi sette giorni

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

I nomi difettivi, sovrabbondanti, invariabili: spiegazioni ed esercizi per la scuola primaria.

Il Natale a scuola: racconti, poesie, filastrocche, temi, leggende, percorsi educativo didattici di apprendimento per l'analisi, la comprensione, l'interpretazione del testo

Il testo narrativo fantastico: "Babbo Natale e le renne", scheda con lo schema del lavoro.

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili

TITOLI DI TEMI

Le origini della nascita della Terra: il Big Bang.

"La stella cometa" - La poesia, il lavoro in classe.

L'addizione e i suoi termini

Babbo Natale e le renne - Scheda di verifica per la lettura e la comprensione del testo: I bimestre classe terza.