Post

Visualizzazione dei post da maggio 25, 2014

Ferragosto di Gianni Rodari

Ferragosto
Filastrocca vola e va del bambino rimasto in città. Chi va la mare ha vita serena e fa i castelli con la rena, chi va ai monti fa le scalate e prende doccia alle cascate …
E chi quattrini non ne ha? Solo solo resta in città: si sdraia al sole sul marciapiede, se non c'è un vigile che lo vede, e i suoi battelli sottomarini fanno vela nei tombini.
Quando divento Presidente faccio un decreto a tutta la gente; “Ordinanza numero uno: in città non resta nessuno; ordinanza che viene poi, tutti al mare paghiamo noi, inoltre le Alpi e gli Appennini sono donati a tutti i bambini.
Chi non rispetta il decretato va in prigione difilato.
Gianni Rodari

Visualizzae stampa con Google Docs

Como nel Comò di Gianni Rodari

Como nel Comò 

Una volta un accento
per distrazione cascò
sulla città di Como
mutandola in comò.

Figuratevi i cittadini
comaschi, poveretti:
detto e fatto si trovarono
rinchiusi nei cassetti.

Per fortuna uno scolaro
rilesse il componimento
e liberò i prigionieri
cancellando l'accento.

Ora ai giardini pubblici
han dedicato un busto:
"A colui che sa mettere
gli accenti al posto giusto".

Gianni Rodari

Visualizza e stampa con Google Docs

Dettato ortografico per la classe quarta della scuola primaria

Dettato ortografico per la classe quarta della scuola primaria Non ho capito qual era lo scopo della sua visita. M'è venuta l'acquolina in bocca. M'ha detto che verrà a trovarci l'anno prossimo. Giorgio non trova lo zaino, probabilmente l'ha dimenticato a scuola. Ieri sera se n'era andato senza salutare. L'ho chiamato più volte ma non ho ricevuto alcuna risposta. Quell'uomo vive da tempo immemorabile in estrema povertà. Nell'acqua dello stagno saltano dei simpatici ranocchi. Giovanni e Sebastiano hanno trascorso una settimana in campagna dai nonni. Ahi! Mi ha punto un enorme zanzara! Link correlati a questo post:
Dettato ortografico
Esercizi di grammatica
Visualizza e stampa con Google Docs

As happy as can be

Immagine
As happy as can be
Once upon a time, and for another 200 years, there was a small house on the hill with a big backyard, a small field and a great vineyard, which attracted the best sunrays. Here was a family that, in the robotic era, had no laptops or digital TVs. Instead of these trickeries, they prefer a great number of hens that lie eggs that taste like egg; vineyards which produce wine that tastes like wine. The small farm is led by a little demon, Devilina, who rules everybody with a high-pitched voice, like a navy commander. A few days ago she had a genius idea, combining her love for chocolate and her awareness of Ovetta’s abilities in producing GIGA eggs. She summons dad, mum, and the sisters and sends them to the GOLD supermarket, where they sell BRASIL cocoa and ITALIAN NATURAL SUGAR. In the evening she secretly prepares the day’s meal, to which she adds cocoa and sugar, mixing and stirring well. When the rooster crows, she brings it to Ovetta who does not seem to like t…

Giochi per bambini in viaggio: "Al gusto di ...".

Immagine
Giochi per bambini in viaggio: "Al gusto di ...".
Divertirsi in auto, aereo, treno e nave.
E' il gioco adatto a trasformare i pranzi e le merende che scandiscono una lunga traversata in un divertente passatempo.
Link correlati a a questo post:
Estate

Giochi per bambini
Visualizza e stampa con Google Docs

Dettato ortografico per la classe terza della scuola primaria – Scheda stampabile

Dettato ortografico per la classe terza della scuola primaria
Non so se hai capito la lezione di storia. Chiedi ai tuoi amici quando hanno intenzione di organizzare la festa di fine anno. Ti sei spaventato ma era solo un innocuo ragnetto. Sono curioso di vedere il tuo piccolo acquario. Sfrecciano nel cielo le frecce tricolore. Quanti anni hai? Ne ho appena compiuti otto. La mamma ha acquistato un cellulare di ultimissima generazione. Non c'è molto tempo per seminare i fagiolini. Ho osservato alcuni bambini che gettavano delle cartacce e delle lattine per terra. Tra pochi giorni terminerà l'anno scolastico ed inizieranno delle magnifiche vacanze estive. Link correlati a questo post:
Dettato ortografico
Esercizi di grammatica
Visualizza e stampa con Google Docs

