Raccontare un'esperienza scolastica: "La visita alla biblioteca della mia città".










Tema

Un viaggio su un pianeta inesplorato: scopro la biblioteca di Imperia

Ci trovavamo davanti al portone della biblioteca di Imperia e io cercavo di immaginare come potesse essere all'interno un palazzo così importante per la nostra città. Appena entrati nella sala d'ingresso mi ricordai improvvisamente della mia prima visita a quella biblioteca per fare una ricerca di storia: era stato bellissimo, e più ci pensavo e più ero impaziente d'entrare. I maestri ci hanno finalmente portati in una sala di consultazione dove si trovavano due lunghi tavoli sopra i quali c'erano moltissimi libri di vario genere per ragazzi. In quella stanza c'era una signora di nome Silvia Bonjean, la direttrice, che ci ha fatto accomodare. Quest'ultima è la sorella del maestro Ercole e ci ha spiegato come funziona una biblioteca civica: " In una biblioteca vi sono libri (monografia) e giornali (periodici). vi sono inoltre delle sezioni di pregio: il fondo locale, che è un insieme di libri di storia e cultura locale, e il fondo antico, dove si trovano libri e periodici che sono stati scritti prima del 1830. Questa biblioteca è stata fondata da Leonardo Lagorio quando le due città si sono unite e hanno formato Imperia, inoltre vi si trovano circa 23.000 volumi e i più antichi risalgono al 1.400". Subito dopo è entrata nella sala la signora Isa Gastaldi, il braccio destro e sinistro della direttrice, che ci ha mostrato una serie di giornali "riparati", uniti e rilegati in una copertina e un antico libro intitolato "Porto Maurizio, antichi documenti". osservando i giornali ho notato che risalivano al 1889. a quel punto il maestro ha proposto di fare delle domande a Silvia e Isa. Quindi ognuno di noi ha posto domande di ogni tipo: io ho chiesto come vengono controllati i libri prima che i visitatori possano consultarli e la signora Gastaldi ha detto che prima di tutto bisogna controllare lo stato del libro, poi bisogna timbrare il frontespizio e l'ultima pagina e infine preparare una scheda per conoscerlo meglio. Dopo la signora Silvia ha spiegato che se una persona prende in prestito un libro e non lo restituisce entro il tempo stabilito viene sospeso dal prestito dei libri e può solamente consultarli in biblioteca. 
Nella biblioteca di Imperia vi sono libri di ogni genere: matematica, scienze, storia, ma i libri che io consulterei per primi sono quelli di racconti fantastici e quelli che parlano di animali. Infine, per concludere la nostra visita in biblioteca, le signore Isa e Silvia ci hanno guidati in una specie di deposito per libri dove sugli scaffali si trovavano molti libri antichi che parlavano della Liguria e della città di Imperia. Purtroppo, però, è arrivato il momento di tornare a casa. Io credo che tornerò molte volte per visitare la biblioteca per leggere, studiare e imparare molte cose.

Arianna, classe quinta

Link correlato a questo post:



Commenti

Post popolari in questo blog

Il testo narrativo fantastico: "Babbo Natale e le renne", scheda con lo schema del lavoro.

L'albero di Natale (leggenda) - Analisi del testo

"La stella cometa" - La poesia, il lavoro in classe.

Babbo Natale e le renne - Scheda di verifica per la lettura e la comprensione del testo: I bimestre classe terza.

Riflettere sul vero significato del Natale

Comprendo, illustro, memorizzo, la poesia "Regalo di Natale"

Esercizi di analisi grammaticale per la classe quinta

Giorno di Natale: analisi del testo.

Invento una storia relativa al Natale tramite parole chiave

Verifica di analisi grammaticale per la classe quarta della scuola primaria. - Schede stampabili