Post

Visualizzazione dei post da agosto 17, 2014

Tema: "Mancano oramai pochi giorni all'esame di licenza elementare: i timori, i dubbi, qualche certezza. Ecco come me lo immagino".

Immagine
Tema
Mancano oramai pochi giorni all'esame di licenza elementare: i timori, i dubbi, qualche certezza. Ecco come me lo immagino.
E' la mattina del 15 giugno. “Drin”; sento la sveglia che inizia a suonare per dirmi di svegliarmi per andare a scuola per la prova dell'esame. Obbedisco al suo ordine preparandomi in fretta e furia. Mia mamma mi accompagna a scuola: appena esco dalla macchina mi dice di non preoccuparmi per il tema. Camminando lentamente mi avvio verso la scuola: “Ciao Cri!”; è Luisa: insieme a lei mi dirigo verso la classe ed entro salutando il maestro Ercole. Ho sempre avuto paura dell'esame: non l'ho mai detto al maestro, ma ora è troppo tardi; aspetto ansiosa i titoli dei temi, che vengono scritti alla lavagna dopo qualche minuto. Tranquilla, inizio a svolgere il tema, preparando prima uno schema sui personaggi, sull'ambiente, sul problema, sulla soluzione del problema e sulla conclusione; proprio come quando lo svolgiamo ogni giovedì a scuola. La trama…

Raccontare una propria esperienza.

Immagine
Tema
Qualche giorno fa è stato presentato il nostro libro: “Il maestro sembra un clown”: ricordi, sentimenti, emozioni.
Finalmente era arrivato il grande giorno! Entrai nella sala del Centro Polivalente insieme alla mia famiglia. Ero un po' agitata perché dovevo leggere alcuni temi davanti a tutta la gente, ma sapevo di potercela fare. La sala era ancora mezza vuota, ma si sarebbe riempita: ne ero sicura! Io ero seduta in prima fila, proprio davanti alle autorità, tra cui il Sindaco. Mi immaginavo questi come una persona seria, che quindi avrebbe fatto un discorso da adulti, invece mentre parlava dimostrava di avere il senso dell'umorismo e anche del comico, proprio come un clown! Dopo il discorso del Sindaco e di Carla Nattero, stavano passando il microfono al maestro, ma lui disse che era il momento di leggere i temi. La mia emozione avanzava come un treno senza freni, perché ero la prima. Dopo la lettura mi fecero un applauso così forte che quando tornai a posto ero contentiss…

Il testo di fantasia: "Amici per amore e per magia".

Immagine
Amici per amore e per magia
Le ore passavano e la povera Dea Mistufletta, cugina di Lurmarino e moglie del Dio Mistuflone, era in gravi condizioni di salute. Così, il Dio Mistuflone, un essere azzurro col pelo riccio, sei zampe, una buffa barbetta bianca, due corna attorcigliate e la lingua verde a pois rosa, non poté far altro che chiamare i suoi due amici Peter e Pirulina a cui avrebbe affidato il compito di ritrovare l'antica e dispersa moneta chiamata: “Il naso della Regina”; che una volta nelle sue mani gli sarebbe servita per salvare la vita della sua adorata moglie. I due amici ricevettero il messaggio e cominciarono a cercare tra le cianfrusaglie, nei negozi, di qua, di là senza risultato e, non sapendo più dove cercare chiesero aiuto a Trilli, una fatina loro amica da tempo e di cui si fidavano ciecamente. Infatti Trilli, dopo aver dato loro la mappa dell'isola che non c'è, li ricoprì di una polvere magica chiamata: “Polvere astrolunare” e, insieme, spiccarono il vo…