Sciopero nazionale della scuola: esplode la rabbia dei docenti.

Lo sciopero nazionale del personale della scuola ha registrato una massiccia adesione, oltre l'80 per cento dei docenti non si è presentato alle lezioni del 5 maggio e circa 500.000 persone hanno manifestato pacificamente nelle piazze delle maggiori città italiane per esprimere il proprio dissenso alla riforma. Non è condivisa la scelta, presente nel disegno di legge, di dare maggiore potere ai Dirigenti Scolastici e la mancata assunzione di almeno 200.000 precari. Da più parti inoltre si richiede di destinare maggiori risorse alla scuola per avvicinarsi quantomeno agli standard degli altri Paesi europei: non dimentichiamo che l'Italia rappresenta il fanalino di coda per le retribuzioni ai docenti. In altri termini si rischia, per l'ennesima volta, di fare le nozze con i fichi secchi.

(e.b)

Link correlati a questo post:


Commenti