Post

Visualizzazione dei post da luglio 24, 2011

Analisi logica di frasi (scuola media)

Esegui l'analisi logica delle seguenti frasi.
Le notti stellate ispirano dolci melodie. Alla National Gallery di Londra si trovano famosi dipinti di Leonardo, Giotto e Michelangelo. I patrizi romani abitavano in lussuose ville di marmo. Ogni sera, al tramonto, osservo il cielo roseo e penso a te. Gli ho scritto un messaggio. 1) Le notti = soggetto stellate = attributo del soggetto ispirano = predicato verbale dolci melodie = complemento oggetto 2) Alla National Gallery = complemento di stato in luogo di Londra = complemento di specificazione si trovano = predicato verbale famosi dipinti = soggetto di Leonardo, Giotto e Michelangelo = complemento di specificazione 3) I patrizi = soggetto romani = attributo del soggetto abitavano = predicato verbale in lussuose ville = complemento di stato in luogo di marmo = complemento di materia 4) Ogni sera = complemento di tempo determinato al tramonto = complemento di tempo determinato
(io) = soggetto sottinteso
osservo = predicato verbale
il cielo roseo = compleme…

La frase e gli elementi che la compongono (grammatica per la scuola media)

La frase, rispetto agli elementi che la compongono, si distingue in quattro modi: semplicecompostacomplessaellittica. La frase sempliceè formata esclusivamente dai due elementi fondamentali per la costruzione della frase: il soggetto e il predicato. Esempio: “Il cielo (soggetto) è nuvoloso (predicato nominale)”. “La maestra (soggetto) spiega (predicato verbale)”. La frase compostaè costituita  da più soggetti e da più predicati. Esempio: “Luisa e Luca (soggetti) sono bambini affettuosi  (predicato nominale)”. La frase è complessaquando è formata, oltre che dal soggetto e dal predicato, da altri elementi che concorrono a formare la frase quali l’attributo, l’apposizione, i complementi. Esempio: “Socrate (soggetto), famoso (attributo) filosofo (apposizione) della magna Grecia (complemento di specificazione),  fu condannato (predicato verbale) dagli  ateniesi (complemento d’agente). La frase viene definita ellittica quando uno o più elementi che la compongono sono sottintesi. Esempio: …

Storia della scuola italiana, dalla Falcucci alla Gelmini (1968 - 2011)

Immagine

Tema: "Non sempre le avventure capitano nei romanzi, quella volta ad esempio … "

Immagine
Tema
Non sempre le avventure capitano solo nei romanzi, quella volta ad esempio ...
Nei libri si susseguono molte avventure, ma anche nella mia vita ne ho vissute di tutti i colori come ad esempio quella che mi è capitata a La Spezia. Dovevamo disputare una gara di nuoto e ci recammo là nel pomeriggio precedente, dormimmo in albergo e lì ne capitarono di tutti i colori. Di notte sentimmo bussare alla porta due o tre volte sino a che non ci riunimmo tutti in una stanza. Nessuno aveva sonno allora giocammo al gioco delle smorfie dove ridi e ti diverti un mondo. Poi si sentì un tuono, la pioggia scrosciava sui tetti e un fulmine attraversò il cielo cupo. la luce mancò e si sentì sbattere la finestra. Urlammo come dei matti e la nostra allenatrice corse da noi. Disse che era solo un guasto momentaneo all'impianto elettrico e che il rumore alla finestra era dovuto all'impianto elettrico e che il rumore alla finestra era solo dovuto ad un tecnico che lavorava. Passata la paura sospirammo…

Tema "Una gita"

Immagine
Tema Una gita
(Inizio)  Ogni anno vado in Alto Adige e mi diverto sempre tantissimo. Di solito, quando faccio questo viaggio, i giorni sono organizzati in questo modo: mi alzo al mattino presto, mi vesto e vado a lezione di sci; finito il corso, mi vengono a prendere i miei genitori e scio con loro, ma un giorno, meraviglia delle meraviglie, andammo in gita.
(Svolgimento) Mio padre non venne perché non sapeva sciare, ma sta imparando tuttora: va a lezione tutti i giorni e si allena come un campione mondiale; il suo problema è che mentre scia, si "siede" e mette gli sci a spazzaneve (sei tremenda). Ora parliamo della gita: prendemmo la funivia e andammo a sciare su un'altra montagna. Appena arrivate (io, mia mamma e mia sorella Leila) ci mettemmo e mia madre disse: "Seguite i cartelli con le frecce rosse e prendete un bella rincorsa: subito dopo questa discesa c'è una salita". Dopo aver fatto tanta strada, mia mamma si fermò e disse:"Avete fame?". Mi sorp…

La descrizione della persona: "Il mio maestro"

Immagine
Tema Il mio maestro
Quant'è simpatico! Sì, sto parlando del mio maestro Ercole Bonjean. Il maestro è di media statura, di corporatura robusta, con il viso paffuto; le mani sono abbastanza grassottelle, le labbra sottili e la bocca molto piccola. I suoi occhi sono chiari, di un colore non ben definibile, che dietro le lenti degli occhiali ispirano tanta tanta simpatia e serenità. Il naso è aquilino e i capelli sono di un colore biondo cenere, in qualche punto brizzolati. Il maestro indossa di solito pantaloni di velluto e maglioni  con la scollatura a "V".  In questo periodo siccome la temperatura è aumentata, porta un paio di jeans blu e una maglia più estiva a rombi multicolori, con sotto una camicia classica a quadretti blu e bianchi. Il mio maestro ama scherzare con noi alunni; quando bisogna lavorare però è abbastanza severo. Egli è un maestro che ci tiene a farci andare alle medie preparati.Il maestro ci fa divertire e, secondo me, fa diventare le lezioni che potrebbero …