Post

Visualizzazione dei post da gennaio 19, 2014

Inserire in un testo narrativo la parte descrittiva. Tema: Una passeggiata nel bosco

Immagine
Inserire in un testo narrativo la parte descrittiva. 

Tema
Una passeggiata nel bosco
Ero nella località di Frabosa Sottana e avevo l'intento di inoltrarmi nel mio bosco. Preparai frettolosamente qualcosa da mettere, dopo, sotto i denti: mi recai all'appuntamento con i miei compagni di gioco e, finalmente, partii per l'eccitante ed entusiasmante gita. Mi trovai dapprima su una radura coperta di foglie secche che venivano sollevate lievemente dalla brezza fresca. Intorno a me si trovavano dei filari curvi di alberi coperti da germogli ancora freschi e teneri. Le sfumature delle chiome degli alberi facevano sembrare il bosco come un enorme quadro dipinto ad acquerelli. Scalando un piccolo sperone di roccia mi ritrovai dinanzi ad uno spettacolo


leggiadro: vi era un piccolo stagno su cui si ergeva un salice piangente con delle radici simili ad una mano aperta. Un ramo, segato per terra, mi fece inciampare e caddi su una pozzanghera di fango e mi sporcai tutto. Mi appoggiai ad un albero e,…

Il testo descrittivo. La descrizione della persona: Tema "Il mio maestro"

Immagine
Tema
Il mio maestro
Lui per me sembra come un secondo papà. Sì, sto parlando del mio maestro Ercole Bonjean. Il mio maestro Ercole è robusto, la sua statura è leggermente superiore alla media, ha i capelli lisci e corti, di colore grigio con qualche sfumatura bianca, gli occhi sono di colore grigio - azzurro, dolci, sinceri e severi, coperti dagli occhiali neri; ha il naso aquilino, le guance paffute come un neonato, possiede una bocca quasi sempre sorridente con le labbra sottili. Se noi non lo facciamo arrabbiare ci porta a fare l'intervallo in piazza Roma. Il maestro Ercole loda chi se lo merita e castiga chi lo fa arrabbiare facendogli scrivere una riflessione sul suo comportamento. Due settimane fa volevamo vedere il filmato del torneo di scacchi organizzato dal maestro Ercole. Il video DVD della scuola non accettava il nostro DVD, noi c'eravamo rimasti male. Il maestro ci provò in tutti i modi ma non riuscì a farcelo vedere. Insomma il maestro Ercole è una di quelle persone c…

Il testo narrativo fantastico. Tema: "Voglia di volare"

Immagine
Tema
Voglia di volare
C'era una volta una farfallina di nome Gina che volava tranquilla con i suoi genitori e le sue amiche. Giocavano in un bel posto cioè in un prato pieno di fiori e di erbetta tutta verde. Si posava sui fiori e, ogni volta che vedeva un rospo, scappava e dava l'allarme alle amiche di allontanarsi. Gina e le compagne si misero d'accordo e andarono in un bosco per stare lontane dai rospi anche se il posto era spaventoso con animali che per loro erano dinosauri. Vi erano bisce, animali velenosi, carnivori ed erbivori. Spaventate volarono a più non posso verso il prato e si posarono su un albero. Gina però non vide la resina e cadde. Quando fu a terra, si accorse di non avere più la polverina sulle ali e di non riuscire più a volare. La povera Gina era rimasta da sola perché le sue amiche l'avevano abbandonata. dopo tanti tentativi era sempre allo stesso punto e riusciva a fare solo dei piccoli saltini che duravano non più di un secondo. Un bambino di nome Tom l…

Il testo narrativo realistico. Tema: "Io e il mio tempo libero"