Classic fables: the ugly duckling

Immagine
Classic fables: the ugly duckling
One summer afternoon Mother Duck smiled as she looked at her new-born eggs, which were soon to crack open. “Crick crack”, went the first egg. “Crick crack” went the other eggs, one after the other. The shells broke and five yellow balls of fur came out. “How beautiful you are!” said their mum. But one last egg, bigger and darker than the others, was still closed. Mother Duck was worried, but finally it started opening too. “Pac!” went the shell as it broke open. Mother Duck was very surprised when she saw her new baby. “It looks nothing like the other ones!” she said. “He is so big, and he has grey feathers and a big beak!” “How ugly he is!” said all the other ducks in the farm. “How ugly he is!” said his five brothers. “That’s ok. He will be handsome when he grows up!” sighed his mum, and she brought all her babies at the lake for their first swim.
The days went by, but for the ugly duckling they were not happy days. His brothers would peck at him,…

Individual description - In a field at dawn

Immagine
Individual description - In a field at dawn

The darkness of the sky began to brighten up as if magically, and I began to distinguish the elements of the field. In front of me the grass was covered by dew drops which, with the light of the first few sunrays, began to look like tiny little diamonds for the few seconds before the sun made them drop to the ground. I could now recognize the pallid green of the grass, but as the sun came up everything looked orange. At that moment I felt a great sense of lightness, the sun began to be visible, the air got warmer, the night was over.

Translation by Chiara Amoretti
Similar posts:
Elementary school
Saves and prints

Giochi per bambini in viaggio: l'alfabeto manuale.

Immagine
Parole che si scrivono con le mani, ma senza matite, penne e quant'altro. Come è possibile tutto ciò. Per scoprirlo occorre divertirsi giocando ad "Alfabeto manuale".
Link:
Giochi per bambini
Visualizza e stampa con Google Docs

Giochi per bambini in viaggio: l'alfabeto.

Immagine
Giochi per bambini in viaggio
Divertirsi in auto, aereo, treno, e nave
Alfabeto
E' un gioco in cui si fondono insieme il divertimento e l'insegnamento
E' adatto ai bambini più piccoli per far fare loro pratica e aiutarli a familiarizzare con l'alfabeto. L'obiettivo del gioco è infatti quello di recitare a turno l'alfabeto nel minor tempo possibile e senza commettere errori. Una variante prevede di giocare recitando l'alfabeto all'incontrario, na tale variante è adatta ai più grandi, essendo veramente difficile, soprattutto all'inizio riuscire nell'intento.
Età: dai 6 anni in poi
Materiale occorrente: carta e matite
Dove si gioca: automobile, treno, aereo, nave

Link:

Giochi per bambini

Visualizza e stampa con Google Docs

Saper costruire un testo descrittivo relativo ad una persona: "Il mio maestro" - Schema di lavoro

Immagine
Saper costruire un testo descrittivo relativo ad una persona - Schema di lavoro
Tema
Il mio maestro
Presentazione del personaggio
Mi sembra un clown da quanto è simpatico. Sì sto parlando del mio maestro Ercole Bonjean.
Aspetto fisico, corporatura, viso
Il mio maestro ha una corporatura robusta; ha i capelli grigi e bianchi, due occhi grigio azzurri molto brillanti, pieni di gioia, il naso aquilino ma molto buffo, la bocca abbastanza stretta e non molto carnosa, ma spesso sorridente, il tutto contenuto in un viso paffuto.
Carattere e comportamento
Il mio maestro ha un carattere e un comportamento proprio da insegnante. Ercole nei nostri confronti è molto, ma molto generoso, vivace, allegro; qualche volta quando disubbidiamo è molto severo, ma anche tranquillo. Ercole si muove abbastanza bene nell'ambiente in cui si trova e in qualsiasi occasione. Il maestro mi ispira molta simpatia e allegria.
Un breve episodio
All'inizio dell'anno, in seconda, il maestro cominciò a spiegare i piane…

Scienze classe seconda scuola primaria: il suolo.

