Post

Visualizzazione dei post da novembre 3, 2013

Individuare ed usare gli aggettivi e i pronomi possessivi.

Individuare ed usare gli aggettivi e i pronomi possessivi.
Gli aggettivi e i pronomi possessivi indicano una relazione di appartenenza, di possesso. Gli aggettivi possessivisi aggiungono ad un nome di persona, di animale o cosa per precisare la persona, l'animale o la cosa che appartiene a chi parla. Es. Ho dimenticato il mio quaderno. Mio = aggettivo possessivo maschile plurale Il pronome possessivo, invece, ha la funzione di sostituire il nome di appartenenza. Es. Ho mangiato la mia merenda, non la tua. Tua = pronome possessivo femminile singolare
Analizziamo la seguente frase: I nostri amici parteciperanno alla tua festa, i vostri no.
I= articolo determinativo maschile plurale nostri = aggettivo possessivo maschile plurale amici= nome comune di persona maschile plurale parteciperanno= voce del verbo partecipare 1° coniugazione modo indicativo tempo futuro semplice 3° persona plurale alla = preposizione articolata formata da a+la tua= aggettivo possessivo femminile singolare festa = nome comune…

Verifica di italiano per la classe quarta della scuola primaria: analisi grammaticale.

Verifica di lingua italiana
Esegui l'analisi grammaticale delle seguenti frasi: Nel fitto bosco gli scoiattoli costruiranno le loro tane.Il mio libro è interessante come il tuo.Andrò a Roma.In un programma televisivo ho osservato dei cavalli selvaggi.In primavera nascono violette selvatiche profumatissime. 1) Nel = preposizione articolata formata da in + il fitto = aggettivo qualificativo di grado positivo maschile singolare bosco = nome comune di cosa maschile singolare gli = articolo determinativo maschile plurale scoiattoli = nome comune di animale maschile plurale costruiranno = voce del verbo costruire 3^ coniugazione modo indicativo tempo futuro semplice 3^ persona plurale le = articolo determinativo femminile plurale loro = aggettivo possessivo femminile plurale tane = nome comune di cosa femminile plurale
2) Il = articolo determinativo maschile singolare mio = aggettivo possessivo maschile singolare libro = nome comune di cosa maschile singolare è = voce del verbo essere coniugazione pr…

Verifica di lingua italiana: il modo congiuntivo - Scuola primaria classe quinta

Verifica di lingua italiana Che cosa indica il modo congiuntivo?
Qual è la differenza tra il modo congiuntivo e il modo indicativo?
Correggi i verbi usati in modo errato nelle seguenti frasi e poi riscrivili in modo corretto: La cassiera credeva che io non pagavo. Penso che Andrea apprezza il nostro regalo. Credo che ti ha aspettato per due ore. Esegui l'analisi grammaticale della seguente frase: Ludovica non ha voluto che io la aiutassi a svolgere i compiti di matematica. Scrivi il congiuntivo passato del verbo leggere. Eseguo la verifica: Il congiuntivo è il modo della possibilità, del dubbio, dell'incertezza e della speranza.
La differenza tra il congiuntivo e l'indicativo è la seguente:il modo congiuntivo è il modo della possibilità, del dubbio, dell'incertezza e della speranza. Il modo congiuntivo ha inoltre quattro tempi: il tempo presente, il tempo imperfetto, il tempo passato e il tempo trapassato. Il modo indicativo invece indica azioni certe, reali che …

Verifica di analisi logica per la classe quinta della scuola primaria

Preverifica di analisi logica
Esegui l'analisi logica delle seguenti frasi: Durante il viaggio ho letto tanti fumetti di fantascienza.
Ho eseguito il compito di lingua italiana in un'ora esatta.
Il sabato sera Chiara, nel suo piccolo studio, ripassa un'importante lezione di matematica.

Durante il viaggio = complemento di tempo ho letto = predicato verbale tanti fumetti = complemento oggetto di fantascienza = complemento di specificazione IO = soggetto sottinteso
Ho eseguito = predicato verbale il compito = complemento oggetto di lingua italiana = complemento di specificazione in un'ora esatta = complemento di tempo IO = soggetto sottinteso
Il sabato sera = complemento di tempo Chiara = soggetto nel suo piccolo studio = complemento di luogo ripassa = predicato verbale un'importante lezione = complemento oggetto di matematica = complemento di specificazione

Verifica di analisi logica
Eseguo l'analisi logica delle seguenti frasi:

Verifica di lingua italiana: esercizi di analisi logica.

Immagine
Verifica di lingua italiana

Esegui l'analisi logica delle seguenti frasi:
Sul tetto una rondine ripara il suo nido.La marmellata di ciliegie è gustosa.Nel castello un menestrello suonava dolci melodie.Nella Savana una tigre difende i suoi cuccioli dagli sciacalli.1.
Sul tetto = complemento indiretto
una rondine = soggetto
ripara = predicato verbale
il suo nido = complemento diretto (o oggetto)
La marmellata = soggetto
di ciliegie = complemento indiretto
è gustosa = predicato nominale

2.
Nel castello = complemento indiretto
un menestrello = soggetto
suonava = predicato verbale
dolci melodie = complemento diretto

3.
Nella Savana = complemento indiretto
una tigre = soggetto
difende = predicato verbale
i suoi cuccioli = complemento diretto (o oggetto)
dagli sciacalli = complemento indiretto
PREVERIFICA DI ANALISI LOGICA
Esegui l'analisi logica delle seguenti frasi:


Per Carnevale ho chiesto una confezione di stelle filanti ad Andrea.Antonio ha montato i mobili della cucina con un cacciavite elettronico.I…

La descrizione oggettiva e soggettiva: "La mia aula". La traccia del lavoro, i testi.

Immagine
La descrizione
La descrizione ci consente di conoscere, attraverso l'uso appropriato della parola, com'è fatta una persona, un animale, una cosa, un ambiente, descrivendone le caratteristiche e gli aspetti più significativi. La descrizione può essere: oggettiva o soggettiva.
La descrizione oggettiva
La descrizione viene elaborata attraverso una serie di dati condivisibili da tutti, si tratta quindi di una descrizione impersonale
La descrizione soggettiva 
E' una descrizione personale dove l'autore esprime sensazioni, impressioni, opinioni, dandone una personale interpretazione.
La mia aula (descrizione oggettiva)
La mia aula è molto vasta, ci sono ventisette banchi e una cattedra. E' provvista di tre armadi zeppi di cartelloni, matite e fogli. Dalla parte che guarda la piazza si affacciano due enormi finestre poste sopra a due termosifoni, uno funzionante e l'altro no. L'aula è spesso illuminata da quattro lampadari al neon. Sulle due lavagne, una murale e una po…