Immagine
Tema
Io e il mio tempo libero
Il tempo libero per me è importante, anche se non ne ho moltissimo. Quando non ho niente da fare, e fuori casa c'è così tanto sole che manca poco che spacchi le pietre, esco con mia mamma e mio fratello e andiamo in Piazza Roma; io con i pattini e mio fratello, come sempre, con la bicicletta. D'altronde non ha molti mezzi con cui divertirsi e il gioco più bello per lui è proprio la bicicletta. Pratico parecchio sport infatti gioco a pallavolo, questa attività mi piace molto perché posso scatenarmi e tirare fuori il meglio di me. Sono abbastanza brava nella pallavolo, però impegnandomi so che posso fare di più.  Mi piace abbastanza la scuola ma preferisco stare a casa a giocare con il computer. Quando finisco i compiti, e non so cosa fare, mi siedo sul divano della saletta e guardo la televisione. Certe volte trasmettono programmi stupidi oppure cartoni animati da bambini piccoli, in questo caso leggo un libro. A volte passo delle ore davanti al libro e …

La descrizione della persona. Tema: "Il mio maestro". - Schema del testo descrittivo

Immagine
Tema 

Il mio maestro

Il mio maestro è veramente simpatico; si chiama Ercole Bonjean.
Certe volte è severo, perché lo facciamo arrabbiare, ma cambia subito umore facendo spiccare sotto gli occhi di colore chiaro, tendente al grigio, un caloroso sorriso.


Il naso aquilino lo rende sempre buffo. E' di corporatura robusta e di altezza media; si veste a volte, con pantaloni jeans e con una maglia colorata, sopra una camicetta a quadri blu e bianchi.
Il maestro ci sgrida soltanto quando facciamo qualcosa di sbagliato; poi spiega il perché dello sbaglio, facendoci imparare a non commettere più quell'errore.
Ama scherzare e grazie a lui le lezioni diventano un vero divertimento.
Ci aiuta negli studi e ci rispiega, con pazienza, le parti di lezione non capite.
Abbiamo stima del maestro, soprattutto quando disputa alcune partite a scacchi senza vedere: si ricorda tutte le mosse che ha già fatto e visualizza nella sua mente gli spostamenti dei pezzi dell'avversario.
Mi ricordo un episodio, rim…

Il testo narrativo realistico.Tema: "I miei attori preferiti" (Stanlio ed Ollio)

Immagine
Tema

I miei attori preferiti

I miei attori preferiti sono i comici Stanlio ed Ollio. Interpretano scene molto divertenti, talvolta ridicole, altre volte commoventi, descrivendo fatti della vita di ogni giorno. Essi lavorano sempre in coppia e si presentano come persone del popolo a cui capitano le cose più imprevedibili. L'uno è grasso e l'altro è magro, entrambe sempliciotti; piacciono molto agli spettatori, tanto che il solo vederli provoca il riso di tutti quelli che li osservano. Li hanno già visti sullo schermo tante generazioni di bambini a partire dal tempo in cui il cinema era muto, ma piacciono sempre lo stesso.


In un film, quando viaggiano nella loro vecchia e sgangherata automobile, diventano lo spavento di tutti perché Stanlio, che guida, sbanda da una o dall'altra parte della strada, sorpassando paurosamente macchine e pedoni.
Altre volte, sono a servizio di qualche signore o in un grande albergo.
Spesso, tra di loro, non si capiscono bene e non combinano che guai;…

La descrizione di un fenomeno naturale. Tema: "Descrivo la neve che scende e i mutamenti che provoca nella natura". - Traccia del lavoro svolto.

Immagine
Tema 


Descrivo la neve che scende e i mutamenti che provoca nella natura

Un'immensa distesa bianca, come un prato di panna montata, attira l'attenzione degli sciatori.
Una raffica di vento mi ghiaccia le orecchie e interrompe bruscamente le mie fantasticherie.
Solo ora mi accorgo che le nuvole dominano il cielo plumbeo, comincio a perdere le speranze di una nevicata, quando all'improvviso il cielo viene illuminato da un chiarore e i primi fiocchi di neve scendono allegramente come attratti da qualcosa.
Un sorriso illumina il mio volto.
Quelle farfalline ghiacciate, nonché la neve, mi appaiono come piccoli ornamenti per cornici ricamate a mano.
Continua a fioccare fitto fitto ed i centimetri di neve aumentano a vista d'occhio,
mentre la neve continua imperterrita a scendere, io sono già a casa inzuppata nei miei pensieri felici.

(Silvia, classe quinta)

Traccia del lavoro

Un'immensa distesa bianca, come un prato di panna montata,attira l'attenzione degli sciatori.
Una raffic…