Immagine
IL SUOLO

Che caratteristiche ha?
IL SUOLO: non nasce; non cresce; non respira; non si riproduce; non muore; non si muove; non interagisce con gli altri. Allora il suolo è una cosa NON VIVENTE
Come può essere il suolo?
Il suolo può essere formato da: terra sassi sabbia roccia Cosa c'è nella terra?
Per capirlo facciamo un esperimento.
Materiale occorrente: barattolo di vetro; terriccio di giardino; acqua. Procedimento: mettere la terra nel barattolo; aggiungere l'acqua; agitare il barattolo per mescolare il tutto; lasciar riposare. Risultato dopo un giorno.
Si sono formati alcuni strati: la sabbia è precipitata sul fondo perché è più pesante; poi c'è uno strato di terriccio; poi si vede l'acqua; infine in alto galleggia l'humus, la parte più importante che contiene resti vegetali (foglie, radici, ecc.) e animali insetti, ecc.) Lavoro condotto dall'insegnante Nadia Zunino
Scienze

Scienze classe prima
Visualizza e stampa con Google Docs

Lettura e comprensione del testo - Esercizi per la classe quinta della scuola primaria e per la scuola inferiore di secondo grado.

Problemi … ecologici
Dapprincipio ci illudevamo di poterla tenere pulita, dato appunto che era piccola e si poteva spazzare tutti i giorni. Di roba certo ne veniva giù una quantità: si sarebbe detto che in questo suo girare la Terra non avesse altro scopo che raccogliere tutta la polvere e la spazzatura librate nello spazio. Ora è diverso, c'è l'atmosfera, voi guardate il cielo e dite: oh com'è terso, oh com'è puro; ma dovevate vedere quel che volava sulle nostre teste quando il pianeta seguendo la sua orbita incappava in una di quelle nuvole meteoriche e non riusciva a uscirne. Era una polvere bianca come naftalina, che si depositava in granelli minuti, e alle volte in schegge più grandi, cristalline, come se dal cielo fosse andato giù in frantumi un lampadario di vetro, e in mezzo si trovavano anche ciottoli più grossi, pezzi sparsi d'altri sistemi planetari, torsoli di pera, rubinetti, capitelli ionici, vecchi numeri dell'”Herald Tribune” o del “Paese sera”; …

Religione: la Pasqua nell'arte sacra. Didattica con la LIM - Classe quinta, scuola secondaria di primo grado.

Immagine
La Santa Pasqua nelle opere della Galleria d'Arte Sacra dei Contemporanei 
Villa Clerici, Milano

L'ultima cena
Chi tra di voi è il più grande diventi come il più piccolo e chi governa diventi come colui che serve. Infatti chi è più grande, chi sta a tavola o chi serve? Non è forse colui che sta a tavola? Eppure io sto in mezzo a voi come colui che serve. (Lc 22,26-27)
E' l'ultima cena. Nel pane appena spezzato e distribuito agli apostoli Gesù dona se stesso. L'amore di Dio si manifesta nella sua radicalità. Ma gli apostoli non sono ancora in grado di cogliere in pienezza quanto si sta compiendo: si agitano, gesticolano, discutono su chi intenda tradirlo e, ancor più, su chi tra loro debba prendere il posto del maestro. In realtà, di lì a poco, all'arresto di Gesù, gli apostoli si dilegueranno e arriveranno persino a rinnegarlo. Solo dopo la risurrezione comprenderanno che la signoria di Dio consiste nel servire e nell'amare fino al sacrificio, fino alla donazio…

Lettura e comprensione del testo; esercizi per la classe quinta della scuola primaria, II quadrimestre.

Immagine
La pazienza … di un cane!
Il bello venne quando mi tuffai in acqua. Lampo non intendeva seguirmi, si manteneva ad una certa distanza abbaiando disperatamente e non si decideva a tuffarsi. Cercai di persuaderlo con le moine più raffinate, ma fu tutto inutile. Era irremovibile. Come sempre dimostrava di essere un cane di carattere: se una cosa non gli piaceva o non voleva farla, nessuno sarebbe riuscito a fargli cambiare opinione. Alla fine decisi di usare le maniere forti, e presolo per la coda a mo' di clava, lo feci roteare due volte sopra la mia testa e lo lanciai tra le braccia di Nettuno in un punto dove l'acqua era assai profonda; con una bella panciata e un tonfo sonoro, il nostro amico scomparve sotto le onde. Riaffiorò dopo un attimo, dette alcune sbruffate, emise un piccolo impercettibile lamento e mi guardò duro. Mi fece ben capire tutto quello che mi avrebbe detto se avesse avuto il dono della parola.
Morando Morandini
Spiega il significato che le parole elencate assumo…

Alla luna di Giacomo Leopardi

Immagine
Alla luna

O graziosa luna, io mi rammento
Che, or volge l'anno, sovra questo colle
Io venia pien d'angoscia a rimirarti:
E tu pendevi allor su quella selva
Siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
Che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
Il tuo volto apparia, che travagliosa
Era mia vita: ed è, nè cangia stile,
O mia diletta luna. E pur mi giova
La ricordanza, e il noverar l'etate
Del mio dolore. Oh come grato occorre
Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
La speme e breve ha la memoria il corso,
Il rimembrar delle passate cose,
Ancor che triste, e che l'affanno duri! 

Giacomo Leopardi

Visualizza e stampa con Google Docs

Blue lights

Blue lights
The lights are on The sea sparkles With many shades of blue. It’s nice to peek At his gloss and his colours: The faint and the strong, The light and the dark; It is the same and it is different, It is joy and it is pain, It is immense love. The lights go down, Only a fragment Of Moon brightens The darkness of the sea; Its murmur rises and, If you learn to listen,
The joy of its quietness will pervade you.
Ercole Bonjean

Translation by Chiara Amoretti

Jesus or Barabbas

Immagine
Jesus or Barabbas
“Evil be freed!” Shouts the crowd, As Pilate washes himself, Barabbas smiles. The road is steep, The cross is heavy. He falls. He gets back up. It’s dark; The wind whispers, The Earth screams, There is nothing it can do: It’s silent, Everything is quiet. The sun rises. The light returns To brighten up faces, And peace To warm up hearts.
Ercole Bonjean

Translation by Chiara Amoretti

A Silvia di Giacomo Leopardi - Audiolibri poesie

A Silvia

Silvia, rimembri ancora
quel tempo della tua vita mortale,
quando beltà splendea
negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi,
e tu, lieta e pensosa, il limitare
di gioventù salivi?  Sonavan le quiete
stanze, e le vie d'intorno,
al tuo perpetuo canto,
allor che all'opre femminili intenta
sedevi, assai contenta
di quel vago avvenir che in mente avevi.
Era il maggio odoroso: e tu solevi
così menare il giorno.  Io gli studi leggiadri
talor lasciando e le sudate carte,
ove il tempo mio primo
e di me si spendea la miglior parte,
d’in su i veroni del paterno ostello
porgea gli orecchi al suon della tua voce,
ed alla man veloce
che percorrea la faticosa tela.
Mirava il ciel sereno,
le vie dorate e gli orti,
e quinci il mar da lungi, e quindi il monte.
Lingua mortal non dice
quel ch’io sentiva in seno.  Che pensieri soavi,
che speranze, che cori, o Silvia mia!
Quale allor ci apparia
la vita umana e il fato!
Quando sovviemmi di cotanta speme,
un affetto mi preme
acerbo e sconsolato,
e tornami a doler di mia sventura.
O …

Scuola news: notiziario n° 5

Scuola news: notiziario n° 5
Care colleghe e cari colleghi, vicini e lontani. Noto che siete sempre di più e ciò mi è di sprone per andare avanti con sempre maggiore vigore. Vi comunico che sul sito del collega ed amico Maestro Roberto, che ringrazio, è presente, nella side bar a destra, il collegamento per tutti i video del notiziario.
Scatti d'anzianità
"E´ scandaloso che, dopo mesi di attesa, l´atto di indirizzo per gli scatti di anzianità sia ancora fermo al gabinetto del ministero dell´Economia".
A denunciarlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, che punta l´indice contro i tempi biblici della burocrazia, definiti "indegni di un Paese civile".
"L´atto di indirizzo - afferma Di Meglio - ha ricevuto l´ok da tutti i settori del Mef ma la contrattazione all´Aran non può partire se il dicastero di via XX Settembre non invia la documentazione alla Funzione Pubblica. Nell´era della digitalizzazione, e con un Governo che ha fatto…